Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Superminimo assorbibile

del 24/09/2015
CHE COS'È?

Superminimo assorbibile: definizione

Quando si parla di superminimo assorbibile bisogna innanzitutto sapere che ci si trova sul campo della retribuzione. Si tratta di una parte della retribuzione erogata in deroga alla disciplina contenuta nei contratti collettivi. E' indicata esplicitamente la sua assorbibilità; quindi il suo valore potrebbe calare in caso di incremento di una delle altri parti della retribuzione lorda.

Generalmente, nella lettera di modificazione retributiva o di assunzione, viene menzionato che il superminimo rappresenta anticipazione di eventuali incrementi dovuti ai contratti collettivi. Poiché il superminimo assorbibile è un compenso differente da quelli previsti dai contratti collettivi e viene solitamente stabilito da datore di lavoro e lavoratore, può rappresentare materia di una trattativa privata. Ovviamente, la contrattazione collettiva prevale sempre sull'accordo tra le parti.


COME SI FA

Dopo aver visto che il superminimo assorbibile può essere oggetto di un accordo tra datore di lavoro e lavoratore, rappresentando, in soldoni, un incremento retributivo concesso dal primo, bisogna vedere come viene concesso, o meglio come viene menzionato. Il superminimo assorbibile può essere concesso individualmente o collettivamente. L'entità del superminimo va indicata nel contratto di lavoro. L'aggettivo 'assorbibile' indica che il superminimo può venire assorbito qualora la contrattazione collettiva preveda un trattamento retributivo migliore o in caso di passaggio del lavoratore a una qualifica superiore. 

Il datore di lavoro deve indicare nel contratto di lavoro se il superminimo è assorbibile o non assorbibile. Nel primo caso la somma potrebbe ridursi qualora si ravvisassero aumenti retributivi, conseguenti a rinnovi dei CCNL o qualifica superiore. In casi di superminimo non assorbibile, invece, la somma resta invariata a prescindere da eventuali aumenti della retribuzione.

Il lavoratore, anche in assenza di clausole contrattuali, può rinunziare al superminimo, visto che si tratta di una somma di cui il lavoratore dipendente può pienamente disporre. Ne consegue che, sebbene il datore di lavoro non può modificare il superminimo, una volta concesso, il lavoratore può rinunziarvi tranquillamente. In realtà, lo ricordiamo, il lavoratore può rifiutare qualsiasi componente accessoria alla retribuzione non contemplata dal CCNL.


CHI

Chi concede il superminimo assorbibile è il datore di lavoro, soggetto deputato a corrispondere la retribuzione. I soggetti, invece, che usufruiscono di tale componente della retribuzione sono i lavoratori. Il superminimo assorbibile viene pian piano intaccato dagli eventuali aumenti di stipendio stabiliti dal CCNL o in caso di avanzamento di grado. I lavoratori, dunque, hanno vantaggi maggiori qualora nel contratto individuale di lavoro venga contemplata espressamente la 'non assorbibilità' del superminimo


FAQ

1. Qual è lo scopo del superminimo?

Il superminimo è una voce addizionale della retribuzione, oggetto di un accordo tra datore di lavoro e lavoratore, che mira proprio al riconoscimento al lavoratore di una retribuzione superiore rispetto a quella stabilita dalla contrattazione collettiva.

2. Gli aumenti retributivi stabiliti dai contratti collettivi si sommano al superminimo assorbibile?

No. Gli aumenti della retribuzione previsti dalla contrattazione collettiva non si sommano al superminimo ma lo assorbono. In sostanza, il superminimo assorbibile stabilito nel contratto individuale di lavoro si riduce.

3. Il superminimo assorbibile può essere modificato o soppresso?

Sì. Essendo il superminimo assorbibile una parte della retribuzione stabilita a seguito di un accordo tra le parti, è possibile che il datore di lavoro, sentito il lavoratore, possa eliminare totalmente o parzialmente il superminimo assorbibile. Ricordiamo, infatti, che il superminimo rientra nella piena disponibilità delle parti, quindi è liberamente modificabile dalle parti stesse.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

RETRIBUZIONE DA LAVORO: VOCI CORRELATE

Provvigioni

di del 21/04/2017

Le provvigioni rappresentano il corrispettivo per l'attività di promozione delle vendite che viene s..

Retribuzione minima

di Dott.ssa GIORGIA SIGNAROLDI del 22/11/2011

Il minimo contrattuale rappresenta la retribuzione minima dovuta al lavoratore, la cui entità è fiss..

Superminimo individuale

di del 22/11/2011

Il superminimo individuale è ciò che viene normalmente definito “aumento di merito” o “ad personam”...

Retribuzione: una tantum

di Dott. Matteo Burioni del 18/01/2012

La retribuzione corrisposta nel mese in genere si riferisce alla prestazione effettuata nel mese ste..

Tfr – Trattamento di fine rapporto

di Rag. Bruno Bertocchi del 26/01/2012

Il Trattamento di Fine Rapporto (Tfr) è una competenza a carico del datore di lavoro istituita dalla..