Consulenza o Preventivo Gratuito

Voluntary disclosure, conto salato per i ritardatari

del 17/12/2015
di: Redazione
Voluntary disclosure, conto salato per i ritardatari

Il 30 novembre si è chiuso il periodo per la presentazione della documentazione per l’adesione al rientro volontario dei capitali, la cosiddetta voluntary disclosure. Sono oltre 90.000 le istanze presentate e le stime sono di circa 3,2 miliardi di euro che confluiranno nelle casse dell’Erario.

 

Ma negli ultimi giorni di novembre, a meno di 100 ore dalla scadenza dei termini, c’è chi si è precipitato negli studi professionali cercando di aderire “last minute” alla procedura, e le brutte sorprese erano dietro l’angolo: mentre alcuni commercialisti, conoscendo le tempistiche necessarie, hanno preferito chiudere preventivamente la possibilità di adesione, altri professionisti hanno presentato parcelle “maggiorate” per l’urgenza, sfruttando il periodo cuscinetto di 30 giorni che si chiuderà, definitivamente, il 31 dicembre prossimo.

 

Un’ulteriore possibilità riguarda coloro si siano visti respingere la richiesta di adesione al voluntary disclosure per mancato riconoscimento del codice di autenticazione o di riscontro o per mancato riconoscimento dei soggetti che trasmettono la richiesta. Per loro, è possibile richiedere una nuova procedura entro cinque giorni lavorativi dal rigetto da parte dell’Agenzia delle Entrate.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
La pace fiscale agevolata è costata 1.453 euro

del 24/01/2013

Sono 119 mila le liti tributarie di importo fino a 20 mila euro definite dai contribuenti in modo ag...

Occhi del fisco anche sui conti correnti delle colf

del 24/01/2013

L'occhio «indiscreto» dell'amministrazione arriva anche sulle provviste dei collaboratori domestici....

EBay sul banco degli imputati per evasione fiscale

del 25/01/2013

EBay sul banco degli imputati per evasione fiscale. Un nuovo tassello si aggiunge alla vicenda tribu...