Consulenza o Preventivo Gratuito

Autovelox: posizionamento della cartellonistica stradale

del 03/10/2012

Autovelox: posizionamento della cartellonistica stradale

In senso generale, non pare necessario evidenziare come tutta la segnaletica stradale verticale debba rispettare due criteri essenziali: l’avvistamento e il posizionamento.
La distanza d'avvistamento, in particolare, deve servire per riconoscere il cartello come tale, deve consentirne la lettura e quindi garantire che possa venirne attuato il comportamento o la scelta conseguente. È allora indispensabile garantire questa distanza: non si può infatti pretendere che l’utente della strada rispetti segnali che vede e/o riesce a decifrare all'ultimo momento. Nel momento in cui si confeziona un segnale d’indicazione, e in particolare un preavviso, si deve fare un'operazione progettuale specifica, poiché per avere un cartello leggibile occorre inserire solo le poche iscrizioni indispensabili. In questo caso la leggibilità è infatti legata proprio alle iscrizioni, perché un conto è vedere in distanza un simbolo convenzionale che si comprende in un attimo, altro conto è leggere le iscrizioni, specie poi se queste sono numerose e vanno oltre le informazioni essenziali. È perciò opportuno disporre di un cartello con poche scritte, di dimensioni appropriate e con una dislocazione tale da facilitarne la lettura. In particolare, con riferimento agli autovelox, per il corrispondente segnale d'indicazione la distanza d'avvistamento è correlata alla possibilità di leggerlo appunto alla velocità locale predominante sulla strada. La norma che prevede la segnalazione è contenuta nel comma 6° bis dell’art.142 del codice della strada, introdotto dal decreto Bianchi del 2007, poi convertito con la legge 2/10/2007 n.160, che recita: le postazioni di controllo sulla rete stradale per il rilevamento di velocità devono essere preventivamente segnalate e ben visibili, ricorrendo all'impiego di cartelli o di dispositivi di segnalazione luminosi, conformemente alle norme stabilite nel regolamento d’esecuzione del presente codice. Le modalità di impiego sono stabilite con decreto del Ministro dei trasporti, di concerto col Ministro dell’interno. Il decreto richiamato da quest’ultima disposizione di legge è stato emanato in data 15 agosto 2007 e pubblicato sulla G.U. n.195 del 23 agosto 2007. La distanza tra i segnali o i dispositivi e la postazione di rilevamento della velocità deve essere valutata in relazione allo stato dei luoghi; in particolare è necessario che non vi siano tra il segnale e il luogo di effettivo rilevamento intersezioni stradali che comporterebbero la ripetizione del messaggio dopo le stesse, e comunque non superiore a quattro chilometri.


vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Infrazioni al Codice della strada: ricorso al Prefetto

del 08/07/2010

Sgombriamo subito il campo da un equivoco, l’unico atto che può essere giuridicamente impugnato è c...

Non perde punti chi non dichiara il conducente

del 14/07/2010

Se non si dichiara il nome del conducente in seguito ad un’infrazione al Codice della strada non si...

Guida in stato di ebbrezza e confisca dell'auto

del 10/09/2010

Non scatta la confisca obbligatoria dell’automobile se la persona fermata dalle Forze dell’Ordine h...