Consulenza o Preventivo Gratuito

Sosta vietata nei parcheggi

del 18/10/2011

Contatta | Studio Legale Avv. Daria Pesce
Via Colonnetta, 5 Milano 20122 Milano (MI)
Sosta vietata nei parcheggi
Per tornare a un argomento definibile evergreen, è da notare quanto l’acquiescenza dei privati cittadini, i quali spesso si sentono inermi di fronte a una macchina burocratica qual è l’Amministrazione comunale, risulti in uno spropositato guadagno da parte dell’Amministrazione stessa dovuto – talvolta – a una mancanza di controllo sull’operato amministrativo dei comuni stessi.
Per dirla in altre parole nel caso dei parcheggi a pagamento i Comuni dovrebbero, come tutti, seguire la legge, nella specie quella riguardante la creazione delle aree di sosta.
Infatti, l’articolo 7, comma 8 del codice della strada stabilisce che “qualora il comune assuma l’esercizio diretto del parcheggio con custodia o lo dia in concessione ovvero disponga l’installazione dei dispositivi di controllo di durata della sosta di cui al comma 1, lettera f) , su parte della stessa area o su altra parte nelle immediate vicinanze, deve riservare una adeguata area destinata a parcheggio rispettivamente senza custodia, o senza dispositivi di controllo di durata della sosta."
Tale obbligo non sussiste nei casi di:

  • area pedonale;
  • zona a traffico limitato;
  • zone definite "A" dall’articolo 2 del decreto ministeriale 1444/68 (ossia le parti del territorio interessate da agglomerati urbani che rivestono carattere storico, artistico o di particolare pregio ambientale o da porzioni di essi, comprese le aree circostanti, che possono considerarsi parte integrante, per tali caratteristiche, degli agglomerati stessi) e in altre zone di particolare rilevanza urbanistica, opportunamente individuate e delimitate dalla giunta nelle quali sussistano esigenze e condizioni particolari di traffico. 
Di conseguenza il verbale di accertamento e contestazione per sosta vietata in un’area di parcheggio a pagamento sarà sempre nullo se nella zona non è presente anche un’area di parcheggio libera.
In questo senso si sono espresse le Sezioni Unite della Cassazione, con la sentenza n. 116 del 9 gennaio 2007, confermando una decisione del Giudice di Pace di Cagliari il quale sulla base del citato articolo del codice della strada dichiarava la nullità e inefficacia di alcuni verbali di accertamento e contestazione per sosta vietata e condannava il Comune dove venivano contestate le infrazioni al rimborso delle spese processuali.
Tutto questo discorso significa che i cittadini sono sicuramente tenuti a rispettare la legge, obbligo però che va ancor prima rispettato dalla Pubblica Amministrazione.
L’acquiescenza, l’omesso controllo sugli atti del Comune e soprattutto l’omessa contestazione dei verbali riempie le tasche delle Amministrazioni pubbliche svuotandole ingiustamente ai cittadini.
Fare ricorso quando la multa è ingiusta, oltre che un diritto, è un dovere morale di chi la legge la rispetta davvero.

Dott. Francesco Pesce
vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Infrazioni al Codice della strada: ricorso al Prefetto

del 08/07/2010

Sgombriamo subito il campo da un equivoco, l’unico atto che può essere giuridicamente impugnato è c...

Non perde punti chi non dichiara il conducente

del 14/07/2010

Se non si dichiara il nome del conducente in seguito ad un’infrazione al Codice della strada non si...

Multe: novità col nuovo Codice della strada

del 19/07/2010

Il nuovo Codice della strada riguardante le infrazioni impedisce ai comuni di fare cassa con gli i...