Consulenza o Preventivo Gratuito

Stipendi e pensioni di inabilità: confermata la pignorabilità

del 05/05/2016

Stipendi e pensioni di inabilità: confermata la pignorabilità

Stipendi e pensioni, anche di inabilità, sono pignorabili. Scopriamo quali sono i casi previsti e i limiti ribaditi in una recente sentenza di un tribunale.

La pignorabilità di stipendi e pensioni: le regole

Secondo la normativa in vigore, la pensione e lo stipendio sono redditi che possono essere soggetti a parziale pignoramento per far fronte a debiti non pagati, così come avviene per le somme depositate sui conti correnti, dove invece a pignorabilità è completa. 

Per quanto riguarda i limiti di pignorabilità, per il 2016 sono state fissate le nuove soglie che prevedono il limite oltre al quale è possibile il pignoramento. Nel caso in cui lo stipendio o la pensione siano stati accreditati prima del pignoramento, la somma impignorabile è pari a tre volte l'assegno sociale, cioè a 1.345,56 euro. La cifra che può essere sottoposta al pignoramento è quindi solo la parte in eccesso rispetto a questo limite, della quale può essere trattenuto fino ad un massimo di un quinto.

Diverso è invece il caso in cui le somme vengano accreditate dopo l'entrata in vigore del pignoramento. In questo caso lo stipendio o la pensione possono essere decurtati per le cifre eccedenti i 672,76 euro, pari a 1,5 volte l'assegno sociale minimo. 

Pignorare la pensione di inabilità: la sentenza

Diverso dai precedenti è invece il caso delle pensioni di invalidità totale e degli assegni di accompagnamento, che costituiscono prestazioni assistenziali, e per questo motivo non possono essere pignorate nemmeno in minima parte.

Tuttavia il pignoramento è possibile per le pensioni di inabilità, come ribadito di recente da una sentenza del tribunale di Padova. Secondo il tribunale anche in questo caso è possibile applicare la soglia pari all'1,5 dell'assegno sociale; la cifra restante può quindi essere utilizzata per il pagamento dei crediti insoluti.

Il tribunale è stato chiamato ad esprimersi in merito alla richiesta di una donna che esigeva la pignorabilità delle pensioni di un inquilino moroso. Nel caso specifico la richiesta della donna è stata rigettata, in quanto gli assegni di accompagnamento e di invalidità non possono essere pignorati. Per quanto riguarda invece la pensione di inabilità percepita dall'inquilino, il pignoramento è stato rifiutato in quanto la somma riconosciuta non eccedeva la soglia minima prevista dalla legge. Tuttavia è stato ribadito che l'impossibilità del procedimento era legata solo all'ammontare dell'assegno e non alla sua natura.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Pensioni: le novità del 2011

del 27/12/2010

Dal prossimo anno cambiano i requisiti e modalità di percezione degli assegni di previdenza. Nel det...

Incentivi per chi assume over 50

Rag. Maurizio Cason Villa del 09/05/2012

Il Consiglio dei Ministri ha presentato il 23 marzo 2012 il disegno di legge di riforma del mercato...

Innalzamento dell'eta pensionabile per le donne

Dott. Paolo Mussi del 11/07/2011

Scrivere di pensioni è sempre stato difficile, tanto più in concomitanza con manovre economiche più...