CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Stalking e tutela della donna

Stalking e tutela della donna
Il 20 febbraio 2009 sono state introdotte ulteriormente altre misure restrittive per contrastare i reati di violenza sessuale.
Tali misure sono contenute nel decreto-legge, presentato dal Ministro Maroni e approvate, con modificazioni ma all’unanimità, dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 20 febbraio 2009.
Infatti: si prevede l’ergastolo in caso di omicidio commesso in occasione dei delitti di violenza sessuale, atti sessuali con minorenne, atti persecutori; si estende l’obbligatorietà della custodia cautelare in carcere per i delitti di prostituzione minorile, pornografia minorile, iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile, violenza sessuale, esclusi i casi di minore gravità; si prevede l’arresto obbligatorio in flagranza per violenza sessuale, tranne i casi di minore gravità.
Il decreto ha inoltre stabilito: per il controllo del territorio i sindaci potranno avvalersi della collaborazione di associazioni tra cittadini non armati per segnalare agli organi di polizia eventi che possono arrecare danno alla sicurezza urbana.
Le associazioni si dovranno iscrivere in un apposito elenco tenuto dal Prefetto. Con un apposito decreto del Ministero dell’Interno si individueranno gli ambiti operativi, i requisiti per l’iscrizione nell’elenco e verranno disciplinate le modalità di tenuta degli stessi elenchi.
Sempre per un migliore controllo del territorio i Comuni potranno utilizzare sistemi di video sorveglianza in luoghi pubblici e si potrà procedere, entro il 31 marzo 2009, all’assunzione di 2.500 unità di personale delle Forze di Polizia.
Infine si introduce il reato di “stalking”, per sanzionare minacce e molestie reiterate che potrebbero degenerare in violenza sessuale. Il sistema sanzionatorio previsto stabilisce delle aggravanti se il fatto è commesso dall’ex partner o nei confronti di minori, donne in gravidanza o persona disabile.
Si introduce anche il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima o da persona a questa legata da relazioni affettive. Il delitto di “stalking” allarga il concetto di minaccia. Infatti dopo l’articolo 612 (minacce) è inserito il seguente: “Art. 612-bis (Atti persecutori). Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni chiunque, con condotte reiterate, taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita. La pena è aumentata se il fatto è commesso da coniuge legalmente separato o divorziato o da persona che sia stata legata da relazione affettiva alla persona offesa. La pena è aumentata fino alla metà se il fatto è commesso a danno di un minore, di una donna in stato di gravidanza o di una persona con disabilità di cui all’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992 n. 104, ovvero con armi, o da persona travista. Il delitto è punito a querela della persona offesa, il termine per la proposizione della querela è di sei mesi. Si procede tuttavia d’ufficio se il fatto è commesso nei confronti di un minore o di una persona con disabilità di cui all’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992 n. 104, nonché quando il fatto è connesso con altro delitto per il quale si deve procedere d’Ufficio”.  
Inoltre è altresì disposto il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. Il giudice prescrive all’imputato di non avvicinarsi a luoghi determinati abitualmente frequentati dalla persona offesa ovvero di mantenere una determinata distanza da tali luoghi o dalla persona offesa. Qualora sussistano ulteriori esigenze di tutela, il giudice può prescrivere all’imputato di non avvicinarsi a luoghi determinati abitualmente frequentati da prossimi congiunti della persona offesa o da persone con questa conviventi o comunque legate da relazione affettiva ovvero di mantenere una determinata distanza da tali luoghi o da tali persone. Il giudice può, inoltre, vietare all’imputato do comunicare, attraverso qualsiasi mezzo.
Si aggiunge: Presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le pari opportunità – è istituito un numero verde nazionale a favore delle vittime degli atti persecutori, attivo ventiquattro ore su ventiquattro, con la finalità di fornire, nei limiti di spesa di cui al comma 2 dell’articolo 13, un servizio di prima assistenza psicologica e giuridica da parte di personale dotato delle adeguate competenze nonché di comunicare prontamente, nei casi di urgenza e su richiesta della persona offesa alle forze dell’ordine competenti gli atti persecutori segnalati.
Come si può vedere il Governo ha tentato di tutelare al massimo l’incolumità e la dignità della persona fisica. In genere è costituita da una donna. Si rammenta che la collaborazione delle vittime è fondamentale per l’applicazione della legge. Le donne devono combattere per la salvaguardia dei loro diritti.

