Consulenza o Preventivo Gratuito

Droga: ultime decisioni della giurisprudenza

del 20/06/2013

 L’acquisto di sostanze stupefacenti per il gruppo è lecito o no?

La giurisprudenza è in fase di continua evoluzione e densa di contraddizioni tanto che escono continuamente sentenze che stabiliscono esattamente il contrario di quella precedente! Ad esempio la sentenza 25674/11 stabiliva che la coltivazione di una piantina di canapa non costituiva reato mentre la sentenza 45919/12 affermava al contrario il divieto di qualsiasi attività di coltivazione non autorizzata. Con sentenza 46327/12 la Suprema Corte ha sanzionato anche la semplice consapevolezza della presenza di droghe in casa e la sentenza n. 6374 del 16/02/12 ha ribadito il concetto che l’uso di stupefacenti in gruppo, è grave quanto il reato di spaccio ed ancora con la sentenza n. 12612 del 2013 si ritiene sussistere il reato se il quantitativo può indicare una finalità di spaccio.

Ma se invece di spacciare si acquista per fare un uso comune?

La recente sentenza n. 25401 del 10 giugno 2013 rivoluziona ancora una volta il concetto e stabilisce che acquistare anche per conto di terzi, purché ben identificati, non costituisce reato e testualmente non sono punibili “l'acquisto e la detenzione di sostanze stupefacenti destinate all'uso personale che avvengano sin dall'inizio anche per conto di soggetti diversi dall'agente, quando  è certa fin dall'Inizio l'identità  del medesimi nonché manifesta la loro volontà di procurarsi le sostanze destinate al proprio consumo”.

Alla luce di tale sentenza, e ad oggi, è possibile quindi affermare che secondo la Suprema Corte, acquistare stupefacenti anche per conto di amici o a seguito di colletta, non è reato.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Insulti via mail non è molestia

del 22/07/2010

Secondo la Corte di Cassazione scrivere e inviare una email di insulti è completamente differente da...

Anche la diffamazione è stalking

del 23/09/2010

Se siete stati oggetto di diffamazione, ad esempio di fronte al vostro datore di lavoro, potete accu...

Niente insulti al dipendente suscettibile

del 01/10/2010

Il datore di lavoro che riprende un dipendente non è autorizzato in alcun modo a offenderlo con epit...