Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Assunzioni agevolate

del 20/04/2011
CHE COS'È?

Assunzioni agevolate: definizione

Con il termine assunzioni agevolate si fa riferimento a determinate tipologie di assunzioni che consentono alle imprese la stipula di contratti di lavoro con un costo del personale ridotto rispetto a quelli cosiddetti “ordinari”.
Le fattispecie contrattuali per le quali l’attuale normativa prevede agevolazioni, perlopiù di tipo contributivo, possono essere schematizzate nel modo seguente: 

Lavoratori iscritti nelle liste di mobilità 
Sono lavoratori iscritti in particolari liste a seguito di licenziamenti collettivi o di licenziamento per giustificato motivo oggettivo
Aziende beneficiarie 
Ne beneficiano le aziende che non hanno effettuato riduzioni di personale negli ultimi 12 mesi, a meno che non si assuma un lavoratore con qualifica diversa rispetto a quello licenziato. 
Agevolazioni contributive 
L’agevolazione consiste nel pagamento dei contributi a carico ditta in misura pari a quella prevista per gli apprendisti per 12 mesi, in caso di assunzione del lavoratore con il contratto a tempo determinato, più ulteriori 12 mesi in caso di trasformazione del rapporto a tempo indeterminato.
Se l’assunzione avviene “ab origine” a tempo indeterminato l’agevolazione suddetta spetta per un periodo di 18 mesi. 
Eventuale ulteriore beneficio
Se il lavoratore assunto percepiva l’indennità di mobilità al datore di lavoro spetta il 50% di detta indennità per un periodo che varia a seconda dell’età del lavoratore o dell’ubicazione dell’azienda. Più in dettaglio il contributo spetta per un periodo massimo di 12 mesi fino a 50 anni di età, fino a 24 mesi per i lavoratori con più di 50 anni e fino a 36 mesi per le aziende aventi sede nelle aree del mezzogiorno. 

Disoccupati da oltre 24 mesi (tale requisito si accerta mediante certificazione rilasciata dal centro per l’impiego).   
Aziende beneficiarie 
Le aziende di tutti i settori che non abbiano effettuato licenziamenti o sospensioni nei 12 mesi che precedono assunzione. 
Agevolazioni contributive 
In caso di assunzione a tempo indeterminato è previsto uno sconto contributivo pari al 50% dei contributi a carico dell’azienda per 36 mesi. Nel caso di assunzione da parte di imprese artigiane è prevista l’esenzione totale dal pagamento dei contributi a carico del datore di lavoro per 36 mesi. 

Il contratto di apprendistato
L’apprendistato è uno speciale contratto di lavoro, stipulabile con giovani dai 16 ai 29 anni, nel quale, accanto all’obbligo del datore di lavoro di pagare la retribuzione al lavoratore a fronte della prestazione lavorativa, vi è l’ulteriore obbligo di garantire all’apprendista una determinata formazione professionale.
L’insegnamento costituisce, quindi, il requisito necessario per conseguire una qualifica professionale, una qualificazione tecnico-professionale o titoli di studio di livello secondario, universitari, o specializzazioni dell'alta formazione.
Pur riconoscendo al contratto in oggetto la stessa tutela prevista per il rapporto di lavoro ordinario in materia di licenziamenti, il legislatore ha specificato la possibilità per il datore di lavoro di recedere dal rapporto ex articolo 2118, di fatto senza motivazioni specifiche, ma solamente nel momento in cui termina il periodo di addestramento. Al di la di questa ipotesi il contratto di apprendistato si ritiene, dunque un contratto di lavoro a tempo indeterminato, dal quale il datore di lavoro può recedere solo per giusta causa o giustificato motivo.
Aziende beneficiarie
Le aziende di tutti i settori. Si precisa che non si possono assumere un numero di apprendisti superiore alle maestranze specializzate e qualificate presenti nell’azienda. Se il datore di lavoro non ha dipendenti o ne ha meno di tre non possono essere assunti più di tre apprendisti. 
Agevolazioni contributive
La contribuzione a carico del datore di lavoro, per gli apprendisti è calcolata applicando un’aliquota pari al 10% della retribuzione imponibile a fini previdenziali per le aziende con più di 9 dipendenti. Per le aziende con meno di 9 dipendenti i contributi, a carico del datore, sono pari al 1,50% per il primo anno, al 3% per il secondo anno per poi assestarsi al 10% dal terzo anno. 

