CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Diritto del padre al congedo

Diritto del padre al congedo
Con una sentenza dello scorso 9 febbraio 2012 viene riconosciuto al padre il diritto di usufruire di congedi e permessi, indipendentemente dalla situazione lavorativa della madre, quando la stessa sia casalinga e quindi secondo la definizione giuridica sia “lavoratrice non dipendente”.
Nel caso specifico si tratta dell’adeguamento a disposizioni di legge vigenti.
La sentenza del 9 febbraio 2012 del Tribunale del Lavoro di Venezia ha accertato la natura discriminatoria del comportamento del Ministero dell’Interno nei confronti di un suo dipendente.
Lo stesso aveva chiesto al proprio datore di lavoro di poter usufruire dei permessi giornalieri al posto della moglie casalinga (cosiddetti permessi per l’allattamento del bambino che possono essere chiesti al termine del congedo per maternità e fino al compimento di un anno di vita del bambino e che comunque possono essere usufruiti per accudire il bambino indipendentemente dall’effettivo allattamento) previsti dall’articolo 40 del T.U. n. 151/2001 denominato ”Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità”.
Il padre lavoratore aveva chiesto di usufruire dei riposi giornalieri e anche dei periodi di congedo per malattia del figlio di cui all’articolo 47 del TU n. 151 del 26.03.2001 (congedi per malattia del figlio).
Tali permessi e congedi gli erano stati tutti negati con la motivazione che la moglie e madre è una “casalinga” e quindi si prende già cura del bambino.
Il lavoratore discriminato si è rivolto all’Ufficio della Consigliera di parità di Venezia per ottenere il risarcimento della mancata fruizione dei permessi giornalieri (normalmente di due ore giornaliere), del congedo per malattia e del danno subito per il mancato esercizio del lavoro di cura verso il proprio figlio.
Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Venezia ha accolto il ricorso promosso nei confronti del Ministero dell’Interno rilevando la natura discriminatoria del comportamento tenuto dal datore di lavoro affermando che anche il lavoro della “casalinga” deve essere definito attività lavorativa a tutti gli effetti.
Le regole dettate dall’articolo 40 del T.U. sopra citato prevedono che il padre possa usufruire dei permessi giornalieri:

  • nel caso in cui i figli siano affidati al solo padre;
  • in alternativa alla madre lavoratrice dipendente che non se ne avvalga;
  • nel caso in cui la madre non sia lavoratrice dipendente; in caso di morte o di grave infermità della madre.
Le regole dettate dall’articolo 47 del T.U. sopra citato prevedono:

  1. congedi per malattia nei primi tre anni di vita del bambino, in alternativa tra il padre e la madre, senza limiti di tempo anche se la malattia non è in fase acuta;
  2. dai quattro anni e fino agli otto anni di età del bambino ciascun genitore alternativamente può astenersi dal lavoro, nel limite di 5 giorni lavorativi all’anno (per un totale di 10 giorni complessivi tra madre e padre, non fruibili contemporaneamente) per malattie di ogni figlio. Lo stato di malattia deve essere documentato con certificato medico rilasciato da specialista del SSN o dal medico di base convenzionato. La malattia del bambino che dia luogo a ricovero ospedaliero interrompe, a richiesta del genitore, il decorso delle ferie in godimento.
A tali congedi di cui all’articolo 47 del T.U. non si applicano le disposizioni sul controllo della malattia del lavoratore. Tali congedi spettano al genitore richiedente anche qualora l’altro genitore non ne abbia diritto. I giorni di congedo vanno richiesti al datore di lavoro con 15 giorni di preavviso e, anche se la legge non lo specifica, si ritiene che tali giorni siano di calendario. Per i congedi di cui all’articolo 47 per malattia del bambino, al lavoratore che si assenta per accudire il figlio malato non spetta retribuzione, tali assenze sono coperte da contribuzione figurativa. Sono invece retribuiti al 100% i permessi per allattamento di cui all’articolo 40.
Si specifica che tali permessi spettano in aggiunta ai normali permessi previsti dal contratto di lavoro applicato al lavoratore.

