Consulenza o Preventivo Gratuito

Danno da infiltrazioni d'acqua? diritto al risarcimento

del 30/01/2013
di: La Redazione
Danno da infiltrazioni d'acqua? diritto al risarcimento
«Il conduttore ha diritto alla tutela risarcitoria nei confronti del terzo che con il proprio comportamento gli arrechi danno nell'uso o nel godimento della “res locata”; in particolare, qualora nell'appartamento locato si verifichi una infiltrazione d'acqua da un appartamento sovrastante, il conduttore, ex art. 1585, secondo comma, cod. civ., gode di una autonoma legittimazione per proporre l'azione di responsabilità nei confronti dell'autore del danno». Lo ha stabilito la Cassazione nella sentenza n. 17881/'11, inedita.

Vendita in blocco e vendita cumulativa

«In tema di locazione di immobili urbani ad uso diverso da quello abitativo, il diritto di prelazione o di riscatto, previsto dagli artt. 38 e 39 della legge 27 luglio 1978, n. 392, a favore del conduttore, presuppone, ha detto la Cassazione (sent. n. 15897/11, inedita), l'identità dell'immobile locato con quello venduto.

Ne consegue che, nell'ipotesi in cui con un unico atto o con più atti collegati vengano venduti a uno stesso soggetto una pluralità di unità immobiliari, tra cui quella oggetto del contratto di locazione, occorre distinguere a seconda che si sia in presenza di una vendita in blocco (che esclude il sorgere in capo al conduttore dei predetti diritti) o di una vendita cumulativa (che li lascia inalterati, limitatamente al bene oggetto del contratto di locazione).

Perché ricorra la vendita in blocco non è indispensabile che questa riguardi l'intero edificio in cui è compreso quello locato, ma è sufficiente che i vari beni alienati, tra loro confinanti, costituiscano un “unicum” e siano venduti (o promessi in vendita) non come una pluralità di immobili casualmente appartenenti a un unico proprietario e ceduti (o cedendi) a un soggetto diverso da colui che conduce in locazione per uso diverso uno di essi, ma come complesso unitario, costituente un “quid” differente dalla mera somma delle singole unità immobiliari». A tale riguardo, ha concluso la Suprema corte, spetta al giudice del merito l'accertamento, insindacabile in sede di legittimità ove logicamente e congruamente motivato, dell'unicità strutturale e funzionale del bene venduto al fine di escludere o ammettere la prelazione o il riscatto.

a cura dell'Ufficio legale della Confedilizia

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Il latte crudo va dichiarato sulla confezione

del 31/01/2013

Il latte crudo, così come la crema, prima di essere consumati vanno bolliti; la dicitura va riportat...

Colpa lieve, medico innocente se ha seguito l'iter

del 01/02/2013

La depenalizzazione dalla colpa lieve del medico scatta nei processi in corso in base al principio d...

Carburanti, prezzi in chiaro, senza indicare sconti

del 05/02/2013

Prezzi dei carburanti più trasparenti. Da un lato, attraverso la pubblicizzazione dei prezzi visibil...