Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Retribuzione: alloggio

del 16/11/2017
CHE COS'È?

Retribuzione alloggio: definizione

L'alloggio rappresenta una delle tipologie di retribuzione in natura che un datore di lavoro può concedere a un proprio dipendente. La concessione gratuita di un alloggio può riguardare sia un alloggio che è di proprietà del datore di lavoro che un alloggio di cui egli è in possesso solo tramite locazione: il valore corrispondente alla rendita catastale dell'unità immobiliare deve essere assoggettato alle ritenute fiscali e ai contributi, dopo la maggiorazione delle spese relative. Il riferimento normativo in materia va individuato nella circolare n. 326 del 1997 del Ministero delle Finanze, in cui si precisa che nel caso in cui al datore di lavoro venga corrisposta da parte del dipendente una somma per la fruizione dell'alloggio, il valore corrispondente alla rendita catastale dell'unità immobiliare deve essere considerato al netto della somma versata dal dipendente. Il valore che si ottiene in questo modo, inoltre, è imponibile a livello fiscale e contributivo solo per il 30% nel caso in cui l'alloggio sia fornito al lavoratore per consentirgli di svolgere le mansioni che gli spettano, come accade con il custode di un'azienda o di una villa.


COME SI FA

Come si può concedere un alloggio a mo' di retribuzione?

Il datore di lavoro può concordare con il dipendente che una parte della retribuzione non sia costituita da soldi ma da prestazioni in natura: in tali circostanze si parla di retribuzione in natura, e la concessione di un alloggio è uno dei casi contemplati. Non tutta la retribuzione, però, può essere in natura: vengono garantiti in ogni caso i minimi salariali che sono imposti in base alla contrattazione collettiva nazionale di lavoro. I beni non monetari che il datore di lavoro riconosce al dipendente rappresentano, a parte eccezioni specifiche, una retribuzione imponibile. Per individuare l'imponibilità del benefit è necessario quantificare in via preventiva il valore normale del bene in questione (l'alloggio, in questo caso), in condizioni di libera concorrenza. Per i fabbricati concessi in comodato o in locazione, è necessario distinguere se il bene è strumentale o meno all'adempimento del lavoro (e quindi se non c'è obbligo di dimora). 


CHI

I datori di lavoro.


FAQ

1. Quali sono gli altri esempi di retribuzione in natura di cui è possibile usufruire?

L'esempio più classico è quello dei veicoli aziendali, che possono essere concessi in uso privato parziale o totale nel caso in cui al dipendente non vengano corrisposti rimborsi adeguati per le spese sostenute. Se il veicolo è impiegato unicamente per uso privato, è imponibile il valore intero del benefit, mentre se il veicolo è impiegato per uso promiscuo c'è bisogno di determinare la quota imponibile ipotizzando una percorrenza di 15mila chilometri all'anno, applicando il costo chilometrico riportato nelle Tabelle Aci e prendendo in considerazione il 30% del valore che si ottiene.

2. In che cosa consiste la somministrazione del vitto?

Così come la concessione di un alloggio, anche la somministrazione del vitto può rientrare tra gli esempi di retribuzione in natura. Essa non costituisce imponibile contributivo e fiscale se viene garantita ttraverso mense aziendali o se prevede il rilascio di buoni pasto pari a 5 euro e 29 centesimi al giorno per i buoni cartacei e a 7 euro per i buoni gestiti in forma elettronica. La somministrazione dei pasti non solo non può essere assoggettata a Iva, ma non rappresenta imponibile per le imposte sui redditi, secondo la sentenza n. 21290 del 2016 della Corte di Cassazione.
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

RETRIBUZIONE DA LAVORO: VOCI CORRELATE

Incentivo all’esodo

di Avv. Elisabetta Fedegari del 18/11/2011

L’incentivo all’esodo è un reddito da lavoro dipendente pagato dal datore di lavoro a fronte della r..

Pignoramento crediti di lavoro

di del 25/08/2016

Il pignoramento dei crediti di lavoro è regolato in Italia dal d.l. n. 83 del 27 giugno del 2015, ch..

Indennità di trasferimento

di Dott. Matteo Burioni del 24/01/2012

La legge disciplina espressamente l’ipotesi di trasferimento dei lavoratori e quella dei dirigenti d..

Superminimo individuale

di del 22/11/2011

Il superminimo individuale è ciò che viene normalmente definito “aumento di merito” o “ad personam”...

Retribuzione: stock option

di Dott. Gabriele Arveda del 25/01/2012

Le stock option nascono come strumento retributivo e di fidelizzazione dei dipendenti ritenuti strat..