Consulenza o Preventivo Gratuito

Partite IVA: studi di settore addio dal 2017

del 21/10/2016
di: Redazione
Partite IVA: studi di settore addio dal 2017

Il decreto fiscale allegato alla manovra finanziaria prevede la cancellazione degli studi di settore. I lavoratori autonomi, le partite IVA, le piccole e medie imprese saranno dunque sollevati dall’obbligo di compilare dati su dati finora richiesti per avviare accertamenti fiscali.

Gli studi di settore saranno sostituiti dagli indici di fedeltà fiscale – indicatori di compliance – basati su un meccanismo premiale. Il Ministero dell’Economia esegue un controllo fiscale analizzando i dati comunicati in più anni, da 1 fino a 8, e assegna un valore, da 1 a 10, in base alla fedeltà dimostrata dal contribuente. Chi avrà dimostrato un alto indice di fedeltà fiscale, sarà premiato con la fine dei controlli fiscali e rimborsi più veloci.

Il viceministro dell’Economia, Luigi Casero, spiega che l’operazione sarà attuata in quattro fasi:

1. Eliminare gli studi di settore poiché la legge impedisce di usarli per l’accertamento fiscale.
2. Evitare di chiedere ai contribuenti dati già in possesso del Ministero.
3. Annullare gli studi poco efficaci per determinate categorie di professionisti che seguono un andamento altalenante dei ricavi, per esempio gli avvocati.
4. Premiare i contribuenti più virtuosi attraverso un sistema premiale per decretarne l’indice di fedeltà fiscale.

La cancellazione degli studi di settore è un ulteriore tassello che mira alla semplificazione fiscale per autonomi, partite IVA e piccole e medie imprese, e si affianca all’introduzione dell’Iri – Imposta sul reddito dell’imprenditore – al regime di cassa.

Fonte: Ansa.it

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
La Guardia di finanza rafforza gli accertamenti

del 25/01/2013

Guardia di finanza spalla delle Entrate per l'accertamento. Nel 2012 i verbali delle Fiamme gialle h...

L'elaborazione dei dati fiscali non è attività riservata

del 26/01/2013

L'attività di elaborazione dati ai fini fiscali non è attività riservata. Pertanto, può essere svolt...

Il nuovo redditometro non riesce a stanare i vip

del 29/01/2013

Il nuovo redditometro fa i conti con il passato. E il risultato non incoraggia affatto. Il vecchio a...