Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Contabilità: redazione bilanci

del 02/01/2017
CHE COS'È?

Contabilità redazione bilanci: definizione

La redazione dei bilanci in contabilità presuppone la preparazione di tutti i documenti contabili che, ai sensi di legge, un'impresa è tenuta a redigere periodicamente con l'obiettivo di accertare la propria situazione finanziaria e patrimoniale in maniera corretta e chiara per perseguire il principio di verità. Il bilancio non è altro che un documento contabile che deve essere compilato dagli amministratori - ma più spesso da professionisti che ricevono l'incarico dagli amministratori - al termine di ciascun periodo amministrativo. Con questo documento si determina anche il risultato economico d'esercizio.


COME SI FA

Come si redige un bilancio?

La redazione dei bilanci deve tenere conto delle norme in vigore previste dai principi contabili e dal TUIR, il Testo Unico delle Imposte sui Redditi, oltre che dal Codice Civile. Allo scopo di compilare un bilancio in maniera adeguata è necessario redigere l'inventario di esercizio, provvedere alla registrazione delle scritture di assestamento, curare la determinazione del saldo dei conti e, una volta redatta la situazione contabile, chiudere i conti nello stato patrimoniale e nel conto economico di fine anno. Lo stato patrimoniale e il conto economico sono, dunque, i documenti da compilare, ma insieme ad essi devono essere presenti anche la relazione sulla gestione, il rendiconto finanziario e la nota integrativa.


CHI

Gli amministratori di una società o i professionisti da essi incaricati.


FAQ

1. Quali sono gli obiettivi della redazione dei bilanci?

Gli scopi principali della redazione dei bilanci sono due: da un lato l'adempimento degli obblighi fiscali e degli obblighi contabili stabiliti dal Codice Civile; dall'altro lato la fornitura di informazioni relative all'andamento della società agli operatori interni ed esterni (i dipendenti, gli analisti finanziari, i fornitori, i soci, i risparmiatori, i creditori e lo Stato). 

2. Quali sono i principi contabili che devono essere rispettati?

L'articolo 2423 bis del Codice Civile indica sei principi contabili da rispettare: la continuità, la prudenza, la competenza, la separazione, la costanza e la prevalenza della sostanza sulla forma.

3. Perché la continuità è indicata tra i principi contabili di riferimento per la redazione di bilanci?

Quando si parla di continuità per la redazione di bilanci si fa riferimento alla necessità di eseguire tutte le valutazioni del caso partendo dal presupposto di un corretto funzionamento aziendale. Ciò vuol dire che non si devono eseguire le valutazioni come se il patrimonio dovesse essere liquidato e i beni dovessero essere venduti, ma con la prospettiva che la società prosegua la propria attività nel corso del tempo. 

4. Perché la prudenza è indicata tra i principi contabili di riferimento per la redazione di bilanci?

Quando si parla di prudenza per la redazione di bilanci si fa riferimento all'esigenza di prendere in considerazione le perdite di competenza e i rischi, anche se si viene a conoscenza degli stessi in seguito alla chiusura dell'esercizio. La prudenza, inoltre, impone che nel determinare il reddito le perdite e gli oneri debbano essere contabilizzati anche se sono solo presunti e incerti, mentre i componenti positivi vanno contabilizzati unicamente se sono stati realizzati effettivamente alla chiusura dell'esercizio.

5. Perché la competenza economica è indicata tra i principi contabili di riferimento per la redazione di bilanci?

Quando si parla di competenza economica per la redazione di bilanci si fa riferimento all'obbligo di tenere conto dei ricavi e degli oneri solo se essi possono essere imputati economicamente all'esercizio, a prescindere dall'incasso e dal pagamento.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

BILANCIO: VOCI CORRELATE

Bilancio: business plan

di del 14/11/2011

Il business plan è un importante strumento di pianificazione economica e finanziaria fondamentale in..

Svalutazione e perdite su crediti

di Dott. Fabrizio Bava del 15/12/2011

I crediti devono essere iscritti in bilancio al presunto valore di realizzo (n. 8, articolo 2426 cod..

Riserva da sovrapprezzo azioni

di Dott. Mauro Michelini del 05/04/2012

La riserva da sovrapprezzo azioni è una riserva di capitale, classificata dall'articolo 2424 codice ..

Imposte anticipate e differite

di Dott. Giovanni Sanfilippo del 12/07/2011

Il codice civile si prefigge la rappresentazione della situazione patrimoniale, finanziaria ed econo..

Bilancio: utili

di Dott. Roberto Fedegari del 06/10/2011

L'utile (o perdita) è il bilancio d’esercizio che riassume i fatti amministrativi dell’impresa in un..