Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Srl: circolazione delle partecipazioni

del 03/03/2011
CHE COS'È?

Srl circolazione delle partecipazioni: definizione

Le quote di partecipazione in società a responsabilità limitata, così come per le altre tipologie di società di capitali, sono per legge liberamente trasferibili, con l'effetto di mutare la compagine dei soci della società. In particolare, l'art. 2469 cod. civ. stabilisce espressamente il principio della libera trasferibilità delle quote sociali di s.r.l., sia per atto tra vivi (compravendita) che a causa di morte, salvo che l'atto costitutivo della s.r.l. non disponga in maniera diversa.
La norma in questione, dunque, consente ai soci fondatori di una s.r.l. di prevedere, nell'atto costitutivo, alcune forme di limitazione alla libera trasferibilità delle partecipazioni sociali. Il comma 2 dell’art. 2469 cod. civ. distingue due tipologie di limitazione che possono essere contenute nell'atto costitutivo:

  • intrasferibilità assoluta delle quote;
  • intrasferibilità relativa delle quote (trasferimento subordinato al gradimento di soci od organi sociali).

La stessa norma, quindi, sancisce che, in caso di intrasferibilità assoluta o di intrasferibilità relativa senza condizioni o limiti, oppure con condizioni o limiti che impediscano in concreto il trasferimento delle quote per causa di morte, il socio (o i suoi eredi in causa di trasferimento mortis causa) possa esercitare il diritto di recesso dalla società. È infine previsto che lo stesso atto costitutivo possa stabilire un termine, non superiore a due anni a far data dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione (se successiva), prima della scadenza del quale il recesso non possa venire esercitato dal socio che subisce dei limiti alla trasferibilità della propria quota.

Avv. Marco Agami
Ordine degli Avvocati di Padova
ACLaw - Ceccon & Associati


COME SI FA

Il trasferimento delle quote di s.r.l. si effettua per atto pubblico o per scrittura privata autenticata da notaio. Entro trenta giorni dalla redazione dell'atto pubblico o dall’autentica notarile, il notaio rogante o autenticante deve depositare il medesimo atto presso l'ufficio del Registro delle Imprese competente per il luogo in cui si trova la sede legale della società. A partire dal giorni del deposito, il trasferimento della quota ha efficacia nei confronti della società e può essere opposto ai terzi. Se il trasferimento avviene a causa di morte, il deposito deve essere effettuato a richiesta dell'erede o del legatario assegnatari della quota, dietro presentazione della documentazione da cui risulti il trasferimento (certificato di morte, eventuale testamento, atto di notorietà da cui risulti la qualità di erede o legatario).
Particolari disposizioni sono dettate dalla legge nel caso in cui, in seguito ad un trasferimento di quote, risulti un'unica partecipazione intestata ad un solo socio. In questa ipotesi, gli amministratori della società devono depositare, per l'iscrizione del trasferimento nel Registro delle Imprese, una dichiarazione da cui risultino le generalità complete dell’unico socio, entro trenta giorni dal trasferimento delle quote. Medesimi incombenti spettano agli amministratori qualora si verifichi un trasferimento dell'unica quota da un unico socio ad altro unico socio.
Va prestata particolare attenzione alla pubblicità richiesta dalla legge per le s.r.l. con unico socio: l'art. 2462 comma 2 cod. civ. stabilisce, infatti, che fino a quando questa non sia adempiuta l’unico socio risponde illimitatamente con il proprio patrimonio per i debiti sociali.
Qualora, infine, in seguito ad un trasferimento parziale dell'unico quota, venga ricostituita la pluralità dei soci, gli amministratori dovranno depositare un'apposita dichiarazione al Registro delle Imprese, sempre entro trenta giorni dall'atto di trasferimento.


CHI

Soggetti essenziali di un trasferimento di quote per atto tra vivi sono il socio alienante, l’acquirente futuro socio ed il notaio rogante l'atto pubblico di compravendita oppure autenticante la scrittura privata relativa (l'autentica deve riguardare la firma sia dell'alienante che dell'acquirente), che si occuperà anche del deposito presso il Registro delle Imprese ai fini dell’iscrizione del trasferimento.
Si ritiene comunque utile, e vivamente consigliato, che l'aspirante acquirente di una quota di s.r.l., così come per altre partecipazioni sociali, sia assistito da diverse categorie di professionisti (contabili e finanziari, fiscali e legali) che possano consigliarlo sull'opportunità dell’operazione di acquisizione con adeguate due diligences.
Ad esempio, ad un consulente legale dovrebbe essere demandata l'analisi dei seguenti aspetti relativi alla società la cui quota si intende acquisire: la struttura organizzativa della società, la situazione del capitale ed il patrimonio, i rapporti finanziari ed i contratti in essere, i rapporti con la pubblica amministrazione, i rapporti di lavoro, la proprietà intellettuale ed industriale, il rispetto delle normative settoriali e sulla sicurezza sul lavoro, nonché in materia di privacy. 


FAQ

Quali sono le conseguenze della mancata o ritardata iscrizione del trasferimento di quote nel Registro delle Imprese?

Si ritiene che l'iscrizione del trasferimento della quota nel Registro delle Imprese sia un requisito previsto dalla legge non tanto per la validità dell'atto di trasferimento, quanto per la sua pubblicità. Pertanto, l'atto di trasferimento deve ritenersi valido tra alienante ed acquirente della quota sin dalla sua stipulazione, tuttavia esso non potrà essere opposto ai terzi (nemmeno alla società, che continuerà legittimamente a considerare l'alienante come socio fino all'avvenuta iscrizione del trasferimento).Nemmeno il termine di 30 giorni per l'iscrizione è perentorio, salva la responsabilità del notaio per i danni eventualmente derivanti alle parti dalla ritardata iscrizione.

Un nuovo socio è responsabile dei debiti del precedente socio?

L'art. 2472 cod. civ. stabilisce che il socio alienante è responsabile in solido con il nuovo socio acquirente della quota per i versamenti di capitale ancora dovuti alla società, per un periodo di tre anni dall'iscrizione del trasferimento nel Registro delle Imprese.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA: VOCI CORRELATE

Srl: controlli

di Avv. Nicola Soldati del 04/10/2011

Nella società a responsabilità limitata l'atto costitutivo può prevedere, determinandone le competen..

Srl: amministrazione e rappresentanza

di Avv. Nicola Soldati del 22/03/2011

Nella società a responsabilità limitata, salvo diversa disposizione dell'atto costitutivo, l'amminis..

Srl: azione di responsabilità controlli individuali

di Avv. Nicola Soldati del 22/03/2011

Nella società a responsabilità limitata, gli amministratori sono solidalmente responsabili verso la ..

Società a responsabilità limitata

di Dott. Franco Alessio del 26/01/2011

La società a responsabilità limitata è un ente dotato di personalità giuridica, che rientra nel nove..

Srl: conferimenti

di Avv. Marco Agami del 03/03/2011

Come per le altre tipologie di società di capitali, i conferimenti costituiscono la copertura del va..