Avv. Daria Pesce

COMMENTI

virgy
21/02/2012 13:27:33
la legge c'è ma non si applica nel modo corretto dovè la tutela di chi subisce non l'ho vista ma ho visto la sofferenza e la paura di chi ha subito vissuto con una pena all'aggressore di 6 mesi di domiciliari con il permesso di andare a lavorare e andare al bar a prendere il caffè
Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI

Avvocati

Avvocato Alessandra Parente

via Giuseppe Ferrari , 12
00195 Roma (ROMA)
Tel. 0697658757 - Fax. 0699858279

alessandraparente@ordineavvocatiroma.org - www.studiolegalecpc.it

IN EVIDENZA
Divorzio, Separazione dei coniugi, Condominio, Proprietà e diritti reali, Consulenze civilistiche, Difesa del contribuente, Fallimento, Procedura di esdebitazione, Recupero crediti, Consumatori
Avvocati

Avv. Francesco Corallini Garampi

IN EVIDENZA
Divorzio, Patti di famiglia, Donazioni, Contratti commerciali, Difesa del contribuente, Illeciti amministrativi trasporto e circolazione, Recupero crediti, Accertamenti fiscali, Contenzioso tributario, Enti non commerciali
Professionisti

Redazione Professionisti.it

via Stradivari, 1
20131 Milano (MI)
Tel. 0236593186 - Fax. 0270039893

redazione@professionisti.it







CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →

LEGGI ANCHE

IN PRIMO PIANO

Stalking, tutela delle vittime in UE

Si registra un importante passo avanti nella protezione delle vittime di stalking o di abusi fra le mura domestiche. E' ora in vigore a tutti gli effetti una norma che estende la tutela a tutti gli stati membri dell'Unione Europea. Si tratta di un'ottima...



IN PRIMO PIANO

Decreto sulla violenza negli stadi

Il decreto legge che introduce nuove norme per contrastare la violenza negli stadi ha avuto il via libera della Camera e passerà ora al Senato, dove, a meno di intoppi dell'ultimo minuto, non dovrebbe conoscere sostanziali modifiche. Le variazioni introdotte...



IN PRIMO PIANO

Diffamazione anche su facebook

La popolarità dei social network ha raggiunto in tempi recenti livelli tali che, le piattaforme di maggior successo, contano milioni di utenti giornalieri attivi, alcuni dei quali condividono ogni istante della propria vita quotidiana, ogni loro pensiero,...



IN PRIMO PIANO

Molestia è anche una sola azione

Corte di Cassazione, Sezione I Penale, sentenza 12 - 28 febbraio 2014, n. 9780. «Il reato di molestia o disturbo alle persone, secondo consolidato insegnamento giurisprudenziale, non ha natura di reato necessariamente abituale, sicché può essere realizzato...



IN PRIMO PIANO

Stalking, lesioni e rimessione della querela

I Giudici della Sez.V penale, della Suprema Corte di Cassazione, nella sentenza n.38690/13 hanno stabilito che lo stalker che provoca anche lesioni personali alla vittima subisce comunque il processo per questo secondo reato anche nel caso in cui la...



[x] chiudi

IN PRIMO PIANO

Infermiere non appone sponde a letto...omicidio colposo

La mancata apposizione delle spondine del letto, per il rifiuto opposto dal paziente, non esimono l’infermiere da responsabilità per omicidio colposo in caso di decesso per grave trauma contusivo conseguente a caduta accidentale. E non può essere richiamato...




FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio