Consulenza o Preventivo Gratuito

Disegno di legge sulla voluntary disclosure approvato

del 05/12/2014
di: la redazione
Disegno di legge sulla voluntary disclosure approvato
Persone fisiche, enti non commerciali, società semplici ed equiparate con residenza in Italia possono aderire alla voluntary disclosure per regolarizzare le violazioni agli obblighi d dichiarazione annuale dei capitali detenuti all'estero effettuate fino al 30 settembre 2014. Le sanzioni, da versarsi assieme alle imposte evase e agli interessi, sono ridotte. Per aderire bisogna fare istanza entro il 30 settembre 2015 presso l'Ucifi specificando tutti gli investimenti e attività finanziarie costituite o detenute all'estero direttamente o per interposta persona e prelievi, movimentazioni utilizzi dei fondi. Rispetto alla prima versione prevista dal dl 4/2014 e poi stralciata in sede di conversione, riporta il quotidiano ItaliaOggi, il disegno di legge sulla voluntary prevede una nuova autodenuncia e una maggiore tutela penale oggi assicurata integralmente anche per i reati di dichiarazione fraudolenta mediante fatture false o altri artifici. Il contribuente non è punibile per i reati di cui agli articoli 2, 3, 4 , 5, 10 bis e 10 ter dlgs 74/00 e non si applicano neppure le sanzioni penali su riciclaggio e autoriciclaggio. Il contribuente è tenuto a versare le somme richieste dal fisco entro il termine variabile tra i 15 e i 60 giorni, a seconda del tipo di atto notificato dall'Agenzia delle Entrate. Esiste la possibilità di versare il dovuto in tre rate mensili. E’ stato abolito il raddoppio automatico dei termini di accertamento qualora i capitali siano occultati in un paradiso fiscale se il contribuente si impegna a garantire trasparenza per il futuro. E’ stata introdotta la voluntary interna accessibile non più ai soggetti tenuti alla compilazione del modulo RW di Unico ma a tutti i contribuenti destinatari di obblighi dichiarativi nazionali e quindi anche le società. E' prevista la forfettizzazione delle imposte dovute per i patrimoni di importo fino a 2 milioni di euro. Restiamo in attesa del provvedimento attuativo dell'Agenzia delle Entrate che definirà i dettagli della modalità di presentazione dell'istanza di collaborazione volontaria e il pagamento dei relativi debiti tributari.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
La pace fiscale agevolata è costata 1.453 euro

del 24/01/2013

Sono 119 mila le liti tributarie di importo fino a 20 mila euro definite dai contribuenti in modo ag...

Occhi del fisco anche sui conti correnti delle colf

del 24/01/2013

L'occhio «indiscreto» dell'amministrazione arriva anche sulle provviste dei collaboratori domestici....

Controlli, l'autovalutazione con ReddiTest non basta

del 24/01/2013

Con un anno di ritardo rispetto alla tabella di marcia, l'Agenzia delle entrate alla fine dello scor...