CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Diritto del padre al congedo

Diritto del padre al congedo
Con una sentenza dello scorso 9 febbraio 2012 viene riconosciuto al padre il diritto di usufruire di congedi e permessi, indipendentemente dalla situazione lavorativa della madre, quando la stessa sia casalinga e quindi secondo la definizione giuridica sia “lavoratrice non dipendente”.
Nel caso specifico si tratta dell’adeguamento a disposizioni di legge vigenti.
La sentenza del 9 febbraio 2012 del Tribunale del Lavoro di Venezia ha accertato la natura discriminatoria del comportamento del Ministero dell’Interno nei confronti di un suo dipendente.
Lo stesso aveva chiesto al proprio datore di lavoro di poter usufruire dei permessi giornalieri al posto della moglie casalinga (cosiddetti permessi per l’allattamento del bambino che possono essere chiesti al termine del congedo per maternità e fino al compimento di un anno di vita del bambino e che comunque possono essere usufruiti per accudire il bambino indipendentemente dall’effettivo allattamento) previsti dall’articolo 40 del T.U. n. 151/2001 denominato ”Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità”.
Il padre lavoratore aveva chiesto di usufruire dei riposi giornalieri e anche dei periodi di congedo per malattia del figlio di cui all’articolo 47 del TU n. 151 del 26.03.2001 (congedi per malattia del figlio).
Tali permessi e congedi gli erano stati tutti negati con la motivazione che la moglie e madre è una “casalinga” e quindi si prende già cura del bambino.
Il lavoratore discriminato si è rivolto all’Ufficio della Consigliera di parità di Venezia per ottenere il risarcimento della mancata fruizione dei permessi giornalieri (normalmente di due ore giornaliere), del congedo per malattia e del danno subito per il mancato esercizio del lavoro di cura verso il proprio figlio.
Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Venezia ha accolto il ricorso promosso nei confronti del Ministero dell’Interno rilevando la natura discriminatoria del comportamento tenuto dal datore di lavoro affermando che anche il lavoro della “casalinga” deve essere definito attività lavorativa a tutti gli effetti.
Le regole dettate dall’articolo 40 del T.U. sopra citato prevedono che il padre possa usufruire dei permessi giornalieri:

  • nel caso in cui i figli siano affidati al solo padre;
  • in alternativa alla madre lavoratrice dipendente che non se ne avvalga;
  • nel caso in cui la madre non sia lavoratrice dipendente; in caso di morte o di grave infermità della madre.
Le regole dettate dall’articolo 47 del T.U. sopra citato prevedono:

  1. congedi per malattia nei primi tre anni di vita del bambino, in alternativa tra il padre e la madre, senza limiti di tempo anche se la malattia non è in fase acuta;
  2. dai quattro anni e fino agli otto anni di età del bambino ciascun genitore alternativamente può astenersi dal lavoro, nel limite di 5 giorni lavorativi all’anno (per un totale di 10 giorni complessivi tra madre e padre, non fruibili contemporaneamente) per malattie di ogni figlio. Lo stato di malattia deve essere documentato con certificato medico rilasciato da specialista del SSN o dal medico di base convenzionato. La malattia del bambino che dia luogo a ricovero ospedaliero interrompe, a richiesta del genitore, il decorso delle ferie in godimento.
A tali congedi di cui all’articolo 47 del T.U. non si applicano le disposizioni sul controllo della malattia del lavoratore. Tali congedi spettano al genitore richiedente anche qualora l’altro genitore non ne abbia diritto. I giorni di congedo vanno richiesti al datore di lavoro con 15 giorni di preavviso e, anche se la legge non lo specifica, si ritiene che tali giorni siano di calendario. Per i congedi di cui all’articolo 47 per malattia del bambino, al lavoratore che si assenta per accudire il figlio malato non spetta retribuzione, tali assenze sono coperte da contribuzione figurativa. Sono invece retribuiti al 100% i permessi per allattamento di cui all’articolo 40.
Si specifica che tali permessi spettano in aggiunta ai normali permessi previsti dal contratto di lavoro applicato al lavoratore.

Rag. Maurizio Cason Villa

COMMENTI

Anna
22/02/2012 14:15:45
Ben fatto! Nella nostra cultura ancora troppo persone ritengono che la casalinga sia una non-lavoratrice!
Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI

Organismi di mediazione e conciliazione

B&B Professione Mediatore S.a.s.

Via Vetera, 8
21100 Varese (VA)
Tel. 031990613 - Fax. 0312289757

info@professionemediatore.it - www.professionemediatore.it

IN EVIDENZA
Locazione abitativa, Successioni, Patti di famiglia, Donazioni, Compravendita immobiliare, Condominio, Proprietà e diritti reali, Locazione commerciale, Conciliazione e mediazione, Responsabilità medica
Avvocati

Avv. Angelo Biasino

via Ferdinando d'Aragona, 36
76121 Barletta (BT)
Tel. 0883762209 - Fax. 0883762306

a.biasino73@gmail.com







CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →

LEGGI ANCHE

IN PRIMO PIANO

Riconoscimento figli, cognome del padre

Quando un padre decide di riconoscere il figlio, è obbligatorio che gli attribuisca il proprio cognome? In questo caso, va aggiunto al cognome della madre o sostituisce quello usato in precedenza? A rispondere alle nostre domande è la Corte di Cassazione,...



IN PRIMO PIANO

Mantenimento figlia e rendicontazione

L’ex-marito non ha diritto di chiedere il rendiconto delle spese sostenute per il mantenimento della figlia. Questo è quanto sostenuto dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 12645/15 depositata il 18 giugno scorso. E’ una sentenza che si rifà...



IN PRIMO PIANO

Finanziamenti per famiglie sospesi fino a 12 mesi

Dal 1 aprile 2015 è in vigore un nuovo aiuto alle famiglie in difficoltà: la sospensione fino a 12 mesi di mutui e prestiti. E' questo il risultato dell'Accordo siglato il 31.3.2015 tra l'Associazione delle Banche Italiane (ABI) e 9 Associazioni di Consumatori.L'agevolazione...



IN PRIMO PIANO

La nuova legge sul divorzio breve

Dopo un dibattito durato per anni, rimandi e discussioni, pochi giorni fa è stato approvato in via definitiva il cosiddetto divorzio breve, cioè la norma che consente di ottenere il divorzio in tempi stretti se in presenza di determinati requisiti. Cosa...



IN PRIMO PIANO

Maternità libere professioniste, quando

Le lavoratrici libere professioniste hanno diritto alla maternità? Se la risposta è affermativa: in quali casi e con quali modalità? La legge in vigore parla chiaro. Vediamo in dettaglio la durata, gli importi e tutto quello che c’è da sapere. Professioniste...



[x] chiudi

IN PRIMO PIANO

Banche e uso del contante

L’uso del contante da alcuni anni è legato ad un’altalena normativa che sembra non riesca mai a fermarsi. Pochi giorni fa è stato comunicato che si sarebbe introdotta una imposta progressiva sui versamenti in contanti oltre una determinata soglia per...




FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio