Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Reclamo e mediazione

del 25/11/2013
CHE COS'È?

Reclamo e mediazione: definizione

Il reclamo e la mediazione sono due nuovi istituti introdotti nel nostro ordinamento tributario dalla “Manovra bis” (decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, nella legge 15 luglio 2011).


COME SI FA
La disciplina del reclamo e della mediazione è regolata dall’articolo 17-bis del decreto legislativo 546/1992.
Si distinguono due fasi: la prima di carattere amministrativo avanti all’Agenzia delle Entrate, mentre la seconda, nel caso in cui l’Agenzia non abbia emesso alcun provvedimento risolutivo della controversia, avanti alla competente C.T.P.

Il reclamo
E’ l’atto introduttivo della fase amministrativa, avviata dal contribuente, per il riesame dell’atto impositivo.
L’atto deve riprodurre gli stessi requisiti di contenuto e di forma propri del ricorso in sede giurisdizionale, trovando applicazione, in quanto compatibili, le disposizioni di cui agli artticoli 12 , 18, 19, 20, 21 e 22, comma 4, decreto legislativo 546/1992.

La mediazione
Il reclamo apre la strada alla mediazione.
La mediazione è il tentativo di definizione concordata della controversia che il contribuente può formulare già in sede di redazione del reclamo, proponendo la rideterminazione degli importi contestati nell’atto impositivo.
L’Agenzia delle Entrate a sua volta può emettere un provvedimento:
  • a) di accoglimento del reclamo o della eventuale proposta di mediazione in esso contenuto;
  • b) di rigetto del reclamo e della eventuale proposta di mediazione in essa contenuto e, in tal caso, deve formulare una propria proposta di mediazione.
Decorsi novanta giorni senza che sia stato notificato l’accoglimento del reclamo o senza che sia stata conclusa la mediazione, il reclamo produce gli effetti del ricorso, conseguentemente le parti devono costituirsi in giudizio.

CHI
La procedura deve essere obbligatoriamente espletata dal contribuente, pena l’inammissibilità del ricorso, per le controversie relative agli atti emessi dall’Agenzia delle Entrate (ad eccezione degli atti per il recupero degli aiuti di stato illegittimi) notificati a decorrere dal 1° aprile 2012, di valore non superiore i 20 mila euro.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONTENZIOSO TRIBUTARIO: VOCI CORRELATE

Contenzioso tributario: gratuito patrocinio

di del 18/02/2016

Il gratuito patrocinio per il contenzioso tributario rappresenta la risposta all'esigenza e al dirit..

Contenzioso tributario: conciliazione giudiziale

di Rag. Walter Flavio Camillo del 18/05/2011

La conciliazione giudiziale è il mezzo attraverso il quale il contribuente può chiudere, in tempi br..

Contenzioso tributario

di Rag. Walter Flavio Camillo del 27/04/2012

Con il termine contenzioso tributario viene definito l’insieme di procedure e disposizioni che disci..

Contenzioso tributario: sospensione dell'esecuzione della sentenza

di del 27/04/2011

L’articolo 373 codice di procedura civile, rubricato “Sospensione dell’esecuzione”, al comma 1 stabi..