Consulenza o Preventivo Gratuito

Evasione, Ocse al lavoro sulle multinazionali

del 14/06/2013
di: Tancredi Cerne
Evasione, Ocse al lavoro sulle multinazionali
Sarà l'Ocse a mettere a punto un sistema di contrasto all'evasione fiscale perpetrata da parte delle imprese multinazionali. E lo farà per conto del G20. L'annuncio è arrivato ieri a Bruxelles da parte del segretario generale dell'organizzazione di Parigi, Angel Gurria, al termine di un incontro con il presidente della commissione Ue José Manuel Barroso. «Esiste un'evidente complementarietà tra le nostre due istituzioni», ha aggiunto il segretario generale dell'Ocse sottolineando l'importanza dell'ultimo accordo commerciale negoziato tra l'Unione europea e gli Stati Uniti.

Alle parole di Gurria hanno fatto seguito le raccomandazioni del numero uno dell'Ue, secondo cui la Commissione dovrebbe puntare a raggiungere risultati di grande livello nella lotta all'evasione fiscale su scala globale. «In questo contesto, l'Unione europea assicurerà tutto il proprio sostegno alla creazione di uno standard globale per lo scambio automatico di informazioni bancarie». Proposta, questa, che sarà affrontata nel corso della prossima riunione del G8 in agenda per il 17 e 18 giugno a Fermanagh, in Irlanda del Nord.

Ad accendere un faro sulle acrobazie fiscali delle multinazionali è arrivato ieri anche il Public accounts committee, la commissione della Camera dei comuni di Londra, che ha incitato il fisco britannico a investigare appieno sul modo in cui Google paga le tasse nel Regno Unito.

Secondo i dati ufficiali, la compagnia ha generato utili per 18 miliardi di dollari nel Regno Unito dal 2006 al 2011 ma ha pagato in tasse, nello stesso periodo, appena 16 milioni di dollari. Il gruppo americano ha sempre negato le accuse, affermando che i suoi servizi vengono venduti e contabilizzati dalla sede irlandese di Dublino. Ma la commissione di Westminster ha detto di aver raccolto una serie di testimonianze di ex dipendenti che proverebbero il contrario. «Come abbiamo sempre detto, Google rispetta tutte le normative fiscali in Gran Bretagna. E chi definisce queste regole sono i politici», ha ribadito un portavoce di Google. «È chiaro che la Public account committee vuole che le multinazionali paghino più tasse nei paesi in cui si trovano i loro clienti, ma questo non è quello che le regole stabiliscono oggi».

© Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
La pace fiscale agevolata è costata 1.453 euro

del 24/01/2013

Sono 119 mila le liti tributarie di importo fino a 20 mila euro definite dai contribuenti in modo ag...

Occhi del fisco anche sui conti correnti delle colf

del 24/01/2013

L'occhio «indiscreto» dell'amministrazione arriva anche sulle provviste dei collaboratori domestici....

EBay sul banco degli imputati per evasione fiscale

del 25/01/2013

EBay sul banco degli imputati per evasione fiscale. Un nuovo tassello si aggiunge alla vicenda tribu...