Consulenza o Preventivo Gratuito

False fatture senza evasione, contribuente nel mirino

del 10/04/2013
di: Debora Alberici
False fatture senza evasione, contribuente nel mirino
Il contribuente è punibile per aver emesso false fatture anche nel caso in cui questo comportamento non si è tradotto in una evasione fiscale.

Si tratta, infatti, di fattispecie di pura condotta con evento di pericolo astratto.

È quanto ribadito dalla Corte di cassazione con la sentenza n. 12848 del 20 marzo 2013.

Dunque, la terza sezione penale ha reso definitiva la condanna a carico di un imprenditore di Sassuolo accusato di aver emesso fatture a fronte di operazioni inesistenti.

Lui si era difeso sostenendo che la sua condotta non aveva arrecato all'Erario alcun danno. Ciò perché i costi sostenuti non erano mai transitati in contabilità e quindi non erano stati mai indicati fra le componenti negative del reddito.

La tesi non ha convinto i Supremi giudici che hanno motivato la conferma definitiva della condanna sancendo che «vertendosi in ipotesi di reati di pura condotta con evento di pericolo astratto, è del tutto irrilevante l'idoneità della condotta stessa a determinare tale danno.

La consumazione del reato coincide con l'emissione della fattura falsa e con la presentazione della dichiarazione, nel caso che qui interessa, ai fini Iva, a prescindere dal conseguimento o meno di una effettiva evasione d'imposta».

Da qualche anno a questa parte la Cassazione ha aderito alla linea dura in caso di fatture false.

Con la sentenza n. 44479/2012, un altro collegio della terza sezione penale ha affermato che può essere condannato l'imprenditore che ha gonfiato gli importi «ritoccando» a mano i documenti contabili. La responsabilità penale può essere esclusa solo nel caso in cui il contribuente dimostri l'effettivo esborso di denaro.

L'argomentare dei giudici di merito, spiega Piazza Cavour, è semplice e lineare quando afferma che non solo gli importi delle fatture in possesso del contribuente risultano visibilmente ritoccati al rialzo rispetto agli originali reperiti nella contabilità dell'emittente, con evidente contraffazione manuale, ma anche l'imputato non è stato in grado di dimostrare in alcun modo quanto ha effettivamente pagato al suo fornitore trincerandosi dietro la giustificazione di avere di volta in volta pagato il corrispettivo in contanti.

© Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
La pace fiscale agevolata è costata 1.453 euro

del 24/01/2013

Sono 119 mila le liti tributarie di importo fino a 20 mila euro definite dai contribuenti in modo ag...

Occhi del fisco anche sui conti correnti delle colf

del 24/01/2013

L'occhio «indiscreto» dell'amministrazione arriva anche sulle provviste dei collaboratori domestici....

EBay sul banco degli imputati per evasione fiscale

del 25/01/2013

EBay sul banco degli imputati per evasione fiscale. Un nuovo tassello si aggiunge alla vicenda tribu...