Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Fallimento: progetti di risanamento

del 23/03/2012
CHE COS'È?

Fallimento progetti di risanamento: definizione

Il progetto (o piano) di risanamento è un piano predisposto dall’imprenditore che si trovi in stato di crisi, al fine di ottenere il riequilibrio finanziario e il risanamento aziendale, per la prosecuzione dell’attività d’impresa.
La legge non detta regole dettagliate circa il contenuto del piano, limitandosi a stabilire che esso deve apparire idoneo a consentire il risanamento dell’esposizione debitoria dell’impresa e ad assicurare il riequilibrio della sua situazione finanziaria, sulla base di un giudizio di ragionevolezza espresso da un professionista abilitato. In fatto, pertanto, il piano può avere i contenuti più vari, rimessi alle valutazioni contingenti dell’imprenditore; così potranno essere previsti, senza alcun limite, rateizzi, differimenti di pagamento, moratorie, operazioni straordinarie, eccetera purché idonei ad ottenere il risanamento e giudicati ragionevoli dal professionista attestatore, secondo una corretta valutazione, da compiersi sulla base delle regole della professione contabile-aziendalistica.
Al piano di risanamento fa cenno l’articolo 67, comma 3 lettera d) della legge fallimentare (Regio Decreto 16 marzo 1942 n. 267), stabilendo che, nel caso di fallimento, gli atti compiuti in esecuzione del piano non sono soggetti a revocatoria fallimentare.
Egualmente, il compimento di tali atti esenta l’imprenditore dal reato di bancarotta (articolo 217-bis della legge fallimentare).
Secondo autorevole dottrina tali effetti decorrono dal momento in cui è rilasciata l’attestazione di ragionevolezza da parte del professionista abilitato.

COME SI FA
Il piano di risanamento non prevede alcun intervento di carattere giudiziale.
Si tratta di un atto dell’imprenditore, al pari di un qualsiasi piano industriale, la cui affidabilità è rimessa esclusivamente al giudizio di ragionevolezza espresso dal professionista attestatore.

CHI
Il piano deve essere asseverato da un commercialista o da un avvocato (oppure uno studio associato o società tra professionisti i cui soci siano iscritti agli albi degli avvocati o dei commercialisti) iscritto nell’Albo dei Revisori; il professionista deve attestare la ragionevolezza del piano, ai sensi di quanto dispone l’articolo 2501-bis codice civile in tema di fusione di società e, quindi, con indicazione delle risorse finanziarie con cui si prevede di soddisfare le obbligazioni dell’impresa.
Il richiamo all'articolo 2501 bis ha insinuato il dubbio che, nel caso di piano presentato da una Spa, il professionista debba essere nominato dal Tribunale.
La dottrina prevalente e la giurisprudenza sembrano essere orientate ad escludere tale evenienza.

vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

FALLIMENTO: VOCI CORRELATE

Fallimento: chiusura della procedura

di Avv. Nicola Soldati del 29/03/2012

La procedura di fallimento si chiude in base all’articolo 118 Legge Fallimentare in quattro casi: ..

Fallimento: espropriazione forzata

di Avv. Elisabetta Fedegari del 27/03/2012

L’esecuzione forzata di natura collettiva si attua mediante le procedure concorsuali, che sono rappr..

Fallimento: dichiarazione

di Avv. Nicola Soldati del 23/03/2012

La sentenza mediante la quale si apre la procedura fallimentare è emessa dal Tribunale del luogo dov..

Fallimento: ammissione al passivo

di Avv. Laura Durello del 08/07/2016

Qualunque soggetto sia creditore di un imprenditore fallito ha diritto ad insinuarsi al passivo del ..

Azione revocatoria fallimentare

di Avv. Marco Agami del 27/03/2012

Uno dei tratti distintivi della procedura fallimentare è la cosiddetta par condicio creditorum, ovve..