Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Fallimento: effetti per il fallito

del 30/05/2012
CHE COS'È?

Fallimento effetti per il fallito: definizione

La sentenza dichiarativa del fallimento determina per il fallito, sia esso una persona fisica o una società, effetti giuridici, economici, personali e processuali i quali decorrono dalla data di pubblicazione della sentenza coincidente con il deposito in cancelleria della stessa.
In primo luogo il fallito perde automaticamente, senza che all'uopo siano necessarie azioni esecutive, la capacità di amministrare e disporre dei propri beni esistenti al momento della dichiarazione del fallimento o pervenuti al fallito durante la procedura fallimentare: gli atti da lui compiuti e i pagamenti effettuati e ricevuti divengono da tale momento inefficaci nei confronti dei creditori, così come le formalità necessarie per rendere opponibili ai terzi gli atti compiuti prima del fallimento che siano compiute dopo la dichiarazione dello stesso; si pensi, a titolo esemplificativo, agli acquisti di immobili che siano trascritti dopo la sentenza di fallimento.
Vengono sottratti al fallimento i beni di natura personale quali gli assegni aventi carattere alimentare, stipendi, pensioni, salari e ciò che il fallito guadagna con la sua attività entro i limiti di quanto occorre per il mantenimento suo e della famiglia, i frutti derivanti dall'usufrutto legale sui beni dei figli, i beni costituiti in fondo patrimoniale e i frutti di essi, salvo quanto è disposto dall'articolo 170 del codice civile, i beni definiti per legge impignorabili. Nelle società di persone, e limitatamente a queste, sono sottratti al fallimento i beni strumentali all'esercizio dell'attività lavorativa dei soci quando all'interno della società la loro attività personale risulta prevalente rispetto al fattore capitale.
Sotto il profilo degli effetti personali, il fallito persona fisica deve consegnare al curatore la propria corrispondenza, inclusa quella elettronica, riguardante i rapporti compresi nel fallimento.
Se invece l'impresa è esercitata in forma societaria, la corrispondenza generalmente diretta alla società è consegnata al curatore.
Con la pronuncia dichiarativa del fallimento viene sancito l'obbligo per il fallito di depositare i bilanci e le scritture contabili e fiscali obbligatorie, nonché l'elenco dei creditori, entro tre giorni dalla stessa: l'inottemperanza di tale obbligato è sanzionato penalmente.
Il fallito, così come il legale rappresentante della società fallita, deve comunicare al curatore ogni cambiamento della propria residenza o del proprio domicilio al fine di garantire la propria reperibilità, nonché deve presentarsi davanti agli organi della procedura qualora ne facciano richiesta, salva la facoltà di comparire a mezzo di mandatario per qualsiasi giustificato motivo, previa autorizzazione del Giudice delegato.
La società dichiarata fallita, inoltre, non può partecipare a gare di appalti per le opere pubbliche.
Sotto il profilo processuale, il fallito o l'amministratore della società fallita perde la capacità di stare in giudizio per le controversie relative ai rapporti di diritto patrimoniale compresi nel fallimento. Permane tuttavia in capo al soggetto dichiararto fallito la capacità processuale relativamente ad alcuni atti attinenti alla procedura fallimentare, quali ad esempio l'impugnazione della sentenza dichiarativa del fallimento o il reclamo contro i provvedimenti del curatore ovvero per i rapporti non acquisibili nella massa fallimentare.
Vi sono poi reati propri per cui la sentenza dichiarativa di fallimento opera come condizione obiettiva di punibilità (ad esempio la bancarotta).

COME SI FA
Gli effetti derivanti dal fallimento decorrono dalla data di pubblicazione della sentenza dichiarativa del fallimento.

CHI
E' soggetto a fallimento l'imprenditore commerciale (sono quindi escluse le imprese agricole), individuale o collettivo (società) con esclusione degli Enti pubblici e dei piccoli imprenditori.

vota  

DISCUSSIONI ARCHIVIATE

Angela

07/09/2012 18:28:39

Buonasera, avrei bisogno se può di sapere quanto segue:
Mio marito è stato dichiarato fallito.
Il fallimento è ancora in essere.
Può essere Presidente di un'associazione non a scopo di lucro?
Grazie

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

FALLIMENTO: VOCI CORRELATE

Fallimento: presupposti soggettivi e oggettivi

di Avv. Marco Agami del 11/07/2016

Non tutti gli imprenditori possono essere sottoposti a fallimento.La legge fallimentare (art 1 legge..

Azione revocatoria fallimentare

di Avv. Marco Agami del 27/03/2012

Uno dei tratti distintivi della procedura fallimentare è la cosiddetta par condicio creditorum, ovve..

Fallimento: chiusura della procedura

di Avv. Nicola Soldati del 29/03/2012

La procedura di fallimento si chiude in base all’articolo 118 Legge Fallimentare in quattro casi: ..

Fallimento: ammissione al passivo

di Avv. Laura Durello del 08/07/2016

Qualunque soggetto sia creditore di un imprenditore fallito ha diritto ad insinuarsi al passivo del ..

Fallimento

di Avv. Nicola Soldati del 23/03/2012

Il fallimento è lo strumento attraverso il quale si supera l'inattività o la volontà contraria al so..