CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

La legge 231 per le categorie professionali e le microimprese

La legge 231 per le categorie professionali e le microimprese
La recente sentenza della Suprema Corte (Cassazione Penale del 7.2.2012 n. 4703) ha confermato l'applicabilità della normativa in tema di responsabilità amministrativa anche ai professionisti. La questione posta all'attenzione della Cassazione riguarda il caso di uno studio odontoiatrico, con forma di società in accomandita semplice, al quale il Tribunale delle libertà di Messina (Pronuncia n. 208 del 26 maggio 2011) ha comminato la sanzione prevista dall'articolo 13 del decreto legislativo 231/01, ovvero l'interdizione dall'esercizio dell'attività, per un anno. Si tratta di un provvedimento molto grave fondato su due presupposti:
  1. l'ente ha tratto dal reato un profitto di rilevante entità;
  2. è stata accertata la reiterazione nel tempo delle condotte illecite.
La decisione introduce di fatto un principio assolutamente nuovo per il nostro diritto, individuando tra i soggetti destinatari della norma innanzi citata anche i professionisti che svolgono l'attivita in forma societaria.
È prassi comune per le professioni intellettuali (studi medici, ingegneri, commercialisti, architetti, eccetera) svolgere l'attività professionale in forma societaria: in genere nella forma di società semplice, se si tratta di studi associati; oppure affiancando alla struttura professionale, svolta sia in forma associata che in forma individuale, una società di mezzi (una società in accomandita semplice, una società a responsabilità limitata o più raramente una società per azioni) in capo alla quale vengono poste le strutture informatiche, il personale, i servizi generali, eccetera.
Fino a oggi dottrina e giurisprudenza avevano considerato le professioni un mondo a parte che vive di regole proprie e al quale non erano applicabili nè le norme relative all'impresa, nè le procedure fallimentari, nè tantomeno quelle previste dal decreto legislativo 231/01.
In realtà l'articolo 1, al comma 2 della legge in esame, individua i soggetti destinatari delle norme sulla responsabilità penale degli enti tutte le società, aventi o non personalità giuridica e quindi:
  • le società per azioni e in accomandita per azioni;
  • le società a responsabilità limitata;
  • le società per azioni con partecipazione dello Stato o di enti pubblici;
  • le società per azioni di interesse nazionale;
  • le società estere diverse da quelle nazionali;
  • le società cooperative;
  • le società mutue assicuratrici;
  • le società semplici;
  • le società in nome collettivo o in accomandita semplice;
  • le società previste da leggi speciali, quali le società di intermediazione finanziaria, gli intermediari finanziari, le società di investimento e di gestione, di fondi comuni di investimento, le società di revisione.
L'evoluzione interpretativa della Cassazione penale porta a ricondurre tutte le forme societarie nell'alveo della 231/01 anche se dette società svolgono un'attività propria delle categorie professionali. Non interessa pertanto quale sia l'oggetto sociale o l'attività effettivamente svolta e nemmeno la dimensione del business (micro, piccola, media o grande impresa); è infatti possibile sottoporre a responsabilità amministrativa anche le piccolissime imprese, incluse quelle individuali.
Ma vi è di più. La semplice qualifica di società secondo la più ampia accezione di ente anche privo di personalità giuridica, (quindi anche la “società professionale”) basta per far scattare, in presenza di uno dei reati presupposto, la responsabilità penale dell'impresa. Il nuovo orientamento della Suprema Corte non mancherà di suscitare accesi dibattiti tra gli operatori del diritto e tra le categorie professionali che saranno chiamate a valutare l'adozione di modelli idonei a difendere l'ente da possibili sanzioni.

Dott. Mario Basilico
Interprofessionale Srl

Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI

Architetti

Architetto Claudia Boni

via Fontanegli, 5/a
16133 Genova (GE)
Tel. 0108301032

boni_claudia@libero.it

Commercialisti

Studio Romoli Romana

Via Garavaglia, 8
40129 Bologna (BO)
Tel. 0516334740 - Fax. 0514200857

romanaromoli@studioromoli.com - www.studioromoli.com

IN EVIDENZA
Compravendita immobiliare, Contributi e Previdenza, Bilancio, Dichiarazioni dei redditi, Società in nome collettivo, Società in accomandita semplice, Società a responsabilità limitata, Revisione, Operazioni straordinarie, Accertamenti fiscali
Consulenti Finanza d'Impresa

Linker Srl

Via Archimede, 73
20129 Milano (MI)
Tel. 0236692031 - Fax. 0236692039

fabio.bolognini@linker.biz - www.linker.biz







CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →

ULTIME NEWS

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 28/07/2014
Privacy, scontro fra Google e Garante

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 28/07/2014
Garanzia giovani, occupabilità under 30

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 28/07/2014
Giugno, stipendi in aumento

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 28/07/2014
Inps, indennità ai precari della scuola

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 24/07/2014
La crisi vista da Confindustria

[x] chiudi

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 23/07/2014
Equo compenso per i dispositivi tecnologici


FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio
La redazione è offline