Consulenza o Preventivo Gratuito

Jobs Act, rimangono i controlli a distanza

del 08/09/2015
di: La redazione
Jobs Act, rimangono i controlli a distanza
Dopo l’approvazione degli ultimi quattro decreti attuativi, il Jobs Act, il provvedimento varato dal governo per ridare nuovo slancio al mercato del lavoro è pronto a divenire operativo a tutti gli effetti. Uno dei punti controversi è quello relativo ai controlli a distanza, che il governo ha deciso di mantenere nonostante le pressioni di associazioni di categoria e sindacati. Sarà così possibile per il datore di lavoro controllare pc, tablet, telefonini e badge (rigorosamente aziendali) dei dipendenti. Diverso il discorso per l’installazione di telecamere: in questo caso, infatti, sarà necessaria l’autorizzazione sindacale e amministrativa. Le immagini raccolte potranno essere utilizzate per comminare sanzioni al dipendente inadempiente. Di contro, saranno inasprite le sanzioni nel caso in cui questi controlli avvengano senza aver preventivamente allertato i lavoratori, e si cercherà di evitare che vengano utilizzate le informazioni raccolte unicamente tramite telecamere.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Progetto: salute e sicurezza al passo con i tempi

del 29/01/2013

Nell'ambito della collaborazione tra l'Inail e il Consiglio nazionale dell'Ordine dei consulenti del...

La puerpera fa esperienza anche da casa

del 05/02/2013

La futura mamma, che lavorava a part-time, matura esperienza anche se rimane a casa e non fa, quindi...

Politica disinteressata ai problemi reali del paese

del 05/02/2013

L'allarme è di quelli rossi e non va sottovalutato. Nel 2012 hanno chiuso 365mila aziende, cioè 1000...