Consulenza o Preventivo Gratuito

Effetto contrario: lo spesometro spinge al nero

del 04/06/2013
di: La Redazione
Effetto contrario: lo spesometro spinge al nero
Lo spesometro, il nuovo redditometro, e, più in generale, le altre misure di lotta all'evasione adottate a partire dal 2010 si sono rivelati «poco efficaci» se non addirittura causa di effetti negativi. Sono i dubbi espressi dalla Corte dei conti, nel rapporto sul coordinamento della finanza pubblica (si veda ItaliaOggi del 29 e 31 maggio).

«Andamenti ondivaghi e contraddittori»: così la Corte definisce la strategia di contrasto all'evasione adottata nella precedente legislatura. Ma le critiche più aspre sono state riservate allo spesometro, per il quale le innovazioni introdotte non hanno prodotto «gli effetti sperati e, al contrario, hanno probabilmente generato ricadute negative». Senza usare mezzi termini, per la magistratura contabile, «la rilevazione sistematica delle operazioni verso i consumatori finali di importo pari o superiore a 3.600 euro» ha spinto a incentivare gli acquisti in nero.

Quanto al nuovo redditometro, altro caposaldo della lotta all'evasione, «il clamore mediatico suscitato dal nuovo meccanismo di ricostruzione sintetica dei redditi appare francamente sproporzionato alle limitate potenzialità dello strumento e alla presumibile efficacia dello stesso».

E, ancora, il dito è puntato contro le disposizioni contenute nel dl 98 del 2011, in tema di definizione delle liti fiscali pendenti di importo fino a 20 mila euro e all'introduzione, a regime, dell'istituto della mediazione fiscale per gli atti fiscali dello stesso importo. «Si tratta, infatti» a detta della Corte, «di misure che hanno certamente indebolito la capacità di deterrenza del sistema di controlli, rafforzando la già diffusa convinzione che è preferibile pagare solo dopo l'accertamento dell'amministrazione piuttosto che adempiere spontaneamente e tempestivamente agli obblighi tributari».

A conferma di ciò i risultati dell'accertamento in senso proprio: i risultati recenti sono legati soprattutto all'azione del Fisco verso i grandi contribuenti, con l'obiettivo di contrastare in particolare l'abuso di diritto. Negli altri casi, i risultati messi a segno dall'amministrazione finanziaria sono stati frutto dell'attività di controllo automatizzato svolta ai fini delle imposte sui redditi e dell'Iva (si veda tabella in pagina). Attività connessa ai comportamenti degli stessi contribuenti, che per effetto della crisi economica, hanno utilizzato il mancato versamento di ritenute, Iva e contributi come forma alternativa di finanziamento (cosiddetta evasione da riscossione).

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
La Guardia di finanza rafforza gli accertamenti

del 25/01/2013

Guardia di finanza spalla delle Entrate per l'accertamento. Nel 2012 i verbali delle Fiamme gialle h...

L'elaborazione dei dati fiscali non è attività riservata

del 26/01/2013

L'attività di elaborazione dati ai fini fiscali non è attività riservata. Pertanto, può essere svolt...

Il nuovo redditometro non riesce a stanare i vip

del 29/01/2013

Il nuovo redditometro fa i conti con il passato. E il risultato non incoraggia affatto. Il vecchio a...