CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Diplomarsi in azienda? Ora si può

LAVORO

di Dott. Gianluca Anselmi del 29/03/2012
Diplomarsi in azienda? Ora si può
La Conferenza Stato Regioni ha approvato, in data 15 marzo 2012 e in base alla previsione dell’articolo 3, comma 2, del decreto legislativo n.167/2011, l’atteso schema di accordo sui profili formativi dell’apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale e sul monte ore di formazione interne o esterna all’azienda.
Le Regioni e le Province autonome, sulla base di tale accordo, dovranno ora regolamentare la materia entro il 25 aprile, per arrivare preparate alla scadenza del periodo transitorio della nuova disciplina del T.U., approvato dal decreto legislativo n. 167/2011 e in vigore dal 25 ottobre 2011. 
Si ricorda che tale tipologia contrattuale (articolo 3 del decreto legislativo 167/2011) può trovare applicazione nei confronti di giovani d'età compresa tra 15 e 25 anni e in ogni settore di attività.
La durata del contratto, per ciò che concerne la componente formativa, non potrà essere superiore a tre anni; che diventano quattro nell’ipotesi di acquisizione di diplomi regionali.
E’ evidente che tale contratto garantisce ai giovani, attraverso l’alternanza tra attività formativa e pratica lavorativa di crescere professionalmente e allo stesso tempo di acquisire diplomi in differenti aree professionali, attraverso l’acquisizione delle competenze sancite nelle articolate tabelle allegate all’accordo del 27 luglio 2011 (che prevedono 22 differenti qualifiche e 21 diversi diplomi professionali). 
Lo schema di accordo, peraltro, prende a riferimento il precedente accordo stipulato il 27 luglio 2011, recepito con Decreto Interministeriale dell’ 11 novembre 2011 che ha istituito, ai sensi dell’articolo 18 del decreto legislativo 226/2005 il Repertorio nazionale dell’offerta di Istruzione e Formazione Professionale. 
In sintesi, l’accordo sui profili formativi dell’apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale stabilisce, in linea generale, quali debbano essere: 

  • le figure nazionali di riferimento per le qualifiche e i diplomi professionali conseguibili attraverso l’apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale. Tali figure sono articolate in specifici profili regionali;
  • gli standard minimi formativi delle competenze tecnico professionali e delle competenze di base linguistiche, matematiche, scientifiche, tecnologiche, storico sociali ed economiche (per i quali valgono i parametri fissati dall'accordo stato-regioni 27 luglio 2011);
  • le competenze tecnico professionali comuni di qualifica professionale nelle aree qualità, sicurezza, igiene e salvaguardia ambientale;
  • i modelli e le modalità di rilascio degli attestati di qualifica professionale e diploma professionale e di competenze, anche nel caso di interruzione del percorso formativo, per la definizione dei quali si dovrà continuare a fare riferimento all’accodo del 27 luglio;
  • i percorsi formativi in apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale che prevedono la frequenza di attività di formazione, interna o esterna all’azienda (non viene definita una specifica ripartizione), per un monte ore non inferiore a 400 ore annue, tenuto conto della possibilità, nel caso di apprendisti di età superiore ai 18 anni, di riconoscere crediti formativi in ingresso alla luce delle competenze possedute;
  • le modalità di erogazione dell’ulteriore formazione aziendale.

Dott. Gianluca Anselmi

Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI

Architetti

Architetto Silvia Volpe

via XVI Marzo, 2
20832 Desio (MB)
Tel. 0362.309937

arch.silviavolpe@alice.it

IN EVIDENZA
Progettazione architettonica di edifici residenziali, Pratiche edilizie, Collaudo e agibilità, Barriere architettoniche, Catasto e Conservatoria, Efficienza energetica, Stime e perizie, Consulenze tecniche, Abusi edilizi
Commercialisti

Studio Aleotti Arnaldo

Via De Amicis, 5/d
44012 Bondeno (FE)
Tel. 0532897578 - Fax. 0532897422

aleotti@studioaleotti.com - www.studioaleotti.com

IN EVIDENZA
Contabilità, Bilancio, Dichiarazioni dei redditi, Difesa del contribuente, Revisione, Operazioni straordinarie, Stime e perizie, Accertamenti fiscali, Contenzioso tributario
Commercialisti

Studio Di Sacco

Piazza dei Caduti, 10
56021 Cascina (PI)
Tel. 050700817 - Fax. 050703683

disacco@tin.it







CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →

LEGGI ANCHE

IN PRIMO PIANO

Non è mobbing la decurtazione dello stipendio

La Corte di Cassazione ha affrontato il caso di un lavoratore a cui era stato decurtato lo stipendio a causa dei reiterati ritardi. Nel caso affrontato (sentenza 13693/2015) la Suprema Corte ha stabilito che si tratta di una sanzione prevista dalla disposizione...



IN PRIMO PIANO

Jobs Act, jus variandi e variazione in peius

Uno dei temi che ha suscitato grande attenzione in ambito di Jobs Act è, sicuramente  quello delle mansioni. Le modifiche apportate riguardano i vincoli ed i limiti entro cui il datore di lavoro può esercitare il potere unilaterale di variare le mansioni...



IN PRIMO PIANO

Esonero contributivo assunzioni, indebiti

Con la lettera circolare 17 giugno 2015, n. 9960, il Ministero del lavoro ha fornito importanti indicazioni per identificare i casi di fruizione indebita dell'esonero contributivo introdotto dall'art. 1, commi 118-120 della L. n. 190/2014 (Legge di stabilità...



IN PRIMO PIANO

Diritti e doveri del telelavoro

Istituito nel 2002 con accordo quadro europeo, il telelavoro è una forma di organizzazione e/o di svolgimento dell’attività lavorativa regolarmente svolta fuori dai locali dell’azienda. Nel 2014 sono stati siglati nuovi accordi volti a favorire il telelavoro...



IN PRIMO PIANO

Dopo il licenziamento, una conciliazione

Il DL 323/2015 che ha istituito il contratto a tutele crescenti ha introdotto un nuovo tipo di conciliazione che mira a dirimere le controversie derivate dal licenziamento. Attraverso questo nuovo istituto conciliativo che non si sostituisce ma si aggiunge...



[x] chiudi

IN PRIMO PIANO

Co.co.pro. ad esaurimento

A decorrere dall’entrata in vigore del Decreto sul riordino dei contratti di lavoro (in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ed entrata in vigore dal giorno successivo), i committenti/datori di lavoro non potranno più far ricorso a un contratto...




FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio