Consulenza o Preventivo Gratuito

Casa, requisiti per uno ma benefici fiscali per due

del 07/02/2013
di: Benito Fuoco e Nicola Fuoco
Casa, requisiti per uno ma benefici fiscali per due
In caso di comunione legale dei beni, i benefici fiscali connessi con l'acquisto della prima casa spettano anche se solamente uno dei due coniugi è in possesso dei requisiti per fruirne, ed è indipendente che tale coniuge abbia partecipato o meno all'atto di acquisto come contraente. Sono le conclusioni che si leggono nella sentenza 597/14/12 della Ctr di Roma.

Esistono, sul punto, diversi orientamenti. Secondo una lettura particolarmente restrittiva della norma, alcuni uffici fiscali sostengono l'esclusione completa dall'agevolazione, considerato che la stessa è ancorata alla indefettibile condizione che entrambi i coniugi, in comunione legale, siano in possesso dei requisiti. Un secondo orientamento, affermato dall'amministrazione finanziaria nella circolare 38/E del 2005, propende invece per un'agevolazione parziale, per cui spetterebbero i benefici nella misura del 50% del totale.

Di diverso parere la Commissione regionale laziale che, richiamando principi della Suprema Corte, giunge a conclusioni differenti dall'Agenzia delle entrate (e dalla sua circolare) e riconosce la spettanza del beneficio completo, secondo la tesi più favorevole al contribuente.

Nella sentenza si legge che il parere espresso dall'amministrazione nella circolare, che subordina la fruizione del beneficio alla dichiarazione di rito (da esprimere al momento dell'atto) «esaspererebbe il principio di personalità del consenso al punto che il coniuge non costituto nell'acquisto non potrebbe beneficiare delle agevolazioni fiscali, non avendo espresso alcuna specifica volontà al riguardo». Il beneficio completo, invece, ispirato dalla volontà di facilitare la famiglia nell'acquisto di una propria residenza familiare, «spetta anche nel caso in cui i requisiti prima casa sono posseduti dal coniuge contraente e dei quali è invece sfornito il non contraente».

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Casse edili, riforma urgente per migliorare le condizioni

del 23/01/2013

Riformare il sistema delle casse edili per migliorare le condizioni salariali dei lavoratori e favor...

Igiene precaria? Residenza ugualmente possibile

del 26/01/2013

La mancanza dei requisiti igienico sanitari di un'abitazione non preclude la possibile fissazione de...

Compravendite immobiliari, fisco in allerta

del 22/02/2013

La Cassazione entra a gamba tesa sulle rettifiche fiscali sulle compravendite immobiliari. Negli avv...