Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Mansioni

del 03/03/2017
CHE COS'È?

Mansioni: definizione

Nel diritto del lavoro italiano, si parla di mansioni per fare riferimento all'insieme delle specifiche attività e dei compiti che devono essere eseguiti dal prestatore di lavoro nel contesto di un rapporto di lavoro. Esse rappresentano, in particolare, lo specifico oggetto dell'obbligazione lavorativa, e di solito vengono identificate nel contratto di lavoro.


COME SI FA

Che cosa avviene in seguito alla modifica delle mansioni?

La modifica delle mansioni è un'eventualità che può essere presa in considerazione in virtù dello jus variandi, in base al quale il datore di lavoro ha il potere - appunto - di mutare le mansioni dei lavoratori, sempre nel rispetto della legge, al di là dell'ambito convenuto, non andando oltre quanto previsto dai contratti collettivi e fermo restando il diritto dei lavoratori di beneficiare - secondo quanto previsto dall'articolo 36 della Costituzione - di una retribuzione proporzionata, dignitosa e in linea con la quantità e la qualità del loro lavoro.

Che differenza c'è tra compiti e mansioni esecutive?

Le mansioni esecutive e i compiti sono due cose diverse: i compiti, infatti, sono delle prestazioni lavorative per le quali entrano in gioco le abilità intellettive di chi è chiamato a svolgerli, mentre quando si fa riferimento alle mansioni si indicano semplicemente attività di lavoro che sono strettamente connesse agli ordini provenienti dai datori di lavoro: in pratica esse rappresentano l'oggetto dell'obbligazione che i lavoratori devono con la propria prestazione, il cui corrispettivo è costituito dalla retribuzione.

Che cosa si intende con "ruolo"?

Un ruolo non è altro che la posizione specifica o l'incarico che il lavoratore ha all'interno di un'organizzazione: da un ruolo derivano mansioni, compiti, responsabilità e - in alcuni casi - autorità, ma anche determinate capacità e competenze.


CHI

I lavoratori.


FAQ

1. Qual è il riferimento normativo in materia di mansioni?

Il principio di contrattualità delle mansioni si ritrova nel codice civile italiano all'articolo 2013, mentre nello Statuto dei Lavoratori e nel Jobs Act si sottolinea che è necessario che i lavoratori vengano adibiti alle mansioni per cui sono stati assunti. Nel caso in cui all'interno di un'azienda si verifichi un cambiamento degli assetti organizzativi i cui effetti si riflettono sulla posizione dei lavoratori, a essi possono essere attribuite delle altre mansioni, purché rientrino nella stessa categoria legale anche se appartengono a un livello di inquadramento più basso. La variazione delle mansioni, in ogni caso, deve essere comunicata per iscritto: se ciò non avviene, la variazione è da considerarsi nulla, e può essere conservato il livello di inquadramento originario (così come può essere mantenuto il trattamento retributivo in vigore).

2. Un lavoratore può essere assegnato a mansioni superiori a quelle previste in origine?

Sì: come si può leggere all'articolo 2013 del codice civile, un lavoratore può essere assegnato a mansioni superiori, a patto che gli venga garantito un trattamento adeguato. Diverso è il caso di un'assegnazione a mansioni inferiori: è vietata, infatti, la cosiddetta mobilità verso il basso, se non a fronte di necessità temporanee e straordinarie o a meno che essa non si renda indispensabile per garantire la conservazione del posto di lavoro o la tutela della salute del lavoratore (per esempio, perché bisogna tenerlo lontano da esposizioni nocive, come stabilisce l'articolo 8 del decreto legislativo n. 277 del 15 agosto del 1991). Ciò vuol dire che, in realtà, in presenza di una crisi aziendale un lavoratore può essere demansionato. 
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

RAPPORTO DI LAVORO: VOCI CORRELATE

Lettera di assunzione

di del 29/07/2011

La lettera di assunzione in quanto tale NON è un documento obbligatorio per l’instaurazione di un ra..

Trasferta di lavoro

di Avv. Giulio Bonanomi del 30/05/2011

La trasferta è lo spostamento temporaneo e provvisorio del lavoratore dal normale luogo di lavoro (i..

Invenzioni del lavoratore

di Dott.ssa Claudia Nanti del 01/08/2011

Il presupposto è che l’invenzione sia stata realizzata dal dipendente nello svolgimento del rapport..

Lavoro: categorie protette

di Dott.ssa GIORGIA SIGNAROLDI del 01/09/2011

Gli obblighi del datore di lavoro in Italia sono essenzialmente di garantire la sicurezza del lavora..

Agenzie del lavoro

di del 29/03/2011

Le Agenzie del Lavoro sono imprese private che, accanto al sistema del collocamento pubblico (Centri..