Consulenza o Preventivo Gratuito

Bancarotta, il consulente concorre al dissesto fraudolento

del 22/03/2016
di: Redazione
Bancarotta, il consulente concorre al dissesto fraudolento

Il consulente che aiuti i vertici societari a distrarre beni da un’azienda dovrà rispondere di concorso in bancarotta. A stabilirlo la Corte di Cassazione, con la sentenza 8349 del 29 febbraio 2016.

 

Il caso analizzato dagli Ermellini è quello di un avvocato che, con il suo operato, aveva contribuito alla bancarotta di una società cliente. La Cassazione ha sancito che il consulente, che sia a conoscenza dei propositi distrattivi dell’amministratore di diritto della società, debba essere considerato correo qualora non solo non denunci il comportamento scorretto ma, anzi, fornisca consigli all’amministratore stesso.

 

In ultima istanza, gli Ermellini stabiliscono che il consulente, che pure è al di fuori dei meccanismi decisionali dell’impresa, debba essere considerato corresponsabile qualora la sua condotta abbia aiutato l’amministratore a perpetrare il proprio reato, per di più fornendogli strumenti atti ad aggravare la situazione o a mantenere la propria impunibilità. La Corte, relativamente al caso in esame, ha stabilito che è stata fondamentale la consapevolezza dell’avvocato, la cui condanna pronunciata in Appello è ora da considerarsi definitiva.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Dati Unioncamere: morte mille imprese al giorno

del 31/01/2013

Boom di imprese che nell'anno 2012 hanno chiuso i battenti. Cancellate dal registro delle imprese mi...

L'affitto o cessione d'azienda consente la cigs

del 05/02/2013

Sì alla cigs se l'impresa cede o affitta l'azienda; oppure se distacca i lavoratori presso imprese t...

Anomalie: le fatture false da segnalare all'Uif

del 07/02/2013

Fatture relative a erogazione di servizi ritenuti inesistenti, emissione di fatture prive di dati es...