CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Novità sui compensi per i professionisti

Novità sui compensi per i professionisti
La Legge di Stabilità 2012 approvata di recente e che entrerà in vigore il 1 gennaio 2012 ha modificato, all’articolo 10, la norma (articolo 3, comma 5) in tema di professioni contenuta nella cosiddetta manovra di agosto 2011 (decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148).
Viene dato così impulso alla riforma degli ordinamenti professionali che dovrà essere attuata con decreto del Presidente della Repubblica, entro un anno dall’entrata in vigore (13 agosto 2011) della manovra stessa.
Il decreto legge n.138 aveva, infatti, declinato una serie di principi cui gli ordinamenti professionali dovranno conformarsi, tra i quali è significativo quello della lettera d) del richiamato articolo 3, comma 5, che concerne il compenso professionale.
La Legge di Stabilità nel prendere in esame la riforma degli ordini professionali e le società tra professionisti ha ora espunto la parte che imponeva di prendere a riferimento le tariffe professionali nella determinazione dei compensi (che di fatto creava solo confusione) ed ammetteva la loro pattuizione anche in deroga alle tariffe.
Tale norma non è soggetta all’entrata in vigore del decreto attuativo della riforma degli ordinamenti professionali che dovrà essere concretizzata entro la fine del 2012, né al regolamento che il Ministro della Giustizia dovrà emanare entro il 30 giugno 2012 di concerto con il Ministro dello Sviluppo Economico con riferimento a particolari aspetti della società tra professionisti quali l’osservanza del codice deontologico, la partecipazione ad una sola società, e l’obbligo che l’incarico venga prestato da soci in possesso dei requisiti per l’esercizio della prestazione professionale richiesta designati dal cliente o, in mancanza, previamente comunicatogli per iscritto. 
Le norme tuttora in vigore sugli ordinamenti professionali verranno abolite con l’entrata in vigore del suddetto regolamento: ciò significa che fino alla fine del corrente anno la situazione non muterà e per i successivi sei mesi sarà di fatto operativa una deroga per quanto riguarda i compensi dei professionisti.  
L’articolo 3 del decreto legge n. 138 risulta quindi modificato dalla legge di Stabilità come segue: articolo 3. Abrogazione delle indebite restrizioni all'accesso e all'esercizio delle professioni e delle attività economiche. (…) 5. Fermo restando l'esame di Stato di cui all'articolo 33, quinto comma, della Costituzione per l'accesso alle professioni regolamentate, gli ordinamenti professionali devono garantire che l'esercizio dell'attività risponda senza eccezioni ai principi di libera concorrenza, alla presenza diffusa dei professionisti su tutto il territorio nazionale, alla differenziazione e pluralità di offerta che garantisca l'effettiva possibilità di scelta degli utenti nell'ambito della più ampia informazione relativamente ai servizi offerti.
Con decreto del Presidente della Repubblica emanato ai sensi dell'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988 n. 400, gli ordinamenti professionali dovranno essere riformati entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto per recepire i seguenti principi: (…) d) il compenso spettante al professionista è pattuito per iscritto all'atto del conferimento dell'incarico professionale .. Il professionista è tenuto, nel rispetto del principio di trasparenza, a rendere noto al cliente il livello della complessità dell'incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento alla conclusione dell'incarico. In caso di mancata determinazione consensuale del compenso, quando il committente è un ente pubblico, in caso di liquidazione giudiziale dei compensi, ovvero nei casi in cui la prestazione professionale è resa nell'interesse dei terzi si applicano le tariffe professionali stabilite con decreto dal Ministro della Giustizia; (…) 5-bis.
Le norme vigenti sugli ordinamenti professionali sono abrogate con effetto dall’entrata in vigore del regolamento governativo di cui al comma 5.

Avv. Fabrizio Colonna

Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI

Architetti

Architetto Silvia Volpe

via XVI Marzo, 2
20832 Desio (MB)
Tel. 0362.309937

arch.silviavolpe@alice.it

IN EVIDENZA
Progettazione architettonica di edifici residenziali, Pratiche edilizie, Collaudo e agibilità, Barriere architettoniche, Catasto e Conservatoria, Efficienza energetica, Stime e perizie, Consulenze tecniche, Abusi edilizi






CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →

LEGGI ANCHE

IMPRESA ED ENTI

Appropriazione indebita e infedeltà patrimoniale

La sentenza della Cassazione Penale n. 4244 depositata in Cancelleria il 1° Febbraio 2012, con riferimento all'udienza del 25 Ottobre 2011, offre lo spunto per analizzare la distinzione tra il reato di appropriazione indebita (articolo 646 codice penale)...



IMPRESA ED ENTI

Il Lean Thinking

Nasce il Lean Thinking, un nuovo modo di pensare, che si sostanzia in una riorganizzazione dell’impresa, per riuscire ad eliminare tutti gli sprechi presenti nella ideazione, produzione, distribuzione, fornitura di prodotti e servizi.L’idea base è che...



IN PRIMO PIANO

Decreto liberalizzazioni: passo indietro sui preventivi...

Mercoledì scorso, poco prima della mezzanotte, è entrato in vigore il decreto legge sulle liberalizzazioni approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 24 gennaio 2012. Una delle principali novità per gli utenti dei servizi professionali introdotta...



[x] chiudi

IMPRESA ED ENTI

Il recesso del socio

Il diritto di recesso consiste nel diritto del socio di sciogliere il rapporto contrattuale che lo lega con gli altri soci, lo stesso costituisce una deroga al principio generale previsto dall’articolo 2252 del codice civile in cui si stabilisce che...




FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio