Consulenza o Preventivo Gratuito

Redditometro, Nina Moric finisce nel mirino del Fisco

del 21/06/2013
di: Benito Fuoco e Nicola Fuoco
Redditometro, Nina Moric finisce nel mirino del Fisco
La showgirl croata Nina Moric è finita nel mirino del fisco e si è trovata a fronteggiare un accertamento fiscale basato sul redditometro, spiccato a suo carico per delle attività economiche realizzate con l'allora marito Fabrizio Corona (anni d'imposta dal 2003 al 2006). La causa tributaria è stata discussa presso la Commissione tributaria regionale di Milano e si è conclusa con le decisioni nn. 38, 39 e 40/12/13, che hanno accolto parzialmente le doglianze sollevate dai difensori della starlette.

L'accertamento aveva avuto origine da alcune operazioni societarie e immobiliari realizzate dalla Moric col marito Fabrizio Corona, per il tramite di due società di capitali possedute dalla coppia. In particolare, si contestava alla showgirl di aver finanziato le società Corona's Srl e Carlos Srl per fronteggiare l'acquisto di un immobile di cospicuo valore, nonché di aver beneficiato della disponibilità di due autovetture intestate formalmente alle compagini sociali. I relativi incrementi patrimoniali, coordinati con gli indici di capacità contributiva tipici del redditometro (possesso di autovetture e abitazioni), avevano generato uno scostamento del reddito presunto rispetto al reddito dichiarato dalla contribuente.

La Ctr di Milano ha, in parte, dato ascolto alle richieste dei difensori tributari, riducendo il valore dell'accertamento, ma imputando comunque la riferibilità delle operazioni alla Moric e confermando (seppure non nella misura completa) la verifica fiscale. Nella specie, i giudici meneghini hanno ribadito l'orientamento secondo cui nelle società di capitali a ristretta base sociale (composte da un numero irrisorio di soci in rapporti di confidenza tra loro), «devono considerarsi attinenti alla contribuente gli incrementi patrimoniali realizzati dalle società stesse, così come ben possono farsi presuntivamente risalire ai soci i beni mobili del cui utilizzo per scopi sociali non è offerta prova (autovetture)». La Moric, dunque, doveva dimostrare di possedere dei redditi necessari a finanziare gli acquisti immobiliari realizzati dalle sue società e a mantenere le autovetture a esse intestate. Vi è riuscita solo in parte.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
La Guardia di finanza rafforza gli accertamenti

del 25/01/2013

Guardia di finanza spalla delle Entrate per l'accertamento. Nel 2012 i verbali delle Fiamme gialle h...

L'elaborazione dei dati fiscali non è attività riservata

del 26/01/2013

L'attività di elaborazione dati ai fini fiscali non è attività riservata. Pertanto, può essere svolt...

Il nuovo redditometro non riesce a stanare i vip

del 29/01/2013

Il nuovo redditometro fa i conti con il passato. E il risultato non incoraggia affatto. Il vecchio a...