Il contratto di inserimento
Il contratto di inserimento è un contratto a tempo determinato finalizzato a favorire l’integrazione o la reintegrazione dei lavoratori nel mercato del lavoro, il cui presupposto per la stipula consiste nella stesura di un progetto individuale avente lo scopo di individuare un percorso che adatti le competenze professionali del lavoratore ad un determinato contesto lavorativo. Il contratto di inserimento potrà essere stipulato nei confronti di:
  1. soggetti aventi un’età compresa tra i 18 e i 29 anni; 
  2. disoccupati di lunga durata aventi un’età compresa fra i 29 fino e i 32 anni, precisando che si intendono per tali coloro che, dopo aver perso un posto di lavoro o cessato un'attività di lavoro autonomo, siano alla ricerca di una nuova occupazione da più di 12 mesi o da più di 6 se giovani; 
  3. lavoratori aventi più di 50 di età privi di una collocazione lavorativa; 
  4. lavoratori che desiderino riprendere un’attività lavorativa e che non abbiano lavorato per almeno 2 anni;
  5. donne di qualsiasi età residenti in un’area geografia in cui il tasso di occupazione femminile sia inferiore almeno del 20% rispetto a quello maschile o in cui il tasso di disoccupazione femminile superi del 10% quello maschile individuati con apposito decreto Ministeriale;
  6. persone affette da grave handicap fisico, mentale o psichico. 
Aziende beneficiarie
Sono gli enti pubblici economici, imprese e consorzi; gruppi di imprese; associazioni professionali, socio-culturali o sportive; fondazioni; enti di ricerca pubblici e privati; organizzazioni e associazioni di categoria.
Agevolazioni contributive 
Datori di lavoro non aventi natura di impresa: 25% al Centro-Nord e 50% per il Mezzogiorno Imprese: 25% Centro-Nord e 90% nel Mezzogiorno Imprese commerciali e turistiche con meno di 15 dipendenti: 40% nel Centro Nord e 90% nel Mezzogiorno Artigiani 90%. 

Sostituzione per maternità
E’ un contratto a tempo determinato attraverso il quale il datore di lavoro sostituisce una lavoratrice in congedo di maternità fino al suo rientro. La legge consente che l’assunzione avvenga anche con un mese di anticipo rispetto all'inizio del periodo di congedo, salvo periodi superiori previsti dai contratti collettivi. 
Aziende beneficiarie 
Aziende con meno di 20 dipendenti o quelle in cui operano lavoratrici autonome. 
Agevolazioni contributive
Nelle aziende con meno di 20 dipendenti è previsto uno sgravio contributivo del 50% sui contributi a carico azienda fino al compimento di un anno di età del figlio della lavoratrice o del lavoratore in congedo o per un anno dall'accoglienza del minore adottato o in affidamento.
Le stesse agevolazioni sono previste nelle aziende in cui operano lavoratrici autonome in caso di assunzione, in sostituzione delle stesse lavoratrici, di personale a tempo determinato e di personale somministrato per un periodo massimo di 12 mesi.

Lavoratori sospesi in cigs
E’ un contratto a tempo pieno e indeterminato con il quale il datore di lavoro assume uno o più lavoratori che fruiscono del trattamento straordinario di integrazione salariale per almeno tre mesi, anche non continuativi, dipendenti da imprese beneficiarie da almeno sei mesi dell'intervento di cassa integrazione guadagni straordinaria.
Aziende beneficiarie
Le aziende di tutti i settori che non abbiano in atto presso l’azienda sospensioni dal lavoro e che non abbiano proceduto a riduzione di personale nei dodici mesi precedenti, tranne nei casi in cui l’assunzione avvenga ai fini di acquisire professionalità diverse da quelle dei lavoratori interessati alle predette riduzioni o sospensioni di personale.
Agevolazioni contributive
Per l’assunzione a tempo indeterminato di lavoratori in CIGS da almeno 24 mesi è prevista, per un periodo di 36 mesi, una la riduzione dei contributi previdenziali e assistenziali a carico del datore di lavoro per un importo pari al 50%. Per le imprese artigiane e per quelle operanti nel Mezzogiorno la riduzione è del 100% per 36 mesi. Le stesse agevolazioni spettano se il contratto originariamente a tempo determinato venga trasformato a tempo indeterminato.
Nel caso di’assunzione a tempo pieno e indeterminato di lavoratori in CIGS da almeno 3 mesi dipendenti di imprese in CIGS da 6 mesi continuativi è prevista a carico del datore di lavoro una contribuzione analoga a quella prevista per gli apprendisti per un periodo di 12 mesi. Inoltre per ogni mensilità corrisposta è previsto un contributo mensile a favore del datore di lavoro pari al 50% dell’indennità che sarebbe spettata al lavoratore per un periodo non superiore a 9 mesi, elevato a 21 (33 mesi nel Mezzogiorno e nelle aree svantaggiate) per i lavoratori con più di 50 anni di età. 



vota  

DISCUSSIONI ARCHIVIATE

nicola

02/12/2011 16:55:26

immagino ci sia un errore nel trafiletto "disoccupati da oltre 24 mesi iì"dovrebbero essere 6 i mesi di non licenziamento da parte del datore.

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

RAPPORTO DI LAVORO: VOCI CORRELATE

Lavoro italiano all'estero: ambito comunitario

di Avv. Luca Failla del 23/05/2012

Quando si parla di lavoro italiano all’estero, l’ipotesi più comune che viene in mente è quella rela..

Divieto di discriminazione

di del 29/05/2017

Il divieto di discriminazione ha a che fare con la parità di trattamento di cui devono usufruire i l..

Comunicazione per l’avvio dell’attività di impresa

di del 28/09/2017

Per la comunicazione per l'avvio dell'attività di impresa è necessario assolvere alcuni adempimenti ..

Tutela della maternità

di del 23/06/2017

La tutela della maternità, dal punto di vista delle leggi, è disciplinata dalle norme che sono conte..

Lavoro: categorie protette

di Dott.ssa GIORGIA SIGNAROLDI del 01/09/2011

Gli obblighi del datore di lavoro in Italia sono essenzialmente di garantire la sicurezza del lavora..