Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Collaudi tecnici fabbricati

del 14/07/2016
CHE COS'È?

Collaudi tecnici fabbricati: definizione

Il collaudo tecnico di un fabbricato è costituito dall’insieme delle verifiche che un tecnico deve compiere per accertare la corrispondenza tecnica delle opere eseguite alle prescrizioni del progetto, alle disposizioni di appalto, alle varianti apportate durante il corso dei lavori approvate e documentate.

Il collaudo tecnico di un fabbricato è parte integrante del procedimento di collaudo totale più ampio, che ingloba anche il “collaudo amministrativo”, il “collaudo statico” e nel caso particolare anche del “collaudo in corso d’opera”, quando parti di opere vengono realizzate completamente e poi chiuse o coperte durante l’avanzamento dei lavori.

Il collaudo tecnico di un fabbricato viene eseguito obbligatoriamente per le opere pubbliche, ma su esplicita richiesta del committente deve essere eseguito anche per le opere private. In quest’ultimo caso rimane comunque l’obbligo di legge di eseguire il collaudo statico dell’edificio alla fine della realizzazione delle strutture portanti.

In ogni caso il fine è quello di verificare che le opere siano state eseguite a regola d’arte e nel rispetto del progetto e delle norme vigenti.
Il collaudo costituisce l’atto conclusivo di un appalto con il quale il committente viene messo in condizioni di accettare l’opera e di pagare l’importo dovuto all’esecutore.

COME SI FA

Collaudo: come si fa?

Il tecnico a sua discrezione stabilisce i mezzi e i metodi di verifica e di accertamento, le prove e i rilievi per poter esprimere la valutazione finale.
Alla fine delle operazioni di collaudo il tecnico redige una relazione descrittiva e valutativa la cui conclusione esprime la collaudabilità o meno dell’opera.

In fase di collaudo tecnico, durante le operazioni è necessario verificare la regolarità delle modalità di esecuzione delle opere, la corrispondenza delle stesse ai progetti approvati, la corrispondenza dei materiali usati alle disposizioni di progetto e alle norme vigenti. Tali operazioni vengono espletate anche esaminando i documenti di cantiere quali il giornale di cantiere, le bolle di consegna dei materiali, gli ordini scritti, il libretto delle misure, fotografie, eccetera.

In caso di collaudo statico è necessario verificare i progetti redatti dallo strutturista (verificandone i calcoli statici), i certificati di verifica della resistenza del calcestruzzo, dei tondini di ferro, degli elementi prefabbricati e la relazione finale del direttore dei lavori delle strutture portanti.
Dopo queste operazioni il collaudatore redigerà la relazione di collaudo.

CHI
Gli incarichi di collaudo tecnico-amministrativo sono affidati a tecnici liberi professionisti, ingegneri, architetti, geometri, periti edili, con specifica competenza, purché iscritti da almeno dieci anni negli albi degli Ordini Professionali per opere di importo superiore ad un milione di euro, mentre per importi inferiori od uguali ad un milione di euro la suddetta anzianità è ridotta a cinque anni.

Nelle opere pubbliche il collaudatore non può essere un professionista che ha progettato o diretto le medesime opere.
Per il collaudo statico sia per le opere pubbliche che private il collaudatore non deve essere intervenuto in alcun modo nella progettazione, direzione ed esecuzione dell’opera.

FAQ

Il collaudo statico deve essere eseguito da un tecnico differente dal collaudatore generale?

Nel collaudo generale è compreso anche il collaudo statico. Per le opere pubbliche il collaudatore statico deve essere lo stesso collaudatore generale. Per le opere private i due collaudi possono essere eseguiti da tecnici differenti.

Nel caso che i due collaudi siano eseguiti da due tecnici diversi come ci si comporta?

Per le opere private si ritiene che i due collaudatori non debbano eseguire doppie verifiche, quindi il collaudatore generale non deve eseguire un ulteriore collaudo statico.Comunque il collaudo statico è parte integrante e sostanziale del collaudo generale, pertanto il collaudatore tecnico amministrativo deve recepire e prendere atto del collaudo statico e deve verificare che nello stesso non esistano omissioni o irregolarità.

Quando viene nominata una commissione di collaudo?

Nelle opere pubbliche quando l’importo è superiore ad euro 2.500.000 viene nominata una commissione di collaudo composta da due membri.Per le opere di importo superiore a euro 5.000.000 il numero dei membri  è elevato a tre, di cui due devono possedere una professionalità tecnica. A uno di questi membri viene affidato anche il collaudo statico.

A chi viene consegnata la relazione di collaudo?

La relazione di collaudo statico verrà prodotta all’Ufficio Tecnico del Comune nel cui territorio ha sede il cantiere, in duplice copia di cui una in bollo. Nel caso di un’opera privata la relazione di collaudo viene consegnata al committente, mentre in caso di lavori pubblici essa deve essere prodotta all’Ente Pubblico che ha commissionato l’opera.

L’incarico quando deve essere conferito?

Il committente può conferire l’incarico alla fine delle opere anche dopo la redazione della relazione finale del direttore dei lavori, oppure all’inizio delle opere ed in questo caso il collaudatore dovrà seguirne l’esecuzione con particolare riguardo alle opere che verranno coperte con l’evolversi dei lavori.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

COLLAUDO E AGIBILITÀ: VOCI CORRELATE

Collaudo e verifiche impianti fabbricati

di del 28/10/2015

Il collaudo e le verifiche degli impianti fabbricati sono obbligatori per tutti gli impianti che son..

Agibilità fabbricati

di del 02/03/2012

L’agibilità di un fabbricato è l’idoneità dello stesso (inteso anche come singola unità immobiliare)..

Collaudi amministrativi fabbricati

di Arch. Fulvio Emilio Aliprandi del 02/03/2012

Il collaudo amministrativo di un fabbricato è costituito dall’insieme delle verifiche che un tecnico..

Abitabilità fabbricati

di Arch. Walter Caglio del 02/03/2012

Il certificato di abitabilità è un documento riguardante un bene immobile, viene rilasciato dal Comu..

Certificato di agibilità fabbricati

di Arch. Fulvio Emilio Aliprandi del 01/07/2016

Il certificato di agibilità è il documento che attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza,..