CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Regole per la retribuzione delle colf

Regole per la retribuzione delle colf
Aspetti generali
Il diritto del prestatore di lavoro alla retribuzione è espressamente previsto dalla Costituzione, e in particolare dall’articolo 36, il quale prevede che: “Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro ed in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé ed alla propria famiglia un’esistenza libera e dignitosa”.
Al fine di stabilire quale sia la retribuzione da corrispondere al singolo lavoratore l’articolo 2070 del codice civile stabilisce che preliminarmente è necessario individuare quale sia il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) che disciplina l’attività del datore di lavoro e una volta individuato il CCNL di riferimento la retribuzione del singolo dipendente verrà calcolata tenendo conto:
  1. della categoria attribuita al dipendente;
  2. del livello previsto dal CCNL in cui rientra la mansione svolta dal lavoratore.
La retribuzione dei lavoratori domestici
Il Contratto Collettivo per i lavoratori domestici stabilisce che la retribuzione è composta dalle seguenti voci:

  • retribuzione minima contrattuale;
  • eventuali scatti di anzianità;
  • eventuale compenso sostitutivo di vitto ed alloggio;
  • eventuale superminimo.
Il datore di lavoro all’atto della corresponsione della retribuzione deve redigere un prospetto paga in duplice copia, una per il lavoratore firmata dal datore di lavoro e l’altra firmata dal lavoratore per il datore. Nel prospetto paga deve essere evidenziato se l’eventuale “superminimo” rappresenta un importo “ad personam” non assorbibile ed inoltre dovranno risultare, in aggiunta alle suddette voci, le ore di lavoro straordinario, i compensi per festività e le trattenute per oneri previdenziali. Si precisa poi che il datore di lavoro domestico non è tenuto a rilasciare il CUD non essendo sostituto d’imposta. Tuttavia, il CCNL prevede che a richiesta del lavoratore il datore rilasci una dichiarazione dalla quale risulti l’ammontare complessivo delle somme erogate nell’anno.

Il vitto e l’alloggio
Se il lavoratore domestico mangia e dorme presso il datore di lavoro il valore convenzionale del vitto e dell’alloggio deve essere aggiunto alla base oraria della retribuzione, sempre ed esclusivamente ai fini di determinare l’importo del contributo da versare. 

Gli scatti di anzianità
A ciascun lavoratore spetta, per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore, e per un massimo di 7 bienni, un aumento del 4% sulla retribuzione minima contrattuale.

La tredicesima mensilità
I lavoratori domestici hanno diritto a percepire una mensilità aggiuntiva di importo pari alla retribuzione globale di fatto (comprensiva della eventuale indennità di vitto ed alloggio) entro il mese di dicembre in occasione del Natale.

Le ferie
Indipendentemente dalla durata dell’orario di lavoro, per ogni anno di servizio presso lo stesso datore di lavoro, il lavoratore domestico ha diritto ad un periodo di ferie di 26 giorni lavorativi da fruire preferibilmente nel periodo giugno-settembre e durante le festività natalizie, tenendo conto delle esigenze della famiglia cui il lavoratore presta servizio.

Le assenze retribuite per malattia, infortunio, maternità, congedo matrimoniale
Malattia:
il datore di lavoro deve erogare per un periodo massimo di 8, 10 e 15 giorni complessivi nell’arco dell’anno, in relazione all’anzianità di servizio, per i primi tre giorni consecutivi una quota pari al 50% della retribuzione globale di fatto, dal quarto giorno in poi una quota pari al 100%.
Infortunio: il datore di lavoro deve corrispondere la retribuzione globale di fatto per i primi tre giorni.
Maternità: la relativa indennità è corrisposta dall’Inps. Decorre solo ai fini dell’anzianità e dall’inizio della gravidanza e fino alla cessazione del periodo di estensione obbligatoria la lavoratrice non può essere licenziata, salvo che per giusta causa.
Congedo matrimoniale: il lavoratore ha diritto ad un periodo di congedo matrimoniale della durata di 15 giorni di calendario 

TFR (Trattamento di Fine Rapporto)
Per ogni anno di servizio si divide la retribuzione complessiva annua per 13,5 e si ottiene così il TFRdi un anno. La somma spettante a titolo di TFR determinata anno per anno va rivalutata in base ai coefficienti ISTAT che sono pubblicati ogni mese.

Avv. Varniero Varnier

Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI

Geometri

SV Studio Tecnico

Via della Repubblica, 21
20093 Fz. S.Maurizio al Lambro - Cologno Monzese (MI)
Tel. 02/26.70.22.40 - Fax. 02/25.13.44.76

svstudiotecnico@libero.it - www.svstudiotecnico.it

IN EVIDENZA
Progettazione architettonica di edifici residenziali, Pratiche edilizie, Costruzioni edilizie, Cantieri, Barriere architettoniche, Catasto e Conservatoria, Consulenze civilistiche, Impianti ed Energia, Energie rinnovabili
Architetti

Studio Frigo S.a.s. di Frigo Franco e C.

Via Aldo Moro, 3
35013 Cittadella (PD)
Tel. 0499402725 - Fax. 0495973024

studio@studiofrancofrigo.it - www.studiofrancofrigo.it

IN EVIDENZA
Pratiche edilizie, Costruzioni edilizie, Cantieri, Collaudo e agibilità, Catasto e Conservatoria, Efficienza energetica, Urbanistica, Progettazione strutturale, Stime e perizie, Consulenze tecniche






CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →

LEGGI ANCHE

IN PRIMO PIANO

Come Cambia il Pignoramento di Pensioni e Conti Corrente

Il Decreto Legge n. 83/2015 entrato in vigore dal 27 giugno 2015 contiene importanti modifiche al procedimento esecutivo.In termini pratici, molto rilevante è il nuovo assetto dell'esecuzione presso terzi nell'ipotesi del pignoramento di stipendi e pensioni...



IN PRIMO PIANO

Non è mobbing la decurtazione dello stipendio

La Corte di Cassazione ha affrontato il caso di un lavoratore a cui era stato decurtato lo stipendio a causa dei reiterati ritardi. Nel caso affrontato (sentenza 13693/2015) la Suprema Corte ha stabilito che si tratta di una sanzione prevista dalla disposizione...



IN PRIMO PIANO

Jobs Act, jus variandi e variazione in peius

Uno dei temi che ha suscitato grande attenzione in ambito di Jobs Act è, sicuramente  quello delle mansioni. Le modifiche apportate riguardano i vincoli ed i limiti entro cui il datore di lavoro può esercitare il potere unilaterale di variare le mansioni...



IN PRIMO PIANO

Esonero contributivo assunzioni, indebiti

Con la lettera circolare 17 giugno 2015, n. 9960, il Ministero del lavoro ha fornito importanti indicazioni per identificare i casi di fruizione indebita dell'esonero contributivo introdotto dall'art. 1, commi 118-120 della L. n. 190/2014 (Legge di stabilità...



IN PRIMO PIANO

Diritti e doveri del telelavoro

Istituito nel 2002 con accordo quadro europeo, il telelavoro è una forma di organizzazione e/o di svolgimento dell’attività lavorativa regolarmente svolta fuori dai locali dell’azienda. Nel 2014 sono stati siglati nuovi accordi volti a favorire il telelavoro...



[x] chiudi

IN PRIMO PIANO

Dopo il licenziamento, una conciliazione

Il DL 323/2015 che ha istituito il contratto a tutele crescenti ha introdotto un nuovo tipo di conciliazione che mira a dirimere le controversie derivate dal licenziamento. Attraverso questo nuovo istituto conciliativo che non si sostituisce ma si aggiunge...




FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio