Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Confusione di patrimoni societari

del 20/11/2017
CHE COS'È?

Confusione di patrimoni societari: definizione

Quando si parla di confusione di patrimoni societari ci si riferisce all'attività del socio di una società che utilizza il proprio patrimonio per fini sociali e il patrimonio sociale per fini personali, violando in maniera palese le norme societarie che riguardano i diritti e i doveri dei soci in relazione al patrimonio sociale. 


COME SI FA

Quali sono le conseguenze della confusione di patrimoni societari?

Alcuni giudici e alcuni autori reputano che i soci che si rendono autori della confusione di patrimoni societari siano tenuti ad assumere responsabilità illimitata per tutte le obbligazioni che sono state assunte in via formale in nome della società di capitali. A questa ipotesi viene applicata la teoria dell'imprenditore occulto, e al tempo stesso il concetto di persona giuridica è sottoposto a revisione critica.

Che cosa è la confusione dei patrimoni tra società controllante e società controllata?

Si tratta dell'attività attraverso la quale gli amministratori di una società controllante dispongono del patrimonio delle società controllate in maniera libera, agendo come se non ci fosse distinzione tra controllate e controllante, che vengono considerate come una società unica, senza che vengano rispettate in alcun modo le norme societarie. I creditori delle controllate, secondo diversi autori, hanno la possibilità di chiedere che la controllante perda il beneficio della responsabilità limitata, così che la stessa sia obbligata a soddisfare le loro ragioni.

Che cosa prevede l'estinzione dei diritti reali per confusione?

La confusione è una causa generale di estinzione del diritto reale su cosa altrui, un evento che si verifica nel caso in cui, nell'ambito di una successione ereditario, la titolarità di un diritto minore su una cosa viene attribuita al proprietario. In virtù della consolidazione, la proprietà si trasforma in piena proprietà, mentre si estingue il diritto minore. L'estinzione dell'obbligazione per confusione, invece, si concretizza nel momento in cui nella stessa persona si riuniscono la qualità di creditore e quella di debitore: ciò può avvenire se il debitore è un erede del creditore. Non si può essere creditori di sé stessi, ovviamente.


CHI

I soci di una società.


FAQ

1. In che cosa consiste la confusione dei patrimoni?

La confusione dei patrimoni rappresenta la conseguenza principale che deriva dalla pura e semplice accettazione dell'eredità e dell'acquisizione del titolo di erede. A causa della confusione, infatti, il patrimonio dell'erede e il patrimonio ereditario diventano un patrimonio unico: contro questo patrimonio si possono rivolgere i creditori personali dell'erede e i creditori ereditari. Nel caso in cui il patrimonio ereditario risultasse gravato di debiti in misura eccessiva, essi potrebbero essere soddisfatti dall'erede con i suoi beni; nel caso in cui, invece, i creditori personali dell'erede fossero molti e quelli ereditari pochi, questi ultimi potrebbero essere compromessi dal concorso dei creditori personali sui beni ereditari. Per evitare una situazione di questo tipo, si ricorre all'accettazione dell'eredità con il beneficio di inventario, che non solo scongiura la confusione, ma fa anche in modo che la responsabilità dell'erede per i debiti sia limitata. I creditori ereditari che sono intenzionati a mantenere le proprie pretese sui beni ereditari salve non devono fare altro che chiedere la separazione.

2. Quali sono gli effetti della confusione?

L'articolo 1253 del codice civile specifica che nel momento in cui la qualità di debitore si associa alla qualità di creditore nella stessa persona si estingue l'obbligazione e sono liberati i terzi che hanno prestato garanzia per il debitore. 
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

REATI SOCIETARI: VOCI CORRELATE

Abuso di informazioni privilegiate

di del 04/03/2016

L'abuso di informazioni privilegiate è un delitto previsto dall'articolo 184 del T.U.F., il Testo un..

Abusivismo dei promotori finanziari

di Avv. Antonio Lamarucciola del 08/09/2011

L’abusivismo finanziario è la fattispecie di reato prevista dall’articolo 132 Testo Unico Bancario, ..

Abusivismo bancario e finanziario

di del 29/10/2015

L'abusivismo bancario e finanziario è disciplinato dall'articolo 131 e dall'articolo 132 del Testo U..

Ostacolo alle funzioni delle pubbliche autorità di vigilanza

di del 26/10/2017

Il reato di ostacolo alle funzioni delle pubbliche autorità di vigilanza è disciplinato dall'articol..

False comunicazioni sociali

di del 03/05/2016

Quello relativo alle false comunicazioni sociali è un reato cosiddetto di tipo societario. L'articol..