Consulenza o Preventivo Gratuito

Referendum Jobs act: bocciato quello sull’art. 18

del 12/01/2017
di: Redazione
Referendum Jobs act: bocciato quello sull’art. 18

Sì al referendum su voucher e appalti, no a quello sull’articolo di 18. Così si è espressa ieri la Corte Costituzionale, dopo un’ora e mezza di consultazione a porte chiuse, in merito ai tre referendum sul Jobs act presentati dalla CGIL a luglio 2016.

L’esito della consultazione segna una sconfitta per il Jobs act ritenuto colonna portante e rappresentativa del Governo Renzi sulla scia del quale prosegue il Governo Gentiloni. D’altra parte, il referendum sui voucher apre alla possibilità di ridefinire l’uso e il ruolo dei voucher lavoro che, nati come strumenti per regolare il lavoro accessorio e far emergere il nero, è diventato un mezzo abusato che ha di fatto creato lavoro sommerso. Infatti, sebbene il referendum proposto dalla CIGIL proponga di eliminare i voucher lavoro, le varie forze politiche propendono per normalizzare un uso migliore dello strumento.
Quanto al referendum sugli appalti, questo mira a reintrodurre maggiori tutele per i dipendenti esternalizzati da società che lavorano in appalto.

Stando così la situazione, il referendum potrebbe svolgersi tra il 15 aprile e il 15 giugno, a meno che non ci siano elezioni anticipate che rinvierebbero il referendum di un anno, o che il Governo e il Parlamento non rielaborino le leggi contestate e, in tal caso, si dovrebbe aspettare il benestare della Cassazione.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Progetto: salute e sicurezza al passo con i tempi

del 29/01/2013

Nell'ambito della collaborazione tra l'Inail e il Consiglio nazionale dell'Ordine dei consulenti del...

La puerpera fa esperienza anche da casa

del 05/02/2013

La futura mamma, che lavorava a part-time, matura esperienza anche se rimane a casa e non fa, quindi...

Politica disinteressata ai problemi reali del paese

del 05/02/2013

L'allarme è di quelli rossi e non va sottovalutato. Nel 2012 hanno chiuso 365mila aziende, cioè 1000...