Consulenza o Preventivo Gratuito

Autoregistrazione cartelle, rate fai-da-te ampie

del 09/05/2013
di: Pagina a cura di Cristina Bartelli
Autoregistrazione cartelle, rate fai-da-te ampie
Rate delle cartelle fai-da-te extra large. Autocertificazione per la rateizzazione di debiti con Equitalia fino a 50 mila euro, mentre la precedente soglia era di 20 mila euro, con la possibilità di restituire gli importi fino a 72 rate mentre attualmente il massimo previsto, per la procedura semplificata, era di 48 tranche. Equitalia mette mano alle procedure di rateizzazioni dei debiti e, con una nota di ieri, amplia le possibilità per i contribuenti che si trovano ad avere una cartella tra le mani. Per chi dunque sceglie la strada del pagamento a rate può utilizzare una soglia di importo più alta per usufruire di una procedura con minori oneri burocratici. Il contribuente interessato, infatti, con cartelle dagli importi fino a 50 mila euro potrà semplicemente autocertificare la propria situazione di difficoltà economica, che lo motiva a chiedere il piano rateale allo sportello, mentre finora doveva presentare documentazioni, come bilanci o documenti Isee, e vedere riconosciuta la suddivisione del dovuto in rate. La documentazione accessoria dunque rimane per importi di debito con Equitalia superiori ai 50 mila euro che attestino la situazione di temporanea difficoltà economica. Nel 2013, su 22 mld di rateizzazioni concesse, il 34% degli importi ha riguardato proprio le somme tra i 5 mila e i 50 mila euro (si veda ItaliaOggi dell'8/5/2013).

La seconda novità concerne poi la durata per la procedura semplificata. In precedenza, infatti, per gli importi autocertificati rateizzati, fino alla soglia dei 20 mila euro, si potevano suddividere le rate in massimo 48 tranche. Anche su questo punto la società della riscossione interviene prevedendo una uniformità con la suddivisione massima consentita dalla legge per ogni tipologia di rateizzazione e cioè 72 tranche. Nella sua nota Equitalia fa poi una importante precisazione sugli effetti della rateazione ai fini degli adempimenti previdenziali. La società scrive infatti che: «Il contribuente che ha ottenuto la rateazione non è più considerato inadempiente e può richiedere il Durc (Documento unico di regolarità contributiva) per partecipare alle gare di affidamento delle concessioni e degli appalti di lavori, forniture e servizi». Inoltre, Equitalia ricorda che a fronte delle rateazioni concesse non può iscrivere ipoteca nei confronti di chi ha ottenuto la rateizzazione né attivare qualsiasi altra procedura cautelare ed esecutiva finché si è in regola con i pagamenti.

La rateazione è prorogabile una sola volta fino a un massimo di 72 rate, se durante i pagamenti in corso si dimostra il peggioramento della situazione di difficoltà posta a base della concessione della prima rateazione. «Nella richiesta», ricorda la società, «si può anche indicare la preferenza per un piano di dilazione a rate variabili e crescenti, più basse all'inizio nella prospettiva futura di un miglioramento della situazione economica del contribuente».

«La rateizzazione si conferma uno strumento efficace per andare incontro alle esigenze dei contribuenti», dice Benedetto Mineo, amministratore delegato di Equitalia, «basta pensare che a oggi sono attive circa 2 milioni di rateazioni per un totale di oltre 22 miliardi di euro. L'obiettivo è rendere il pagamento a rate sempre più rispondente alle esigenze delle persone in modo che possano regolarizzare con più facilità la loro posizione con il fisco». Di questi 22 mld, nel 2013, la parte del leone, nel chiedere di spezzare il debito, sono state le persone giuridiche e i titolari di partita Iva come numero di importi pari al 66% mentre le procedure, le istanze sono state attivate nel 77% dei casi dalle persone fisiche.

© Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
La Guardia di finanza rafforza gli accertamenti

del 25/01/2013

Guardia di finanza spalla delle Entrate per l'accertamento. Nel 2012 i verbali delle Fiamme gialle h...

L'elaborazione dei dati fiscali non è attività riservata

del 26/01/2013

L'attività di elaborazione dati ai fini fiscali non è attività riservata. Pertanto, può essere svolt...

Il nuovo redditometro non riesce a stanare i vip

del 29/01/2013

Il nuovo redditometro fa i conti con il passato. E il risultato non incoraggia affatto. Il vecchio a...