Consulenza o Preventivo Gratuito

Da oggi termini dimezzati per i ricorsi contro i verbali

del 06/10/2011

Da oggi termini dimezzati per i ricorsi contro i verbali

Da oggi, 6 ottobre (in quanto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 21 settembre scorso), entra in vigore il decreto legislativo 1 settembre 2011 n.150, che ha introdotto (o, meglio, tentato di introdurre) una disciplina “comune” al fine di cercare di ridurre a soli tre “riti-base” i numerosi tipi di procedimento che regolano la materia processuale civile.
Alcune di queste disposizioni riguardano, in particolare, le impugnazioni dei verbali di infrazione al codice della strada (oltre a numerose materie affini); e ci sembra pertanto utile fornire perlomeno un primo “vademecum” riassuntivo.
Il primo dato generale – quello forse più importante, e che rende più chiaro quanto poco proficuo sia stato, a parere di chi scrive, l’esito dell’operazione – è costituito dal fatto che l’opposizione “diretta” contro un verbale di accertamento di infrazione amministrativa al codice della strada, quella cioè che si propone dinanzi al Giudice di Pace, non è più regolato solo dall’articolo 204-bis del codice della strada ma, ora, anche e soprattutto dall’articolo 7 del decreto legislativo 150/11 e, per alcuni richiami, dal suo articolo 5, dalla sezione del codice di procedura civile che tratta del rito cosiddetto “del lavoro” e da quel che resta dell’articolo 204-bis, norma che l’articolo 34 comma 6 lettera a) sempre del decreto legislativo 150/11 non àbroga, ma “riduce” a due soli commi: perciò possiamo probabilmente affermare che l’opera di “unificazione” non pare essere particolarmente ben riuscita.
Cercando di mettere un po’ di ordine nella materia, e rimandando per approfondimenti alla voce in corso di aggiornamento, le principali innovazioni riguardano:

  • I TERMINI: il termine per presentare il ricorso (direttamente in cancellerie del Giudice di Pace competente o a mezzo raccomandata AR) è stato dimezzato: prima era di sessanta giorni; ora è stato ridotto ridotto a trenta (articolo 7 comma 3 decreto legislativo 150/11), sempre decorrenti dal giorno successivo a quello in cui si è perfezionata la contestazione immediata o la notificazione del verbale; se l’interessato risiede all’estero, il termine è di sessanta giorni.
  • LA SOSPENSIONE PROVVISORIA DEL VERBALE: novità anche per la concessione della “sospensione provvisoria” dell’efficacia esecutiva del verbale, già ristretta di recente dall’introduzione del comma 3-ter dell’articolo 204-bis. Ora, invece, vige e regolamenta per intero la materia l’articolo 5 del decreto legislativo 150/2011 e dunque la “sospensiva” può essere concessa dal Giudice – se vi è espressa richiesta del ricorrente (anche al di fuori del ricorso) e “sentite le parti”, dunque in un’udienza ad hoc – quando ricorrono “gravi e circostanziate ragioni” (mentre, nella formulazione dell’articolo 204-bis il presupposto era costituito da “gravi e documentati motivi”). Se le parole hanno un senso, dobbiamo dunque desumere che ora non è più necessario che i motivi siano “documentati”, ma che le “ragioni” siano, oltre che gravi, anche “circostanziate” (cioè concrete e ben ricollegabili al nocumento che il cittadino avrebbe dall’esecuzione del verbale a giudizio pendente). L’ordinanza relativa è non impugnabile, e deve contenere le motivazioni appena indicate.
  • LA SOSPENSIONE “INAUDITA ALTERA PARTE” DEL VERBALE (articolo 5 comma 2 decreto legislativo 150/11): è una novità rispetto al comma 3-ter dell’articolo 204-bis del codice; ma in realtà reintroduce il “vecchio” regime dell’articolo 22 ultimo comma della legge 689/81, seppur “inasprendolo”. Ora il Giudice, quando esiste “pericolo imminente di un danno grave e irreparabile”, può concedere l’ordinanza di sospensione dell’efficacia del verbale anche senza sentire le parti; ma la sospensione cessa automaticamente se non viene confermata nella prima udienza.
  • L’APPLICABILITA’ GENERALE DEL “RITO DEL LAVORO”, che in realtà costituisce una specie di ritorno alle origini, dal momento che l’opposizione ad ordinanza-ingiunzione (su cui era stata “costruita”, sebbene con stratificazioni spesso singolari, quella diretta al verbale) era stata già costruita dalla legge 24.11.1981 n. 689 sul telaio del “rito del lavoro”; sicchè ora il giudizio di opposizione a verbale somiglia moltissimo a quello di opposizione ad ordinanza-ingiunzione; ne deriva una (supposta ed ipotetica) maggiore snellezza e celerità e la conferma dell’esistenza di notevoli poteri officiosi del Giudice.
  • LA REINTRODUZIONE DELL’”INSUFFICIENZA DI PROVE”: asserzione volutamente provocatoria nel suo atecniciscmo, ma calzante; il “vecchio” articolo 204-bis, come rimaneggiato, non prevedeva più, a differenza del penultimo comma dell’articolo 23 legge 689/81 in materia di opposizione ad ordinanza ingiunzione, la possibilità per il Giudice di accogliere il ricorso quando non vi fossero prove sufficiente della responsabilità dell’opponente; ora questa facoltà viene trasformata in “dovere” (“accoglie” e non “può accogliere”) dal comma 11 dell’articolo 7 decreto legislativo 150/11.
  • LA DISCIPLINA DELL’ASSENZA DELL’OPPONENTE ALLA PRIMA UDIENZA: l’articolo 9 comma 2 disciplina – in questo caso “coordinando” le varie disposizioni – l’iter della prima udienza nella quale l’opponente (o il suo difensore) non si presenti senza giustificato motivo, disponendo che il Giudice convalidi in tal caso – con ordinanza impugnabile in appello (mentre fino al 2006 era una sentenza ricorribile per Cassazione) – il provvedimento opposto; ma, ed è eccezione importante che recepisce indicazioni della Corte Costituzionale, solo qualora la Pubblica Amministrazione abbia depositato tempestivamente (cioè dieci giorni prima dell’udienza, come suo onere) la documentazione inerente l’accertamento e l’illegittimità del verbale non risulti già dalla sola documentazione allegata dal ricorrente.

Avv. Nicola Fabio de Feo
Avv. Nicola Fabio de Feo

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Infrazioni al Codice della strada: ricorso al Prefetto

del 08/07/2010

Sgombriamo subito il campo da un equivoco, l’unico atto che può essere giuridicamente impugnato è c...

Non perde punti chi non dichiara il conducente

del 14/07/2010

Se non si dichiara il nome del conducente in seguito ad un’infrazione al Codice della strada non si...

Multe: novità col nuovo Codice della strada

del 19/07/2010

Il nuovo Codice della strada riguardante le infrazioni impedisce ai comuni di fare cassa con gli i...