Rag. Maurizio Cason Villa

COMMENTI

Anna
22/02/2012 14:15:45
Ben fatto! Nella nostra cultura ancora troppo persone ritengono che la casalinga sia una non-lavoratrice!
Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI

Avvocati

Albè & Associati - Studio Legale

Via Durini, 5
20122 Milano (MI)
Tel. 0258430276 - Fax. 0258324701

avvocati@albeeassociati.it - www.albeeassociati.it

IN EVIDENZA
Contratti commerciali, Compravendita immobiliare, Proprietà e diritti reali, Rapporto di lavoro, Cessazione del rapporto di lavoro, Contributi e Previdenza, Società a responsabilità limitata, Società per azioni, Fallimento, Concordato
Consulenti di direzione

Short Connection Italia

Via Pisana , 241/R
50143 Firenze (FI)
Tel. 055717304

silvia.conti@shortconnection.com - www.shortconnection.com

IN EVIDENZA
Contratti commerciali, Impresa, Industria meccanica, Industria chimica, Industria elettrica ed elettronica, Formazione e consulenza, Consulenza di direzione, Coaching, Information Technology in azienda, Controllo di gestione
Consulenti sicurezza aziendale

Studio Tecnico Geom. Giacomo Salvatore Bonomo

Piazza della Repubblica , 16
04011 Aprilia (LT)
Tel. 0664000703

mail@giacomobonomo.it - www.giacomobonomo.it

IN EVIDENZA
Pratiche edilizie, Cantieri, Formazione e consulenza, Perizie tecniche, Stime e perizie, Sicurezza e salute sui luoghi di lavoro, Consulenze tecniche, Consulenza di direzione






CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →

LEGGI ANCHE

IN EVIDENZA

Affidamento esclusivo del minore: un caso eccezionale

Il legislatore privilegia il regime dell’affidamento condiviso del figlio dovendo garantire ai minori il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuo con entrambi i genitori. L’affidamento esclusivo, dunque, dovrebbe rappresentare un caso...



IN EVIDENZA

Revoca della casa se non si abita in quella assegnata...

È quanto accaduto recentemente a una donna separata alla quale il Presidente del Tribunale di Roma aveva assegnato la casa familiare in comproprietà con il marito essendo la madre, il genitore presso cui la figlia minore era stata prevalentemente collocata. Il...



IN EVIDENZA

Assegno di divorzio ridotto o revocato in caso di...

La situazione affrontata dalla Cassazione in una recentissima sentenza, la n. 14521 del 10.07.2015, è piuttosto frequente, riguardando il caso di un padre che chiede la revoca o la riduzione dell’assegno di divorzio per la ex moglie, dovendo lo stesso provvedere...



IN PRIMO PIANO

Bonus bebè in scadenza

Le istanze relative ai figli nati o adottati tra il 1° gennaio ed il 27 aprile 2015 devono essere presentate entro il 27 luglio. Chi presenterà la richiesta in ritardo perderà le mensilità legate a tale mancanza. L’incentivo spetta per le nascite e...



IN PRIMO PIANO

Riconoscimento figli, cognome del padre

Quando un padre decide di riconoscere il figlio, è obbligatorio che gli attribuisca il proprio cognome? In questo caso, va aggiunto al cognome della madre o sostituisce quello usato in precedenza? A rispondere alle nostre domande è la Corte di Cassazione,...



[x] chiudi

IN PRIMO PIANO

Mantenimento figlia e rendicontazione

L’ex-marito non ha diritto di chiedere il rendiconto delle spese sostenute per il mantenimento della figlia. Questo è quanto sostenuto dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 12645/15 depositata il 18 giugno scorso. E’ una sentenza che si rifà...




FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio