Consulenza o Preventivo Gratuito

La Guardia di finanza rafforza gli accertamenti

del 25/01/2013
di: di Valerio Stroppa
La Guardia di finanza rafforza gli accertamenti
Guardia di finanza spalla delle Entrate per l'accertamento. Nel 2012 i verbali delle Fiamme gialle hanno consentito all'Agenzia di accertare 15 miliardi di euro di maggior imponibile. Ai quali vanno aggiunti i 6,2 miliardi già «ammessi» dai contribuenti che hanno aderito integralmente ai rilievi dei verificatori in divisa. Nel complesso sono oltre 55 i miliardi recuperati a tassazione dalla Gdf. Un esercente su tre non emette correttamente scontrini e ricevute. Quasi mille al mese le denunce per frodi e reati fiscali, che hanno innescato sequestri preventivi (anche per equivalente) a carico dei soggetti sottoposti a indagine per oltre un miliardo di euro. I dati relativi all'attività di contrasto all'evasione fiscale per l'anno 2012 sono stati resi noti ieri dal comando generale del Corpo.

Per quanto riguarda l'evasione internazionale, i ricavi occultati scoperti e i costi disconosciuti ammontano a 17,1 miliardi di euro. Tra le fattispecie più frequenti residenze fittizie all'estero di persone e società, esportazioni non dichiarate di capitali, operazioni di tax planning spregiudicato per alleggerire il carico fiscale sulle aziende e rettifiche ai prezzi di trasferimento praticati dalle multinazionali.

Nel 2012 si conferma un elevato numero di evasori totali, ossia di soggetti che, pur svolgendo un'attività economica, non hanno mai presentato la dichiarazione dei redditi. A carico degli 8.617 sconosciuti al fisco sono stati recuperati quasi 23 miliardi di euro di ricavi, oltre a un'Iva dovuta e non versata per quasi 2,5 miliardi. Nel complesso, i controlli in materia di Iva hanno portato a individuare 4,8 miliardi di imposta evasa, di cui 1,7 miliardi imputabili alle frodi «carosello».

Sono state 11.769 le persone denunciate in Procura per reati fiscali. Tra le ipotesi ricorrenti l'emissione di fatture o documenti per operazioni inesistenti (2.123 casi), l'omessa dichiarazione (2.579) e la dichiarazione fraudolenta (3.713). Più di 37 mila i controlli eseguiti sugli indici di capacità contributiva (immobili, auto di lusso, imbarcazioni ecc), rilevanti pure ai fini dell'applicazione del nuovo redditometro. I controlli strumentali hanno invece superato quota 655 mila. Quelli su scontrini e ricevute sono stati circa 448 mila e un terzo ha evidenziato irregolarità.

Avvalendosi della possibilità offerta dal dl n. 112/2008, molti dei contribuenti accertati hanno optato per l'adesione integrale ai pvc emessi dalle Fiamme gialle, per un importo recuperato a tassazione di circa 6,2 miliardi di euro. «La legalità alla fine vince. Chi è dalla parte giusta vince», dichiara il comandante generale Gdf, Saverio Capolupo, «proseguiremo con decisione la nostra azione per recuperare le risorse sottratte al bilancio dello stato. Non solo tramite repressione, ma anche con la prevenzione basata sulla sensibilizzazione alla legalità economico-finanziaria».

© Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
L'elaborazione dei dati fiscali non è attività riservata

del 26/01/2013

L'attività di elaborazione dati ai fini fiscali non è attività riservata. Pertanto, può essere svolt...

Il nuovo redditometro non riesce a stanare i vip

del 29/01/2013

Il nuovo redditometro fa i conti con il passato. E il risultato non incoraggia affatto. Il vecchio a...

Redditometro, circolare applicativa in due mesi

del 31/01/2013

La circolare applicativa sul redditometro, ultimo tassello della messa a punto del funzionamento del...