Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Contenzioso tributario: conciliazione giudiziale

del 18/05/2011
CHE COS'È?

Contenzioso tributario conciliazione giudiziale: definizione

La conciliazione giudiziale è il mezzo attraverso il quale il contribuente può chiudere, in tempi brevi, un contenzioso già radicato con il Fisco, evitando così il rischio e i costi di un eventuale proseguimento della lite. 
Ricorrendo a questo istituto si può godere di una riduzione delle sanzioni amministrative ad 1/3 delle somme irrogabili, in rapporto all'ammontare del tributo risultante dalla conciliazione.

Rag. Walter Flavio Camillo
Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Monza e Brianza
Studio Camillo

COME SI FA
La conciliazione giudiziale può essere realizzata sia “in udienza” che “fuori udienza”. 

La conciliazione “in udienza” può essere avviata su iniziativa delle parti o dello stesso Giudice. 
In questa ipotesi potranno verificarsi i seguenti casi: 
  1. il contribuente ha inoltrato una domanda di discussione in pubblica udienza e questa è stata depositata presso la segreteria della Commissione e notificata all'Ufficio entro 10 giorni prima della trattazione: è possibile richiedere di conciliare in tutto o in parte la controversia; 
  2. l’Ufficio, dopo la data di fissazione dell’udienza di trattazione e prima che questa si sia svolta, può depositare una proposta scritta già concordata con il ricorrente; 
  3. il Giudice tributario, con intervento autonomo, può invitare le parti a conciliare la controversia. Se l’accordo viene raggiunto viene redatto un verbale, in udienza, contenente i termini della conciliazione e la liquidazione delle somme dovute. 
La conciliazione “fuori udienza” viene, invece, avviata formalmente una volta che sia intervenuto l’accordo tra l’Ufficio e il contribuente sulle condizioni alle quali si può chiudere la controversia. 
In questa ipotesi lo stesso Ufficio, prima di fissare la data di trattazione, provvede a depositare presso la segreteria della Commissione una proposta di conciliazione con l’indicazione dei contenuti dell’accordo. 
Se l’accordo viene confermato il Presidente della Commissione dichiara con decreto l’estinzione del giudizio.
La conciliazione si conclude con la redazione di un atto scritto in doppia copia. 

In entrambi i casi la conciliazione si perfeziona quando il contribuente provvede al versamento delle somme dovute o della prima rata entro 20 giorni dalla data del verbale (nel caso di conciliazione “in udienza”) o della comunicazione del decreto del Presidente della Commissione (nel caso di conciliazione “fuori udienza”).

CHI
La conciliazione giudiziale può essere proposta: 
  1. dalla stessa Commissione Tributaria Provinciale che, d’ufficio, può proporre alle parti il tentativo di conciliazione;
  2. dalle parti stesse: contribuente, Ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate, Ente Locale o concessionario della riscossione.

FAQ

Posso rateizzare il pagamento delle somme dovute?

Sì. E’ possibile pagare con un massimo di 8 rate trimestrali di pari importo oppure 12 rate se le somme dovute sono superiori ad euro 51.645,69.

Per il pagamento delle somme dovute devo presentare una garanzia?

Sì, se l’ammontare delle rate successive alla prima è superiore ad euro 50.000, in questo caso è necessario che il contribuente presti garanzia esclusivamente con fideiussione bancaria o polizza assicurativa fideiussoria per tutto il periodo di rateazione aumentato di un anno.

Ho tentato l’accordo ma non l’ho raggiunto, posso proseguire con il contenzioso?

Sì, il tentativo di conciliazione richiesto da una parte non è vincolante per la controparte.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONTENZIOSO TRIBUTARIO: VOCI CORRELATE

Contenzioso tributario: sospensione dell'esecuzione della sentenza

di del 27/04/2011

L’articolo 373 codice di procedura civile, rubricato “Sospensione dell’esecuzione”, al comma 1 stabi..

Contenzioso tributario: gratuito patrocinio

di del 18/02/2016

Il gratuito patrocinio per il contenzioso tributario rappresenta la risposta all'esigenza e al dirit..

Reclamo e mediazione

di Rag. Angelo Galdenzi del 25/11/2013

Il reclamo e la mediazione sono due nuovi istituti introdotti nel nostro ordinamento tributario dall..

Contenzioso tributario

di Rag. Walter Flavio Camillo del 27/04/2012

Con il termine contenzioso tributario viene definito l’insieme di procedure e disposizioni che disci..