Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Lavoro: permessi per handicap

del 19/09/2017
CHE COS'È?

Lavoro permessi per handicap: definizione

permessi per handicap sul posto di lavoro sono disciplinati dalla legge 104/92, che identifica le regole che devono essere rispettate da chi intende usufruire dei permessi in questione. La legge, in particolare, prevede che i permessi lavorativi possano essere concessi, con modalità diverse, non solo al lavoratore, ma anche al familiare da cui è assistito; perché ciò avvenga, è indispensabile che sia stato riconosciuto ufficialmente un handicap grave. Non bisogna confondere i permessi che sono garantiti ai lavoratori con handicap grave per permettere loro di prendersi cura di sé stessi con i permessi che riguardano la cura di familiari con handicap.


COME SI FA

In cosa consistono i permessi per handicap sul posto di lavoro?

In base a questi permessi, i lavoratori hanno il diritto di assentarsi dal posto di lavoro per due ore al giorno tutti i giorni o, in alternativa, per tre giorni al mese. Nel caso in cui l'attività lavorativa sia di meno di sei ore, ci si può assentare dal lavoro tutti i giorni per non più di un'ora.


CHI

A usufruire dei permessi per handicap sono i lavoratori disabili che dispongono del certificato di handicap con connotazione di gravità in base al comma 3 dell'articolo 3 della legge 104. Questo certificato deve essere rilasciato dalla Commissione dell'Asl di competenza, ed è il solo a cui si può fare riferimento per il conseguimento del permesso: altri certificati di invalidità non sono consentiti. I permessi non possono essere ottenuti da chi lavora presso il proprio domicilio o da chi è impegnato in lavoro domestico. 


FAQ

1. Quali sono le modalità di fruizione dei permessi?

Per quel che riguarda il settore privato, l'Inps permette di scegliere tra la fruizione oraria giornaliera e la fruizione a giorni, anche all'interno dello stesso mese, ma per cambiare è necessario che siano sopravvenute delle necessità impreviste che non potevano essere ipotizzate nel momento in cui la richiesta dei permessi è stata inoltrata: ovviamente, occorre che tali necessità siano documentate ad hoc. L'Inpdap, nel settore pubblico, prevede - oltre alle 2 ore al giorno e ai 3 giorni al mese - una modalità di fruizione ulteriore, che permette di assentarsi per 18 ore al mese.

2. I permessi possono essere cumulati con quelli garantiti per assistere i familiari con handicap?

Sì, come precisato dalla circolare n. 37 del 1999 dell'Inps. I lavoratori, quindi, hanno la facoltà di beneficiare dei permessi per assistere un familiare con handicap anche se il familiare in questione a sua volta usufruisce dei permessi per sé stesso. Tuttavia, ciò è ammesso solo se nel nucleo familiare non ci sono altri familiari che non lavorano e che sono in grado di offrire assistenza e solo se i permessi coincidono: in altre parole, il familiare disabile non deve lavorare nel giorno in cui il familiare che lo assiste utilizza il permesso correlato. Inoltre, per la cumulabilità dei permessi occorre che il lavoratore con handicap abbia realmente bisogno di essere assistito da un familiare: questo bisogno deve essere accertato da un medico Inps.

3. Qual è il trattamento economico previsto?

Sia le ore giornaliere che i giorni di permesso sono retribuiti in misura totale e non incidono sulla maturazione delle ferie, sull'anzianità di servizio, sulla pensione o sulla maturazione della tredicesima mensilità. La retribuzione nel settore privato viene anticipata per conto dell'Inps da parte del datore di lavoro. 
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

ASSENZE E PERMESSI - RAPPORTO DI LAVORO: VOCI CORRELATE

Lavoro: cure termali

di Donatella Chiomento del 29/05/2013

In via ordinaria, il trattamento termale non contempla una prestazione a favore del lavoratore, dove..

Lavoro: permessi per lutto

di del 26/01/2017

Un lavoratore con contratto da dipendente ha il diritto, nel caso di decesso di un familiare, di usu..

Assenza ingiustificata

di del 25/09/2015

Prima di iniziare un discorso sull'assenza ingiustificata riteniamo opportuno fare una precisazione...

Lavoro: permessi studio

di Donatella Chiomento del 02/05/2013

Al fine di promuovere il diritto allo studio e la possibilità di conciliazione studio-lavoro, i lavo..

Lavoro: maternità

di Dott.ssa GIORGIA SIGNAROLDI del 20/01/2012

Il periodo di maternità è disciplinato dal codice civile nel libro riguardante i rapporti di lavoro ..