Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Lavoro italiano all'estero: ambito comunitario

del 23/05/2012
CHE COS'È?

Lavoro italiano all'estero ambito comunitario: definizione

Quando si parla di lavoro italiano all’estero, l’ipotesi più comune che viene in mente è quella relativa all’invio in missione all’estero di proprio personale. Invio che può essere operato da un’impresa italiana ovvero da un’impresa straniera con stabile organizzazione in Italia presso una propria filiale o la casa madre all’estero ovvero presso altra impresa con sede all’estero, legata all’impresa italiana da accordi di natura commerciale.
L’ipotesi, quindi può ricorrere sia in ambito comunitario, sia in ambito extracomunitario, relativamente al quale si veda la voce Lavoro italiano all’estero: ambito extracomunitario.
Escludendo l’ipotesi della trasferta o del trasferimento all’estero, che configurano, rispettivamente un mutamento temporaneo o definitivo del luogo di esecuzione della prestazione lavorativa, l’istituto giuridico mediante il quale si realizza, solitamente, l’ipotesi qui in esame è quello del “distacco”. Con il distacco si realizza, nei fatti, una “dissociazione” tra il datore di lavoro titolare del contratto di lavoro (distaccante) e il datore di lavoro effettivo beneficiario della prestazione lavorativa (distaccatario), alle condizioni previste dagli accordi tra le parti ed entro i limiti di legittimità previsti dalla legge per il distacco di personale, vale a dire temporaneità e sussistenza di un interesse giuridicamente rilevante al distacco da parte del datore di lavoro distaccante.
In ambito comunitario il diritto di libera circolazione e di stabilimento riconosciuto a tutti i cittadini degli Stati membri, rende solitamente più semplice l’operazione di distacco di personale non essendo richiesta alcuna autorizzazione preventiva. Tuttavia, sono comunque da osservare alcune precauzioni.
(Normativa: articolo 30, decreto legislativo. 10 settembre 2003, n. 276; regolamento (CE) n. 883 del 29 aprile 2004 e regolamento di applicazione (CE) n. 987 del 16 settembre 2009.)


COME SI FA

Per inviare all’estero in ambito comunitario un lavoratore italiano assunto e retribuito da una Società italiana, ovvero da una Società di diritto italiano, è necessario preliminarmente un accordo tra la Società distaccante e la Società distaccataria (cosiddetto Intercompany agreement) che identifichi i motivi del distacco, rendendo espliciti l’interesse al distacco della società distaccante e la temporaneità dello stesso. Per rendere poi esplicito anche tra le parti del contratto di lavoro l’interesse giuridico al legittimo distacco di personale è, inoltre, necessario consegnare al lavoratore una lettera individuale di distacco che integrando il contratto di lavoro già in essere, renda esplicita la delega temporanea ad altro datore di lavoro del potere direttivo, mediante richiamo all’interesse al distacco previsto nell’accordo tra le Società. Nella lettera è inoltre indicato anche il trattamento economico integrativo (cosiddetta “indennità estero”) che è solitamente legato al periodo di distacco all’estero.
Dal punto di vista assicurativo, la permanenza in capo al datore di lavoro in Italia del rapporto di lavoro e la circostanza che il distacco avvenga in ambito comunitario, consentono di derogare al cosiddetto principio della territorialità che impone di applicare al rapporto di lavoro la legislazione sociale del luogo di esecuzione della prestazione lavorativa. Tale deroga, fondata sul principio comunitario dell'unicità della legislazione applicabile (lex loci laboris), per cui i lavoratori occupati nel territorio di uno Stato membro devono restare soggetti alla legislazione di tale Stato, è regolata per i paesi membri della UE dal nuovo regolamento (CE) n. 883 del 29 aprile 2004 e dal regolamento di applicazione (CE) n. 987 del 16 settembre 2009.


CHI

La complessità della materia che risente anche dell’influenza del diritto comunitario richiede l’assistenza di un avvocato e un consulente del lavoro ai fini della gestione degli accordi tra le parti e della gestione degli adempimenti amministrativi connessi con le assicurazioni sociali applicabili ai lavoratori distaccati.


FAQ

In assenza di accordo tra le parti sul distacco, l’invio all’estero del dipendente è lecito?

La delicatezza della materia e il rischio che l’operazione possa configurare un’ipotesi di irregolare somministrazione di lavoro (art. 27 D.Lgs. n. 276/2003), consiglia di regolare sempre con specifici accordi il distacco.

L’indennità estero è sempre dovuta?

L’indennità estero di solito è diretta a compensare il relativo disagio connesso con la permanenza all’estero al quale si legano, eventualmente, necessità di tipo familiare, quali la ricerca di un alloggio, la scuola per i figli. Pertanto, pur non essendovi un obbligo, si tratta di un aspetto che rientra spesso nella contrattazione individuale connessa all’invio in missione all’estero.

Esistono limitazioni al diritto di libera circolazione e di stabilimento in ambito comunitario?

La normativa comunitaria (direttiva 2004/38/CE), recepita dalla maggior parte dei paesi membri, non richiede particolari adempimenti al cittadino comunitario che voglia soggiornare in qualsiasi paese membro se non l’iscrizione nell’anagrafe della popolazione residente nel luogo in cui si è scelto di dimorare e la dimostrazione di un reddito sufficiente al sostentamento.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

RAPPORTO DI LAVORO: VOCI CORRELATE

Lettera di assunzione

di del 29/07/2011

La lettera di assunzione in quanto tale NON è un documento obbligatorio per l’instaurazione di un ra..

Tutela della maternità

di del 23/06/2017

La tutela della maternità, dal punto di vista delle leggi, è disciplinata dalle norme che sono conte..

Mansioni

di del 03/03/2017

Nel diritto del lavoro italiano, si parla di mansioni per fare riferimento all'insieme delle specifi..

Esercizio del potere disciplinare

di del 30/03/2011

Il potere disciplinare, originariamente previsto dall’articolo 2106 del codice civile, costituisce l..

Distacco o comando

di Dott.ssa Claudia Nanti del 01/08/2011

Il distacco o comando si ha quando un datore di lavoro (distaccante), per proprie esigenze produttiv..