Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Arbitrato amministrato

del 31/03/2011
CHE COS'È?

Arbitrato amministrato: definizione

La scelta di devolvere l’amministrazione di un arbitrato ad un ente a ciò preposto deve essere operata dalle parti nella convenzione d’arbitrato ai sensi dell’articolo 832 codice procedura civile.
Nella quasi totalità dei casi le istituzioni arbitrali, principalmente radicate presso le Camere di Commercio, hanno codificato modelli standard di compromessi e di clausole arbitrali allo scopo di fornire un strumento idoneo per effettuare l’opzione arbitrale. Mediante l’utilizzo di una clausola standard, le parti sono certe che la soluzione della controversia verrà operata secondo il tipo amministrato da loro prescelto.
Altresì, è possibile che l’istituzione arbitrale, oltre ad indicare le modalità per la redazione degli atti nel proprio regolamento, provveda alla predisposizione di formulari ad hoc per aiutare le parti nella redazione degli atti medesimi, permettendo, al contempo, agli arbitri di individuare con maggiore chiarezza ed efficacia le istanze presentate dalle parti all’organo giudicante.
È chiaro, però, che tali formulari, per svolgere più efficacemente la loro funzione, debbono essere considerati quali linee guida per la predisposizione degli atti, piuttosto che uno stretto vincolo in capo alle parti.

Prof. Avv. Nicola Soldati
Ordine degli Avvocati di Modena
Studio Legale Soldati


COME SI FA

Al fine di evitare che possano insorgere problemi in ordine alla valutazione del tipo di arbitrato prescelto è opportuno indicare in modo inequivoco la volontà di aderire alle regole di una istituzione arbitrale, ponendo, se del caso, le limitazioni che le parti ritengono opportune.


CHI

Le parti personalmente o i loro consulenti legali.


FAQ

Quale regolamento si applica all’arbitrato amministrativo?

Il codice di rito prevede che nel silenzio delle parti trovi applicazione il regolamento in vigore al momento dell’insorgere della controversia.

Cosa accade nel caso in cui l’istituzione arbitrale si rifiuti di celebrare e gestire il procedimento?

Nel caso in cui l’istituzione arbitrale si rifiuti di celebrare e gestire il procedimento, la convenzione di arbitrato non perde di efficacia e l’arbitrato viene disciplinato dal codice di procedura civile.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

ARBITRATO: VOCI CORRELATE

Arbitrato rituale e irrituale

di Avv. Nicola Soldati del 14/02/2012

L’arbitrato costituisce uno strumento per la risoluzione delle controversie aventi ad oggetto diritt..

Arbitrato societario: lodo

di Avv. Nicola Soldati del 13/09/2011

Nell'arbitrato societario gli arbitri devono pronunciare il lodo nel termine di 240 giorni dalla acc..

Arbitrato societario: domanda

di Avv. Nicola Soldati del 13/09/2011

Ai sensi dell’articolo 35 del decreto legislativo n. 5 del 2003, la domanda di arbitrato costituisce..

Arbitrato societario: procedimento

di Avv. Nicola Soldati del 31/03/2011

L'articolo 35 del decreto legislativo n. 5 del 2003 stabilisce le norme regolatrici del procedimento..

Clausole compromissorie statutarie

di Avv. Nicola Soldati del 31/03/2011

L’articolo 34 del decreto legislativo n. 5 del 2003 disciplina il contenuto delle clausole compromis..