Consulenza o Preventivo Gratuito

Come diventare avvocato d'affari

del 26/08/2016

Come diventare avvocato d'affari

Qual è il percorso da compiere per chi vuole intraprendere la carriera di avvocato d'affari? Scopriamolo con l'aiuto di questa guida.

Chi è un avvocato d'affari e di cosa si occupa

Della figura professionale dell'avvocato di affari ci siamo occupati in precedenza in un'altra guida presente sul sito. Ricordiamo però brevemente chi è un avvocato d'affari. Un avvocato d'affari è un professionista che si occupa degli aspetti legali di molti ambiti connessi al mondo degli affari. È quindi, in primo luogo, un legale ma specializzato in un campo di competenza relativo al mondo degli affari in genere, come ad esempio la proprietà intellettuale e il diritto di autore o il settore dell'M&A, cioè delle fusioni e acquisizioni di aziende. Quelli citati sono tuttavia solo due dei molteplici aspetti dei quali un avvocato di affari può occuparsi.

Scopriamo ora qual è il percorso formativo da compiere per ricoprire questo tipo di professione.

Come diventare avvocato di affari

Come abbiamo già accennato nel paragrafo precedente, un avvocato d'affari è prima di tutto un avvocato. Il suo percorso formativo quindi, per la prima parte, non sarà diverso da quello compiuto da un avvocato civilista, penalista o specializzato in qualsiasi altro settore.

In primo luogo è necessario ottenere un diploma di scuola media superiore di durata quinquennale, in qualsiasi ambito. Successivamente all'ottenimento del titolo di studio, il futuro avvocato deve frequentare un corso di laurea triennale in materie giuridiche. In seguito necessario compiere ulteriori due anni di studio, scegliendo una laurea specialistica sempre appartenente alla classe delle materie giuridiche.

La scelta della tipologia di facoltà non deve essere necessariamente orientata alla futura specializzazione; tuttavia per chi avesse già in mente di diventare avvocato d'affari, è consigliato scegliere un corso di laurea maggiormente orientato in questo senso.

Come avviene per tutti gli avvocati, anche i futuri avvocati d'affari devono svolgere un periodo di praticantato della durata di almeno diciotto mesi, presso uno studio legale. Anche in questo caso è consigliato scegliere uno studio che si occupi di avvocatura d'affari nel settore preferito, ove possibile.

Successivamente è necessario superare l'esame di stato per l'abilitazione alla professione di avvocato, in seguito alla quale avviene l'iscrizione all'albo che rende possibile l'esercizio completo della professione di avvocato.

A questo punto il futuro avvocato d'affari può scegliere se completare la propria formazione sul campo o se, parallelamente o in alternativa, frequentare un master specifico in avvocatura d'affari. L'offerta formativa in questo senso è molto vasta, così come diversificate sono le materie di insegnamento, la durata e i costi da sostenere per la frequenza del master.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Tutte le novità sul praticantato della legge 27/2012

Dott.ssa Laura Bertani del 15/05/2012

La legge n. 27/2012 rubricata sotto la denominazione "Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sv...

Avvocati stabiliti: il controllo dei requisiti è sempre necessario?

Redazione del 01/04/2016

Affrontiamo in questo articolo una questione relativa agli avvocati stabiliti, cioè a quegli avvocat...

Avvocati: il CNF bacchetta chi si vanta troppo nel farsi pubblicità

Redazione del 06/07/2016

Sì alla pubblicità, purché non sia eccessiva. Potremmo riassumere così la sentenza del Consiglio Naz...