Consulenza o Preventivo Gratuito

Firmato il nuovo Ccnl per 52 mila vigilantes privati

del 19/04/2013
di: Simona D'Alessio
Firmato il nuovo Ccnl per 52 mila vigilantes privati
Aumento medio in busta paga dai 14,29 euro per il VI livello fino ai 38,57 per i quadri. Norme più severe sui cambi d'appalto per evitare «squilibri negli assetti organizzativi delle imprese» e tutelare i livelli occupazionali. E, ancora, stop all'assegnazione dei gradi mutuati dall'ordinamento militare, d'ora in avanti soltanto «con carattere onorifico». A prevederlo il nuovo contratto collettivo nazionale di lavoro del settore della vigilanza privata che riguarda oltre 52 mila 227 addetti, di cui 47 mila 64 con qualifica di guardia giurata armata, con decorrenza dal 1° febbraio 2013 al 31 dicembre 2015; a siglarlo rappresentanti di Assiv Confindustria, Lega Coop Servizi, Federlavoro e Servizi Confcooperative e Agci Servizi, e i sindacati dei lavoratori Filcams Cgil, Fisascat Cisl e, in un tavolo separato, Ugl Sicurezza Civile. La categoria esce da un anno particolarmente duro: nel 2012, infatti, c'è stata un'escalation del 48% del ricorso alla cassa integrazione straordinaria e del 91% per quella in deroga, soprattutto nel Meridione. Registrate, inoltre, 3 mila 215 domande di disoccupazione, concentrate prevalentemente nelle province di Roma, Milano, Sassari e Foggia, mentre hanno raggiunto quota 820 le richieste di mobilità.

Il rinnovo, che arriva quattro anni dopo la precedente scadenza, oltre a portare ad un incremento di stipendio e alla corresponsione una tantum di 450 euro a copertura del periodo di vacanza contrattuale, stabilisce una clausola stringente riguardante la disciplina del cambio d'appalto, per scongiurare esuberi di personale presso gli istituti che perdono l'incarico. Rivista, poi, la classificazione dell'area tecnico-operativa, distinta in due segmenti (Area 1 e Area 2), cui fanno riferimento i sei livelli salariali; i nuovi assunti, con mansioni di guardia giurata e aiuto meccanico, saranno inquadrati al VI livello per 24 mesi, per poi passare automaticamente al V dal 25° al 48° mese e successivamente al IV livello. Infine, il Ccnl viene ampliato ai servizi fiduciari (diversi dalla vigilanza armata), comprendendo, fra l'altro, le attività di portierato, sorveglianza, fruizione di immobili, prevenzione, primo intervento e antincendio.

© Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Quote rosa al via nella pubblica amministrazione

del 24/01/2013

Al via le quote rosa nei consigli di amministrazione e nei collegi di revisione delle partecipate pu...

Nei fondi bilaterali gli enti costituiti e operativi

del 25/01/2013

I fondi di solidarietà bilaterali, finalizzati a tutelare l'integrazione salariale nei settori non c...

Tirocini linee guida uniformi in tutte le regioni

del 26/01/2013

Via libera alle linee guida sui tirocini. La conferenza stato-regioni, infatti, ha predisposto le no...