Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Divieto di sosta e di fermata

del 27/08/2012
CHE COS'È?

Divieto di sosta e di fermata: definizione

E' il divieto di effettuare la sosta e la fermata su strada, laddove espressamente vietato dalla segnaletica o dai casi particolari del Codice della Strada, così come regolamentato dall'Art. 158.

COME SI FA
La differenza tra sosta e fermata è sostanziale.
La Sosta è intesa come sospensione della marcia protratta nel tempo, con possibilità di allontanamento da parte del conducente.
La Fermata è intesa invece come la sospensione momentanea della marcia, possibile anche laddove non sia consentita la sosta, per esigenze di brevissima durata: in questo caso il conducente non può abbandonare il veicolo e deve anzi essere pronto a riprendere immediatamente la marcia.

La fermata e la sosta sono vietate in particolare:

- Nei passaggi a livello e sui binari, nelle gallerie, nei sottovia, sotto i sovrapassaggi, sotto i fornici e i portici, sui dossi e nelle curve, in corrispondenza di segnali stradali orizzontali, verticali e semaforici in modo da occultarne la vista, lungo le corsie di canalizzazione, (fuori dei centri abitati) in prossimità delle aree di intersezione (nei centri abitati) a meno di 5 m dalle aree di intersezione, sui passaggi e attraversamenti pedonali e sui passaggi per ciclisti, nonché sulle piste ciclabili e agli sbocchi delle medesime, sui marciapiedi. Il tutto salvo diversa segnalazione. 

La sosta di un veicolo è inoltre vietata: 

- Nei passi carrabili, ovunque venga impedito di accedere o spostare altro veicolo in sosta, in seconda fila, salvo che si tratti di veicoli a due ruote, negli spazi riservati agli autobus e taxi, sulle aree destinate al mercato e al carico e scarico, sulle banchine, negli spazi riservati ai veicoli per persone invalide, in corrispondenza degli scivoli o dei raccordi tra i marciapiedi, rampe o corridoi di transito, nelle corsie o carreggiate riservate ai mezzi pubblici, nelle aree pedonali urbane, nelle zone a traffico limitato per i veicoli non autorizzati, negli spazi asserviti ad impianti o attrezzature destinate a servizi di emergenza o di igiene pubblica, davanti ai cassonetti dei rifiuti urbani, limitatamente alle ore di esercizio, in corrispondenza dei distributori di carburante ubicati sulla sede stradale.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

VIOLAZIONI DEL CODICE DELLA STRADA: VOCI CORRELATE

Infrazioni al codice della strada

di Avv. Domenico Margariti del 22/11/2011

Le infrazioni al codice della strada, in base al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, si sudd..

Lesioni colpose da sinistro stradale

di Avv. Nicola Fabio de Feo del 31/03/2011

“Lesioni o omicidio da sinistro stradale” sono due espressioni in uso nel gergo tecnico per caratter..

Cartella esattoriale - codice della strada

di Avv. Nicola Fabio de Feo del 06/07/2011

La cartella esattoriale è il mezzo attraverso il quale il concessionario unico per la riscossione (c..

Omicidio da sinistro stradale

di del 01/07/2016

“Lesioni o omicidio da sinistro stradale” sono due espressioni in uso nel gergo tecnico per caratter..

Verbale codice della strada

di Avv. Nicola Fabio de Feo del 04/05/2012

Il verbale d’infrazione al Codice della Strada (più precisamente: sommario processo verbale di accer..