Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Sindacato

del 22/12/2011
CHE COS'È?

Sindacato: definizione

L’accezione comune designa col termine “sindacato” un organismo che riunisce una determinata categoria di lavoratori con lo scopo di difenderne gli interessi. In realtà il termine definisce un organismo che rappresenta in generale le categorie produttive, siano esse costituite da lavoratori che da datori di lavoro.
In Europa le prime associazioni di lavoratori, le Trade Unions (sindacati di mestiere), sorsero in Gran Bretagna agli inizi dell’800. Nacquero con lo scopo di rendere maggiormente accettabili le condizioni di lavoro nelle fabbriche dopo la 1^ rivoluzione industriale della fine del 18° secolo.
In Italia il movimento sindacale ebbe le sue origini con le società di Mutuo Soccorso e più tardi, nel 1870, con le associazioni operaie di stampo socialista. Nel 1891, a seguito dell’enciclica Rerum Novarum con cui la Chiesa Cattolica fondò la dottrina sociale, nacque anche il movimento sindacale cattolico.
Gli anni che seguirono la 1^ guerra mondiale videro il movimento sindacale raggiungere la sua massima consistenza numerica. Ciò sino all’avvento del fascismo che durante il ventennio costrinse il movimento operaio all’assopimento, all’esilio e alla clandestinità. Nel ventennio i sindacati vennero sciolti e sostituiti dalle Corporazioni.
Negli anni a cavallo della 1^ guerra mondiale in Italia nacquero e si svilupparono con forza i partiti dei lavoratori (il PSI nel1892 e il PCI nel 1921).
Dal momento che sia i partiti dei lavoratori che i sindacati dei lavoratori lottavano per la difesa delle classi lavoratrici, gli interessi coincidenti crearono una commistione di ruoli.
Due furono le teorie alle quali si ispirarono i sindacati dei lavoratori nel mondo:
  • una prima teoria vedeva la separazione tra gli scopi del sindacato e quelli del partito: il primo tendente a difendere gli interessi economici dei lavoratori, il secondo gli interessi politici attraverso una trasformazione della società;
  • una seconda teoria di stampo leninista considerava il sindacato dei lavoratori come strumentale nei confronti del partito dei lavoratori: sebbene tale tipo di sindacato avesse funzioni diverse dal partito, dichiarava con esso una unità di intenti. In tale sindacato si rilevava una funzione prettamente politica di supporto al partito dei lavoratori.
Alla prima teoria si sarebbero informati i sindacati statunitensi, alla seconda quelli italiani.

I sindacati in Italia.
  • La CGIL nacque nel 1944 come continuazione della preesistente CGdL (Confederazione Generale del Lavoro);
  • la UIL, sindacato di matrice laica, democratica e socialista, nacque il 5 marzo del 1950;
  • la CISL, di matrice cristiana, nacque il 30 aprile dello stesso anno;
  • a questi tre sindacati storici, che negli anni settanta venivano unitariamente designati come “triplice” o “Sindacati Confederali”, nello stesso 1950 si aggiunse la CISNAL, ispirata dalle posizioni politiche della destra sociale e, assai più tardi, nel 1996, quale sua erede, l’UGL (Unione Generale del Lavoro);
  • nel 1992, a seguito della decisione dei Sindacati Confederali di chiudere i Consigli di Fabbrica, nacque la CUB (Confederazione Unitaria di Base) caratterizzata dall’agire in maniera completamente autonoma rispetto a padronato, governi, partiti, istituzioni e lobby e col fine di esprimere la propria iniziativa in modo democratico e partecipato, tale da far sì che i lavoratori potessero esprimersi e decidere direttamente sulle questioni che li riguardavano.
L’articolo 39 della Costituzione italiana recita: "L’organizzazione sindacale è libera. Ai sindacati non può essere imposto altro obbligo se non la loro registrazione".
Il 1° comma, che sancisce il principio di libertà di organizzazione sindacale, grazie alla normativa successiva (legge 300 del 30.5.70, Statuto dei Lavoratori, titoli I e III) ha trovato ampio sviluppo diversamente dai commi successivi che sono rimasti nelle intenzioni dei padri costituenti. Infatti per la costituzione di organizzazioni sindacali a tutt’oggi non è prevista registrazione né acquisizione di personalità giuridica.

Dott. Claudio Zaninotto
Ordine dei Consulenti del Lavoro di Pavia
Studio Associato Dott. Claudio Zaninotto e Rag. Mariella Villani

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e la Privacy
Voglio ricevere le newsletter di Professionisti.it
Voglio ricevere informazioni dai partner di Professionisti.it

SINDACATI: VOCI CORRELATE

Referendum

di Rag. Bruno Bertocchi del 16/12/2011

Il referendum è uno strumento di democrazia diretta previsto dallo Statuto dei Lavoratori, per mezzo..

Assemblea

di Rag. Marco Bosticchi del 22/12/2011

La norma di riferimento è lo Statuto dei Lavoratori (legge 20 maggio 1970 n. 300) e precisamente l’a..

Rsa ed rsu

di del 12/04/2016

Le Rsa e le Rsu sono organismi di rappresentanza sindacale dei lavoratori privati e dei lavoratori p..

Attività sindacale nel luogo di lavoro

di del 22/12/2011

Nel nostro ordinamento il riconoscimento della libertà sindacale è costituzionalmente tutelato dall'..

Sciopero

di Dott.ssa GIORGIA SIGNAROLDI del 03/01/2012

L’articolo 40 della Costituzione riconosce lo sciopero come un diritto del lavoratore. Il diritto al..