Consulenza o Preventivo Gratuito

Fisco, l’Italia chiede aiuto a Ocse e Fmi

del 30/10/2015
di: La redazione
Fisco, l’Italia chiede aiuto a Ocse e Fmi

L’Italia si gioca tutto sulla riforma fiscale e chiede aiuto a Ocse e Fmi. Il ministro Padoan si è rivolto ai due organismi internazionali per facilitare l’individuazione di buone pratiche che possano essere messe in campo nel nostro paese. Da Via XX Settembre, in particolare, si guarda con attenzione a quelle metodiche che permettano di creare “un rinnovato rapporto tra contribuente e fisco, basato sulla fiducia e la collaborazione, orientato a incrementare il livello di adempimento spontaneo prevenendo il contenzioso tributario”.

 

L’asse, così, si sposta dalla repressione alla prevenzione, mettendo in atto tutte le pratiche che consentano di evitare lo scontro frontale tra fisco e contribuenti. Il ruolo dell’Ocse e del Fmi dovrebbe essere quello di analizzare gli strumenti di compliance a livello mondiale e di studiare quale possa essere quello più adatto al nostro paese. Una missione analoga venne affidata all’Ocse nel 1999, quando si decise di istituire le agenzie fiscali. Non è chiaro se questo lavoro sarà, o meno, pagato dall’Italia. Quello che si sa, però, è che l’Ocse vive anche dei contributi volontari dei paesi: lo scorso anno, su quasi 540 milioni di euro ricevuti, ben 125 sono stati dati come contributo volontario.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
La pace fiscale agevolata è costata 1.453 euro

del 24/01/2013

Sono 119 mila le liti tributarie di importo fino a 20 mila euro definite dai contribuenti in modo ag...

Occhi del fisco anche sui conti correnti delle colf

del 24/01/2013

L'occhio «indiscreto» dell'amministrazione arriva anche sulle provviste dei collaboratori domestici....

EBay sul banco degli imputati per evasione fiscale

del 25/01/2013

EBay sul banco degli imputati per evasione fiscale. Un nuovo tassello si aggiunge alla vicenda tribu...