Consulenza o Preventivo Gratuito

Agevolazione Iva consorzi a maglie larghe

del 08/03/2013
di: di Roberto Rosati
Agevolazione Iva consorzi a maglie larghe
Agevolazione Iva a maglie larghe per i servizi dei consorzi per l'internazionalizzazione delle imprese: il trattamento di non imponibilità, previsto dall'art. 42 del dl n. 83/2012, dovrebbe applicarsi non soltanto agli enti la cui attività è diretta a favorire gli scambi con paesi Ue, ma anche nell'ambito dell'Unione. Lo sostiene Assonime nella circolare n. 5 del 14 febbraio 2013, che si occupa del nuovo regime fiscale dei consorzi in questione, introdotto dal citato art. 42, modificativo del precedente delineato dalla legge n. 83/1989, rispetto al quale è stato ampliato l'oggetto dell'attività istituzionale dei consorzi per il commercio internazionale e sono state definite più puntualmente le modalità per la loro costituzione in ordine ai requisiti soggettivi.

Riguardo ai profili tributari, l'art. 42 ripropone l'agevolazione consistente nel trattamento di non imponibilità a Iva, ai sensi dell'art. 9 del dpr 633/72, dei servizi resi dai consorzi per l'internazionalizzazione in favore delle piccole e medie imprese consorziate. In ordine alla portata dell'agevolazione, come detto, Assonime osserva che sebbene la legge definisca l'attività svolta dai consorzi in questione come attività di supporto alla presenza delle consorziate nei mercati esteri, in relazione ai prodotti e ai servizi da esse commercializzati negli stessi mercati, sembra sostenibile che l'agevolazione si applichi anche in relazione agli stessi servizi resi alle consorziate che agiscono nell'ambito dell'Ue. Anche in questo contesto, argomenta infatti l'associazione, i consorzi porrebbero comunque in essere attività promozionali dirette a favorire gli scambi intracomunitari delle consorziate, e pertanto operazioni comunque effettuate al di fuori del territorio nazionale.

Relativamente al settore reddituale, l'art. 42 stabilisce che «le somme accantonate nelle riserve costituenti il patrimonio netto dei consorzi per l'internazionalizzazione concorrono alla formazione del reddito dell'esercizio in cui la riserva è utilizzata per scopi diversi dalla copertura delle perdite o dall'aumento del fondo consortile o del capitale sociale». Al riguardo, Assonime rileva che tale disciplina è più restrittiva di quella della legge del 1989, secondo la quale l'imponibilità scattava solo all'atto della distribuzione delle riserve, mentre ora è sufficiente l'utilizzo per scopi diversi da quelli previsti.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
La pace fiscale agevolata è costata 1.453 euro

del 24/01/2013

Sono 119 mila le liti tributarie di importo fino a 20 mila euro definite dai contribuenti in modo ag...

Occhi del fisco anche sui conti correnti delle colf

del 24/01/2013

L'occhio «indiscreto» dell'amministrazione arriva anche sulle provviste dei collaboratori domestici....

EBay sul banco degli imputati per evasione fiscale

del 25/01/2013

EBay sul banco degli imputati per evasione fiscale. Un nuovo tassello si aggiunge alla vicenda tribu...