CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Fallimento: ripartizione dell'attivo

Ordine degli Avvocati di Modena

Argomento:

Fallimento

Aggiornato al 27/03/2012

CHE COS'È

Una volta approvato il conto e liquidato il compenso del curatore, il Giudice delegato, sentite le proposte del curatore, ordina il riparto finale.
Nel riparto finale vengono distribuiti anche gli accantonamenti precedentemente fatti. Tuttavia, se la condizione non si è ancora verificata, ovvero se il provvedimento non è ancora passato in giudicato, la somma è depositata nei modi stabiliti dal Giudice delegato, perché, verificatisi gli eventi indicati, possa essere versata ai creditori cui spetta o fatta oggetto di riparto supplementare fra gli altri creditori.
Gli accantonamenti non impediscono la chiusura della procedura.
COME SI FA

Il Giudice delegato, nel rispetto delle cause di prelazione, può disporre che a singoli creditori che vi consentono siano assegnati, in luogo delle somme agli stessi spettanti, crediti di imposta del fallito non ancora rimborsati.
Il Giudice, anche se è intervenuta l'esdebitazione del fallito, omessa ogni formalità non essenziale al contraddittorio, su ricorso dei creditori rimasti insoddisfatti che abbiano presentato la richiesta di cui al quarto comma, dispone la distribuzione delle somme non riscosse in base all'articolo 111 Legge Fallimentare fra i soli richiedenti.

CHI

Per i creditori che non si presentano o sono irreperibili le somme dovute sono nuovamente depositate presso l'ufficio postale o la banca già indicati ai sensi dell'articolo 34 Legge Fallimentare.
Decorsi cinque anni dal deposito, le somme non riscosse dagli aventi diritto e i relativi interessi, se non richieste da altri creditori, rimasti insoddisfatti, sono versate a cura del depositario all'entrata del bilancio dello Stato per essere riassegnate, con decreti del Ministro dell’economia e delle finanze, ad apposita unità previsionale di base dello stato di previsione del Ministero della giustizia.

FAQ

Possono essere effettuate ripartizioni parziali dell’attivo nel corso della procedura?

Nel corso della procedura il curatore, ogni quattro mesi a partire dalla data del decreto previsto dall'articolo 97 Legge Fallimentare o nel diverso termine stabilito dal giudice delegato, presenta un prospetto delle somme disponibili ed un progetto di ripartizione delle medesime, riservate quelle occorrenti per la procedura.
Il giudice ordina il deposito del progetto di ripartizione in cancelleria; i creditori, entro il termine perentorio di quindici giorni dalla ricezione della comunicazione di cui al secondo comma, possono proporre reclamo al giudice delegato contro il progetto di riparto; decorso tale termine, il giudice delegato, su richiesta del curatore, dichiara esecutivo il progetto di ripartizione.


Questa spiegazione ti è stata utile?
Vuoi collaborare a migliorare il contenuto? La spiegazione..

STUDI COMPETENTI SULLA VOCE

Interpreti e Traduttori

Traduzioni Professionali

via Luigi Mancinelli, 46
00199 Roma (ROMA)
Tel. +393332730981

gabriella.caporali@libero.it

IN EVIDENZA
Reati fallimentari, Commercio internazionale, Traduzioni, Perizie tecniche, CTU, Servizi per professionisti, Fiscalità internazionale, Finanza e mercati, Processo civile, Contrattualistica Pubblica Amministrazione
Avvocati

Studio Legale Viti - Patella

via Nicola Bavaro, 75
70123 Bari (BA)
Tel. www.studioviti.it

pierfrancescoviti@studioviti.it - www.studioviti.it

IN EVIDENZA
Contratti commerciali, Violazioni del codice della strada, Condominio, Rapporto di lavoro, Energie rinnovabili, Fallimento, Illeciti amministrativi, Recupero crediti, Processo civile, Contrattualistica Pubblica Amministrazione
Avvocati

NL Studio Legale

Piazza Castello, 24
20121 Milano (MI)
Tel. 0272020041 - Fax. 0247921271

info@studio-nl.com - www.studio-nl.com

IN EVIDENZA
Consulenze civilistiche, Procedure concorsuali, Società commerciali, Marchi e brevetti, Recupero crediti, Prodotti finanziari, Tutela del lavoratore, Consumatori, Responsabilità medica, Tutela dei diritti
CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →







VOCI CORRELATE

Piccoli imprenditori: fallibilità
Aggiornato al 13/06/2011


Azione revocatoria fallimentare
Aggiornato al 27/03/2012


Curatore fallimentare
Aggiornato al 30/03/2012


Fallimento: revocazione del credito
Aggiornato al 29/03/2012


Fallimento: dichiarazione
Aggiornato al 23/03/2012


Fallimento: ammissione al passivo
Aggiornato al 29/03/2012


Fallimento: istanza
Aggiornato al 23/03/2012


Opposizione allo stato passivo
Aggiornato al 08/10/2012


Fallimento: espropriazione forzata
Aggiornato al 27/03/2012


[x] chiudi

Fallimento: effetti per il fallito
Aggiornato al 30/05/2012



FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio
La redazione è offline