CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Stretta sul lavoro accessorio

Stretta sul lavoro accessorio
La nuova riforma del lavoro, come delineata dal disegno normativo presentato dal consiglio dei Ministri il 23 marzo 2012, mira a creare un’occupazione di qualità, contrastando gli abusi che talvolta possono essere generati dalla flessibilità (la “stretta” sul lavoro occasionale trova la sua giustificazione in questo).
Il lavoro occasionale accessorio, così come previsto dal decreto legislativo 276/2003, è un’attività lavorativa di natura meramente occasionale che non dà luogo, con riferimento a ciascun committente, a compensi superiori a 5.000 euro nel corso di un anno solare.
E’, in sé, una fattispecie atipica, perché non prevede la stipula di un contratto scritto e, a seconda della tipologia di lavoro per cui si utilizza, può essere considerato come lavoro a tratti autonomo o a tratti subordinato.
Il limite economico sopraccitato si riferisce, come già menzionato, a ciascun committente in ragione dell’anno solare; l’articolo 11 della riforma invece parla di 5.000 € netti con riferimento alla totalità dei committenti; committenti dai quali vengono peraltro esclusi, dal disegno di legge, gli imprenditori commerciali ed i professionisti.
Nell’ambito quindi dei settori ammessi, le attività per le quali è possibile il ricorso al lavoro occasionale accessorio sono:

  • lavori domestici;
  • lavori di giardinaggio e pulizia;
  • insegnamento privato supplementare;
  • manifestazione sportive e fieristiche;
  • attività agricole;
  • consegna porta a porta;
  • attività nell’ambito dell’impresa familiare;
  • lavoro nei maneggi.
Al di fuori invece delle sopraelencate specifiche attività, il lavoro occasionale accessorio è ammesso se i prestatori di lavoro rientrano in una delle seguenti categorie:

  • giovani al di sotto dei 25 anni regolarmente iscritti ad un ciclo di studi (nei periodi privi di frequenza scolastica);
  • pensionati;
  • percettori di prestazione integrative del reddito (per un massimo di 3000 € netti);
  • lavoratori part-time. 
Il regime ad oggi stabilisce una contribuzione alla Gestione separata dell’Inps del 13% del valore nominale di ciascun buono, ma la riforma prevede l’adeguamento futuro alle aliquote previste per gli iscritti alla Gestione Separata Inps (che al momento è pari al 27,72% per i contribuenti non iscritti ad altra forma di previdenza).
Vi è un’ulteriore novità introdotta dalla riforma: è previsto che i compensi percepiti nell’ambito del lavoro accessorio rilevino nel calcolo del reddito necessario per il rinnovo del permesso di soggiorno, quindi è esplicito ed esclusivo il riferimento ai lavoratori extracomunitari.
La normativa ad oggi prevede che l’incasso dei voucher sia esente da qualsiasi imposizione fiscale e che non incida sullo stato di disoccupazione di un lavoratore; resta quindi da vedere se, onde evitare profili di incostituzionalità della norma, l’assoggettamento ad imposizione fiscale verrà esteso alla generalità dei prestatori ovvero in quale modo verrà applicato.

Dott.ssa Giorgia Signaroldi

Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI

Avvocati

Avv. Angelo Biasino

via Ferdinando d'Aragona, 36
76121 Barletta (BT)
Tel. 0883762209 - Fax. 0883762306

a.biasino73@gmail.com

Professionisti

Redazione Professionisti.it

via Stradivari, 1
20131 Milano (MI)
Tel. 0236593186 - Fax. 0270039893

redazione@professionisti.it

Consulenti Finanziari

Dott. Marco Chionetti

via Parpera, 9
12042 Bra (CN)
Tel. 3355727235 - Fax. 01721910282

marcochionetti@hotmail.com - www.deltadvice.it







CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →

LEGGI ANCHE

IN PRIMO PIANO

Esonero contributivo assunzioni, indebiti

Con la lettera circolare 17 giugno 2015, n. 9960, il Ministero del lavoro ha fornito importanti indicazioni per identificare i casi di fruizione indebita dell'esonero contributivo introdotto dall'art. 1, commi 118-120 della L. n. 190/2014 (Legge di stabilità...



IN PRIMO PIANO

Diritti e doveri del telelavoro

Istituito nel 2002 con accordo quadro europeo, il telelavoro è una forma di organizzazione e/o di svolgimento dell’attività lavorativa regolarmente svolta fuori dai locali dell’azienda. Nel 2014 sono stati siglati nuovi accordi volti a favorire il telelavoro...



IN PRIMO PIANO

Dopo il licenziamento, una conciliazione

Il DL 323/2015 che ha istituito il contratto a tutele crescenti ha introdotto un nuovo tipo di conciliazione che mira a dirimere le controversie derivate dal licenziamento. Attraverso questo nuovo istituto conciliativo che non si sostituisce ma si aggiunge...



IN PRIMO PIANO

Co.co.pro. ad esaurimento

A decorrere dall’entrata in vigore del Decreto sul riordino dei contratti di lavoro (in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ed entrata in vigore dal giorno successivo), i committenti/datori di lavoro non potranno più far ricorso a un contratto...



IN PRIMO PIANO

Aumenta il potere del datore di lavoro

Si ampliano i poteri del datori di lavoro in materia di controllo a distanza, possibili senza limitazioni su dispositivi e strumenti del dipendente (pc, tablet, etc.) o sul cartellino presenze e si allentano i paletti su altre tipologie di monitoraggio,...



[x] chiudi

AMMORTIZZATORI SOCIALI

Disoccupazione per chi si dimette, giusta causa

L’indennità di disoccupazione è riconosciuta di regola a chi ha perso il lavoro per cause che non dipendono dalla sua volontà. Di regola, dunque, non è concessa nel caso di dimissioni del lavoratore. Con la recente sentenza 11051/2015 la Corte di...




FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio