Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Amministrazione controllata

del 30/03/2012
CHE COS'È?

Amministrazione controllata: definizione

In origine, l’articolo 203 del regio decreto 16 marzo 1942 n. 267 (forse più noto come legge fallimentare) recitava: “accertato giudizialmente lo stato d’insolvenza a norma degli articoli 195 o 202, sono applicabili con effetto dalla data del provvedimento che ordina la liquidazione le disposizioni del titolo II, capo III, sezione III, anche nei riguardi dei soci a responsabilità illimitata (147, 222). Si applicano nei confronti di questi ultimi, degli amministratori (comma 2380), dei direttori generali (comma 2396) dei liquidatori (comma 2450) e dei componenti degli organi di vigilanza le disposizioni degli artticoli 216 a 219 e 223 a 225. L’esercizio delle azioni di revoca degli atti compiuti in frode dei creditori compete al commissario liquidatore. Il commissario liquidatore presenta al procuratore della Repubblica una relazione in conformità di quanto è disposto dall’articolo 33 comma 1”.
In virtù della modifica apportata dall’articolo 99 comma 1 del decreto legislativo 8 luglio 1999 n. 270, il testo attuale dell’articolo 203 della legge fallimentare recita: “accertato giudizialmente lo stato d’insolvenza a norma degli articoli 195 o 202, sono applicabili con effetto dalla data del provvedimento che ordina la liquidazione le disposizioni del titolo II, capo III, sezione III, anche nei riguardi dei soci a responsabilità illimitata. L’esercizio delle azioni di revoca degli atti compiuti in frode dei creditori compete al commissario liquidatore. Il commissario liquidatore presenta al procuratore della Repubblica una relazione in conformità di quanto è disposto dall’articolo 33 comma 1”.
È con ciò abrogato l’istituto dell’amministrazione controllata, ferme restando le altre disposizioni penali della legge fallimentare.
Va avvertito che alla rilevanza penale dei fatti un tempo rivelati dall’amministrazione controllata, oggi supplisce l’articolo 203 legge fallimentare (nel nuovo testo), coordinato con l’articolo 237 legge fallimentare e con l’articolo 95 del decreto legislativo 8 luglio 1999 n. 270: dall’accertamento dello stato d’insolvenza, divengono perseguibili i fatti di bancarotta prefallimentare come se fosse stato pronunziato il fallimento.

COME SI FA
Ogni qualvolta è accertata l’insolvenza, i fatti di bancarotta risultano punibili. Secondo la Cassazione (Cassazione penale, Sezione Unite, 26/02/2009 n. 24468) i fatti di bancarotta perseguiti in base all’ammissione dell’imprenditore all’amministrazione controllata sono ormai non punibili.
Detti fatti non vanno più perseguiti per essere la loro punibilità esclusa, avendo la Corte di Cassazione a Sezioni Unite ritenuto che la norma abolitrice dell’amministrazione controllata debba considerarsi norma penale sostanziale successiva e più favorevole al reo. Pertanto tale norma ha, secondo le Sezioni Unite della Cassazione, efficacia retroattiva.
Molto discusso fu, in precedenza, il ruolo dell’amministrazione controllata nella fattispecie della bancarotta.
Posto però che sono ormai decorsi due anni dalla pronunzia delle Sezioni Unite penali della Cassazione, e addirittura dodici dal ricordato decreto legislativo 8/7/199 n. 270, si deve ritenere che oggi tutte le bancarotte, la cui punibilità si basava sull’amministrazione controllata, siano state dichiarate non punibili.
Praticamente, cioè, tutte le bancarotte rivelate dai provvedimenti di amministrazione controllata sono state rese non punibili dalle sentenze intervenute dopo la pronunzia delle Sezioni Unite, che ha accolto la tesi della retroattività da attribuirsi all’abrogazione. La decisione delle Sezioni Unite non è conforme a taluni tra gli orientamenti della dottrina: in particolare, all’opinione sostenuta da quegli studiosi che considerano la declaratoria di fallimento condizione di procedibilità, con la conseguenza che sarebbe stata condizione di procedibilità pure l’amministrazione controllata.
S’intende che se si fosse seguito quest’orientamento, la norma abrogativa dell’amministrazione controllata, essendo norma processuale, non avrebbe avuto efficacia retroattiva. È infatti soltanto la norma di diritto sostanziale più favorevole al reo che, ai sensi dell’articolo 2 del codice penale, ha efficacia retroattiva.
Oggi comunque le dispute sull’amministrazione controllata, prima assai vive,  hanno soltanto valore storico .
Si deve infatti ritenere che tutte le sentenze di condanna delle bancarotte rivelate dalle amministrazioni controllate siano ormai state revocate.
Il condannato per bancarotta rivelata da un provvedimento di ammissione all'amministrazione controllata ha diritto oggi all’annullamento della condanna, sulla base della ricordata sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione penale.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

PROCEDURE CONCORSUALI: VOCI CORRELATE

Amministrazione straordinaria

di Avv. Maria Nefeli Gribaudi del 14/07/2016

L'amministrazione straordinaria rappresenta una procedura concorsuale regolata dal decreto legislati..

Liquidazione coatta amministrativa: liquidazione dell'attivo

di Avv. Maria Nefeli Gribaudi del 03/04/2012

Il procedimento di liquidazione dell'attivo proprio della procedura concorsuale della liquidazione c..

Liquidazione coatta amministrativa

di Avv. Domenico Margariti del 08/07/2016

La liquidazione coatta amministrativa è una procedura concorsuale “alternativa” al fallimento, regol..

Stato di insolvenza

di Avv. Nicola Soldati del 12/07/2016

L’insolvenza è una situazione non transitoria ma funzionale di oggettiva impotenza in cui versa l’im..

Commissario giudiziale

di del 02/05/2016

La figura del commissario giudiziale ricopre un ruolo molto importante nel contesto di un concordato..