Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Cessione di azienda

del 31/03/2011
CHE COS'È?

Cessione di azienda: definizione

Con il contratto di cessione di azienda il cedente trasferisce il complesso aziendale ad un acquirente, il cessionario, dietro il corrispettivo del pagamento di un determinato prezzo. L'azienda viene ceduta unitariamente, con debiti e crediti (a meno che non sia contrariamente convenuto) e con subentro nei rapporti contrattuali in essere (codice civile articolo 2558 e seguenti).
Per quanto concerne il prezzo, si dovrà indicare in atto quale parte di esso è dovuta per l’acquisto di beni e quale parte per il cosiddetto “avviamento”. Infatti il valore dell'azienda può subire rettifiche da parte dell'ufficio del registro, proprio con riferimento all'avviamento, calcolato sulla base del reddito prodotto negli anni precedenti la cessione.



COME SI FA

Formalmente la cessione dell'azienda richiede l'autenticazione delle firme, secondo quanto dispone la legge n. 310/1993 (cosiddetta Legge Mancino): il contratto è quindi effettuato necessariamente in forma scritta.
Profili fiscali: la cessione d'azienda è soggetta all'imposta di registro con l'aliquota del 3% calcolato sul prezzo di cessione (con un minimo di euro 129,11).
Occorre indicare se il pagamento del prezzo:

  • è stato effettuato prima della firma dell'atto;
  • viene effettuato contestualmente alla firma dell'atto;
  • è dilazionato.

In caso di dilazione indicare l'importo e le scadenze delle rate di dilazione, nonché le garanzie che sono pattuite a favore del venditore e in particolare:

  • se vengono rilasciate cambiali;
  • se è pattuita la riserva di proprietà fino all'integrale pagamento del prezzo.

CHI

Contratto preliminare: avvocato. Contratto definitivo: avvocato e notaio (essendo obbligatoria, nel contratto definitivo, l’autenticazione delle sottoscrizioni da parte di quest’ultimo).



FAQ

Nel contratto di cessione ci può essere divieto di concorrenza?

Nel contratto di cessione di azienda può essere disposto il divieto di concorrenza in capo all'alienante (codice civile articolo 2557). Questo perché chi vende l'azienda (l'alienante appunto) non eserciti una concorrenza sleale nei confronti dell'acquirente. Il divieto in genere è stabilito per un periodo di cinque anni.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONTRATTI COMMERCIALI: VOCI CORRELATE

Co-marketing

di del 31/03/2011

Il termine co-marketing (abbreviativo della definizione inglese cooperative marketing) chiamato anch..

Contratti di servizi e outsourcing

di del 01/08/2016

I contratti di servizi e outsourcing sono contratti attraverso i quali le imprese decidono di affida..

Contratti commerciali: appalto di servizi

di del 01/07/2016

Nei contratti commerciali, un appalto di servizi ha come oggetto una prestazione che ha lo scopo di ..

Contratto di distribuzione

di Avv. Gianluca Grisolia del 04/08/2011

A differenza della maggior parte dei contratti commerciali, in Italia i contratti di distribuzione n..

Trust

di Dott. Fabrizio Pescatori del 27/01/2011

In un’economia matura come quella in cui viviamo e dove sviluppiamo prevalentemente le nostre ..